11 apr 2011

Scandalo Parco Orleans: entrare, distruggere e uscire “autorizzati” da nessuno – parte II


Ci eravamo lasciati con il racconto disarmante che narrava di come chiunque possa introdursi nell’area di cantiere senza alcun divieto, anzi con una ipotetica”autorizzazione” nulla del custode.

Passeggiando per il parco si possono notare diversi lembi di terreno ancora indefiniti, e imbattersi nell‘impianto di irrigazione, questo, funzionante.

Come visibile, eccetto il lembo tra i due vialetti, parte del verde intorno è semplice vegetazione spontanea che, periodicamente, viene tagliata dagli addetti ai lavori. In mezzo ad essa si scorgono le piantumazioni previste.

Ma come si nota dalla foto seguente, il 70% del terreno è ridotta in queste condizioni:

E’ stato difficile capire se tra le sterpaglie vi siano piantumazioni oppure no. Non è di facile intuizione la destinazione di queste fette di terra. Di certo si continua a far ricrescere la vegetazione spontanea per poi tagliarla, e così via.

Anche nelle zone in cui sarebbe previsto il prato, padroneggia rigogliosa l’erbaccia. E’ pur vero che il prato può spuntare dopo 2-3 settimane dalla semina, quindi deduciamo che l’apertura non è affatto vicina.

Di seguito infine alcuni scatti delle vasche che dovranno raccogliere l’acqua, oggetto di una polemica circa un problema di permealizzazione di cui nessuno ha dato risposta.

Seguirà reportage su altre parti del parco e sulle strutture ultimate e, purtroppo, vandalizzate.


impianto irrigazioneingresso parco orleanslaghettimarianna caroniaparco orleansverde parco orleans

18 commenti per “Scandalo Parco Orleans: entrare, distruggere e uscire “autorizzati” da nessuno – parte II
  • Fulippo1 1354
    11 apr 2011 alle 9:56

    Sconfortante del tutto, io vorrei capire con che tempistiche vengono eseguiti i lavori, non si stà parlando di chissà quale opera architettonica, ma di un semplice parco, e nonostante tutto dopo anni di lavori ancora è in questo stato.
    Secondo me un paio di contadini, avrebbero ripristinato tutto in un decimo del tempo che stanno impiegando queste persone, di qui a questo punto si può mettere in dubbio sia la capacità che la professionalità.

    L’ennesimo spreco di denaro che stà facendo arricchire qualche politico e qualche imprenditore, come al solito sulle nostre spalle!

  • pinowolf 125
    11 apr 2011 alle 10:21

    ma che ci vuole ad arare tutto con un semplicissimo trattore e seminare il prato?????
    poi con un bel cannolo si mette l’acqua nelle vasche così le collaudano, no?
    cosa aspettano??? che piova?????

  • Luca 129
    11 apr 2011 alle 12:02

    Mi viene da piangere. Ho una rabbia infinita dentro me!
    Non possiamo stare a guardare. Stiamo sprofondando sempre piu’!
    Dobbiamo reagire!

  • diesse78 123
    11 apr 2011 alle 12:25

    sono una massa di incompetenti rubasoldi. ci vorrebbe un movimento civico in modo da poter fare sentire la nostra voce direttamente a palazzo delle aquile, dai creiamolo i numeri secondo me ci sono, se vogliamo veramente cambiare la nostra citta’!!!!!!!

  • tonio.fiorino 0
    11 apr 2011 alle 15:27

    bello veramente, macchia mediterranea, finalmente qualcosa di piu` adeguato e consono al clima e alla filologia botanica della nostra citta`..da notare l`assenza del principale denotatore di parco o giardino a palermo, la colata di cemento o i gradini strategici per impedire ai disabili di usufruirne..
    veramente soddisfatto di come il comune investa bene i nostri soldi!!!

    ;)

    PS: ho fatto delle foto all`ormai tristissimo parco di villa Niscemi..da turista ho notato che piu` che un Park e` ormai un Car-Park con 5 vetture del comune posteggiate strategicamente per impedire le foto alle piante secolari piu` belle, sempre da turista ho costatato il degrado generale, la sporcizia e l`incuria, oltre all`acqua putrida delle papere..ho fatto notare ai vigili urbani ma mi hanno detto che e` stato anche ripulito da poco..sigh..ne avevo un ricordo di una decina di anni fa quando era un po` meno abbandonato e un`oasi ci andavo con i miei a dare da mangiare alle papere..che tristezza..mi piangeva il cuore!!

    ho fatto delle foto a villa nisce

  • mimusso 157
    11 apr 2011 alle 17:10

    Il bello che qualche tempo fa, quando qualcuno si è lamentato della piantumazione, delle costruzioni, della lentezza, è stato persino criticato perchè “non vi va bene mai nulla”…
    Dico, dopo 30 anni vissuti a Palermo, non sappiamo come vanno le cose?
    Era scontato…

  • SpinaPalermitana 29
    11 apr 2011 alle 19:09

    Piu’ di un mese fa mi e’ stato riferito che in una delle due vasche sarebbe presente una perdita…provavano a riempirla ma al mattino dopo questa era piena solo per meta’!
    A quanto pare ancora non ne sono venuti a capo…….

    @tonio.fiorino : this is Favorita’s style!

  • Fulippo1 1354
    11 apr 2011 alle 21:02

    Come proponeva qualcuno in un post precedente, ci vogliono le mazze!!!!!! A mio dire, allo stato attuale delle cose è l’unica soluzione.

  • monachella 84
    12 apr 2011 alle 9:25

    sbaglio o la luce ogni giorno è accesa da più di un anno? A sto punto visto che il parco non è agibile spegnete queste luci e date il denaro per pagare la bolletta del giardino inglese!

  • marcozs 361
    13 apr 2011 alle 17:45

    che bisogno c’era di andarsi a complicare la vita con le vasche?

    piantate 4 alberi e curateli…

  • wiz55 12
    13 apr 2011 alle 22:14

    questo ‘parco’ e’ nato male. mi sa che finira’ peggio dei giardini della zisa!


Lascia un Commento