03 set 2011

Ferragosto: in “campeggio” con bagno incorporato


Riportiamo la testimonianza di A. Prestigiacomo sullo spropositato uso del territorio (figlio di assoluta mancanza di regole e controlli) in ricorrenze come il Ferragosto, che gravano sui residenti.

Come ogni anno la vigilia del Ferragosto è motivo per i cittadini italiani di migrazioni verso le spiagge più vicine e più belle d’Italia. A Palermo vi sono delle spiagge libere che vengono anno per anno prese d’assalto, ma essendo sprovviste di servizi igienici e servizi d’ordine, a pagarne le spese sono le borgate vicine.

http://www.flickr.com/photos/65314324@N05/6041701382/ Come è noto le spiagge di Arenella e Vergine Maria, appunto completamente abbandonate dal comune, sono due delle spiagge martoriate. I bagnanti non si limitano a fare il bagno, ma portano con se provviste e attrezzature per rimanere intere settimane a mare.

Mancando i servizi igienici, le persone sono costrette a doversi lavare con l’acqua delle fontane site nelle borgate. Decine di individui che non si limitano a riempire l’acqua e andare via. La gente munita di sapone e ricambi, si avvia nelle fontanelle pubbliche, scambiando le piazzette per camerini o bagni pubblici.


È ovvio che a pagarne le spese sono gli abitanti di queste borgate che tuttavia non possono fare altro che segnalare alle autorità competenti ( capitaneria di porto e carabinieri) quello che accade sotto i loro occhi, ma queste fanno dei semplici controlli e poi filano via.

http://www.flickr.com/photos/65314324@N05/6041704324/Un altro dei tanti problemi che si vengono a creare sono gli ingorghi stradali causati dai posteggi “animaleschi”.

Centinaia di automobili si accumulano nei posti meno consentiti: a ridosso di curve pericolosissime per esempio, o davanti le case delle persone che sono prive persino di uscire. Il caos grava anche sulla pazienza della gente e basta una scintilla per far scoppiare degli alterchi che potrebbero degenerare.

Il comune guarda tutto questo con molta tranquillità, ha posto dei dissuasori per evitare l’ingresso delle macchine, sia all’Arenella che a Vergine Maria, ma non ha garantito un controllo più costante che renda più vivibile la situazione. Agli abitanti di queste due borgate non resta che tanta amarezza e un pugno di sabbia nelle mani…

DSC00254


caosdisagiferragostotende ferragostovergine maria

16 commenti per “Ferragosto: in “campeggio” con bagno incorporato
  • Metropolitano 3236
    03 set 2011 alle 12:04

    Sarebbe meglio riservare la spiaggia solo ai residenti dell’Arenella. Non è giusto che gli “stranieri” (provenienti da altri quartieri) ci mettono l’impronta sopra come se fosse il loro territorio, a spese della gente del quartiere. Questi invasori del quartiere si vergognino.

  • Yroku 27
    03 set 2011 alle 12:27

    @Metropolitano
    Sinceramente il sarcasmo non mi sembra ci stia molto in questa situazione…

  • fabdel 989
    03 set 2011 alle 13:24

    stesso problema abbiamo qui all’addaura con i campeggiatori e gente che bivacca che lasciano un porcile ovunque e con le coppiette di tutte le età, anche vecchi con l’amante (vecchia anch’essa), che per terra buttano fazzoletti, preservativi e, non contenti, tutti i rifiuti che hanno dentro le auto (hanno buttato un grosso televisore con tubo catodico vicino ad un albero 3 metri mare!!!!

  • fabdel 989
    03 set 2011 alle 13:28

    stesso problema abbiamo qui all’addaura con i campeggiatori e gente varia che bivacca che lasciano un porcile ovunque e con le coppiette di tutte le età, anche vecchi con l’amante (vecchia anch’essa), che per terra buttano fazzoletti, preservativi e, non contenti, tutti i rifiuti che hanno dentro le auto: qualche giorno fa hanno buttato un grosso televisore con tubo catodico vicino ad un albero a 3 metri mare!!!! (l’ho visto dal balcone di casa mia, mi sono armato di guanti e sono andato a toglierlo)

  • Metropolitano 3236
    03 set 2011 alle 14:24

    Non ho scritto niente di sarcastico nel mio penultimo commento. Per prevenire queste altre fesserie io riserverei quella spiaggia solo ai residenti dell’Arenella e dell’Addaura. Gli altri vadano altrove !

  • Orazio 793
    03 set 2011 alle 16:21

    SI giusto, l’Arenella agli Arenelli, Vergine Maria ai Vergini e alle Vergini, Mondello ai Mondati, l’Addaura agli Addauri, Palermo ai Palermitani, la Sicilia ai Siciliani… BOH?

  • fabdel 989
    03 set 2011 alle 17:11

    sig orazio, le sembra normale che la gente si venga ad accampare nelle nostre borgate occupando tutto il litorale? vorrei vedere se nel suo quartiere si venissero a piazzare per 3 mesi camper, caravan, roulotte e tende adibite a W.C., come reagirebbe lei e gli altri residenti.
    un conto è passare una giornata in spiaggia da personi civili (e nessuno nega questo diritto), un altro conto è invece occupare luoghi in spregio alle piu elementari norme di igiene e di civile utilizzo degli spazi pubblici tra l’altro con mezzi invasivi come quelli succitati

  • Viajero Solitario 2
    03 set 2011 alle 17:15

    Sì, “Trento ai trentatré trentini, Lecco ai Leccesi e Perugia ai parigini” (cit.).

    Non scherziamo con le cose serie… è l’educazione che si deve insegnare, mica ghettizzare…

  • Orazio 793
    03 set 2011 alle 17:46

    Fabdel, no, non mi pare giusto. Però sinceramente chiudere l’Arenella ai non residenti mi pare un’idea alquanto bislacca.

  • aper13 20
    03 set 2011 alle 18:35

    Comunque riservare una spiaggia ai residenti è un assurdo in termini giuridici. Non c’è Comune, Regione o Stato che possa fare una cosa del genere in ragione dei princìpi costituzionali. Di certo l’ingresso in determinate aree può essere limitato, ma a tutti. Penso per esempio alle aree marine protette, ai siti archeologici, alle zone a rischio. Dobbiamo sempre abituarci a pensare che esiste un ordinamento a cui la magistratura tende a conformarsi, non ha senso pensare in questo modo perché sarebbe come mettersi a discutere dell’abilità degli asini nel volare.
    Cordiali saluti a tutti.

  • Freddie 1052
    03 set 2011 alle 22:00

    Questi sono i classici zinagari-palermitani, che niente hanno a che vedere con i rom ma che sono zingari dentro, sporchi e disadattati. Come li volete riprendere? come glielo volete spiegare che la spiaggia è un bene pubblico se probabilmente neanche sanno parlare correttamente in italiano? La situazione sta degenerando, parte della popolazione sta tornando realmente allo stato brado. Se il rispetto non gli si riesce ad insegnare, gli si può comunque imporre…con dei bei “squadroni” anni 20, poi li vedi correre…eccome se li vedi correre.

  • Luca 129
    04 set 2011 alle 10:14

    Non esiste piu’ legalita’. Siamo nella terra di nessuno, dove non vige piu’ alcuna legge.

    Si fanno commenti qui su come proibire quattro metri quadrati di spiaggia, su come usare gli squadroni.
    Siamo alla frutta. Siamo senza idee, e questo ne e’ la prova.
    Argomenti poveri, scusate se lo dico…

    Queste tendopoli abusive, questa immondizia ormai giornalmente gettata ovunque per strada, questi mercanti e mercatini abusivi, questi gazebi abusivi, questi posteggiatori abusivi, queste casa abusive che nascono senza rispetto del territorio, queste soste abusive, queste discariche abusive (e mi fermo per non essere noioso) sono solo segno che Palermo e’ FINITA. In 10 anni la citta’ e’ sprofondata in un degrado stile terzo mondo, culturale e urbanistico.

    Vedo chi si vuole candidare per Palermo. Io farei una campagna al contrario. Cercherei di convincere i cittadini a non votare nessuno di questi POLITICANTI DI PROFESSIONE, che non lavorano, ma mangiano…

    Vorrei vedere dei giovani disinvolti e disinteressati ai soldi, vorrei vedere giovani pieni di passione proporre soluzioni VERE contro questo degrado, a partire dalla negazione del mare, frutto anche questo di abusivismo edilizio senza limiti.

    Occorre tornare indietro, avere il coraggio di ABBATTERE, demolire lo schifo che separa Palermo dal mare, e GESTIRE queste spiagge, evitando che gli Zulu’ se ne impossessino. E servono soluzioni come quelle del sindaco di Aspra, che ha vietato ogni tipo di attrezzatura in spiaggia, solo asciugani e ombrelli. Funziona cosi’ anche in America, e le spiaggie sono perfette.

  • massimo 0
    05 set 2011 alle 20:40

    BEH, posteggio abusivo davanti alle case abusive…. chi è autore del suo male pianga se stesso…


Lascia un Commento