11 giu 2011

Piazza Pretoria: se per caso vi eravate illusi…


Anche se apparentemente ce ne dimentichiamo, rimaniamo (noi tutti) vigili su alcune battaglie di vecchia data.

Riportiamo il testo inviatoci dall’utente TheSearcher:

Vi volevo segnalare, se questo possa ancora essere un argomento da portare avanti (io penso di si), riguardo l’abuso continuato di siddetti signori che si permettono di parcheggiare l’auto in Piazza Pretoria nonostante i vostri post dall’inizio dell’anno (fosse solo questo lo scandalo saremmo in una città al confine con la Svizzera).

Allego foto delle autovetture che ho trovato parcheggiate alle ore 21:20 dello scorso sabato 14 maggio.

Faccio notare che tutte le auto erano vuote, anche quella della Municipale, che si presume debba vigilare. Tra quelle fotografate e che erano in piazza, almeno durante la mia presenza, 21:20-21:30, segnalo la Panda blu che aveva il fatidico Pass senza indicazione della targa dell’autovettura sul pass stesso, dunque non solo l’aver parcheggiato abusivamente in zona di divieto, ma anche esibendo un’autorizzazione incompleta.

Nella fattispecie, data la natura e funzione stessa del pass, usufruibile da chiunque in quanto non associata a nessuna targa.

Facile immaginarsi di poterla dare a figli, parenti e anche amici…comunque ricordo che qualcuno abbia già sollevato il tema in precendenza sul blog.

Io suggerirei di richiedere una volta e per tutte al Comune di ritirare questi pass “invalidi” da chi ne è in possesso, indicando per cominciare la Panda blu. In quel caso presumo che verrebbero ritirati a tutti…nel qual caso dovesse risorgere il problema, non si fa altro che riportare la cosa a un giornale di importanza regionale o nazionale se non ad altri mezzi più incisivi…

Sarebbe interessante ricevere un vostro feedback su questa mia proposta. Non so se sia fattibile.

Fattibilissimo! Anche se con un pò di ritardo, vale sicuramente la pena tenere alta l’attenzione.


consiglieri comunali palermoparcheggio piazza pretoriapiazza bellinipiazza Pretoriapolizia municipalesindaco palermovigili urbani

9 commenti per “Piazza Pretoria: se per caso vi eravate illusi…
  • huge 2128
    11 giu 2011 alle 7:25

    E non so se avete notato che il pass in questione scadeva il 31/12/2010, da restituire entro il 2/1/2011.
    Questo a testimoniare che nessuno controlla.
    I vigili sanno che quella Panda appartiene a questo o quel consigliere comunale e neanche si prendono la briga di accertarsi che tutto sia in regola (almeno sulla carta).
    Certo che è dura lottare contro gente che pensa che tutto gli sia dovuto e concesso.
    Totalmente priva del concetto di bene pubblico.
    Questa di piazza Pretoria credo sia una battaglia quasi impossibile da vincere.

  • mastpalermo 115
    11 giu 2011 alle 7:30

    Non so a quando risalgono le foto, ma il pass è pure scaduto infatti c’è scritto: LA PRESENTE AUTORIZZAZIONE SCADE IL 31/12/10 e che quel pass andava riconsegnato il 02/01/11.

  • Luca 129
    11 giu 2011 alle 7:41

    Questa e’ prepotenza assoluta, senza scusanti.
    Ma scordarsi o meno di menzionare questa storia, cambiera’ nulla.
    Possiamo pure metterlo in prima pagina di tutti i giornali, su tutti i blog, ovunque. Le cose non cambiano. “Questi qui” se ne sbattono. Stanno li’, prendono mega stipendi, e la gente perde il lavoro, vive nella munnizza e impazzisce nel traffico.
    Chi li deve toccare? Questo schifo con tutto il resto, cosa cambia? Hanno i posti conservati per le prossime legislature!
    Non voglio sembrare facinoroso, ma mi sento in trappola, e vedo solo una soluzione possibile, la rivolta della gente! Di tutta la gente.
    Mandare via questi incivili e trasgressori della legge dai luoghi del potere. Non aspettiamo ancora un’altro anno. Le elezioni sono vicine, ma non e’ possibile vivere ancora nella munnizza, nella violazione dei diritti dei cittadini, nel menefreghismo e nella prepotenza di chi perpetua un chiaro atteggiamento soverchioso e clientelare.
    Io credo che queste cose vadano al di la’ di qualunque comprensione e tolleranza. Dobbiamo reagire ora, subito, affondiamo sempre piu’!
    Ma cosa altro ci devono fare? Sputarci addosso quando passiamo da Piazza Pretoria???

  • Freddie 1052
    11 giu 2011 alle 7:56

    Allucinante. Ma cosa può fare di più la cittadinanza attiva? neanche se li fotografi si vergognano…e continuano a fare quello che gli viene più comodo in barba al ruolo che rivestono.

  • bloodflower 127
    11 giu 2011 alle 8:46

    Cmq se per caso mi fossi illuso… ma non mi ero illuso, tranquilli :-P Mi trattiene il mio senso civico e la mia civiltà, ma sarebbe il caso di salire fisicamente sopra le automobili che commettono tali infrazioni, per il semplice fatto che non dovrebbero essere là. Come salire sui cofani delle auto che parcheggiano sulle striscie pedonali. Semplicemente perché non dovrebbero essere là.
    Ci sono? Non vengono punite? Le punisco io. Per la gioia dei lattonieri che avranno tante carrozzerie da ribattere.
    Ma come detto… sono troppo civile per questa città di barbari (e so che gli Ostrogoti mi perdoneranno per averli accostati ai palermitani)

  • trunk 73
    11 giu 2011 alle 22:03

    Il problema della Polizia Urbana in questa città e veramente qualcosa di molto serio. Tanti, tantissimi vigili imboscati e inetti. Una organizzazione del lavoro allucinante e per nulla produttivo.

  • ARCHIMEDE 34
    11 giu 2011 alle 22:06

    non credo poi ci voglia un detective per capire che l’autorizzazione della 3 foto è assolutamente illegale, è semplicemente un modulo prestampato non compilato sul quale è stato apposto uno scarabocchio (per giunta brutto) a simulare una firma.
    -Manca il numero e la data del protocollo un timbro ufficiale
    anche io potrei stamparne uno uguale uguale a casa

    Lo considero ancor più illegale e meschino del semplice divieto di sosta!

  • mediomen 1136
    12 giu 2011 alle 9:47

    @ ARCHIMEDE
    …anche io potrei stamparne uno uguale uguale a casa..
    Prova a farlo e ti ritrovi addosso 100 vigili, 100 carabinieri, 100 poliziotti, 100 guardia di finanza ecc
    Tu come io non apparteniamo alla “casta”


Lascia un Commento

Ultimi commenti