05 apr 2011

PSP “Palermo capitale dell’EuroMediterraneo”: pubblicato il piano d’azione


Ne avevamo discusso in questo articolo, in molti ci chiedevano come mai dopo due anni non fosse stato reso noto un documento finale a seguito di tavoli e partecipazioni varie.

A seguito della nostra segnalazione (sarà stato sicuramente un caso) è stato finalmente pubblicato il piano d’azione del Piano Strategico di Palermo.

Lo potete scaricare dal link seguente:

PSP_Piano d’azione_light


maurizio cartapiano azione psp palermopiano strategico palermopsp palermo

Articolo successivo

22 commenti per “PSP “Palermo capitale dell’EuroMediterraneo”: pubblicato il piano d’azione

Comment navigation

  • Michele79 113
    06 apr 2011 alle 21:00

    Analizzando superficialmente il piano ho notato delle gravi negligenze, a Palermo oltre al problema del traffico, ci sono delle emergenze che non sembrano di facile risoluzione è sono l’IMMONDIZIA e la DISOCCPAZIONE come vengono affrontate in questo?
    La raccolta differenziata è segnalata come un indice di strategicità (IS) 4 molto basso in fondo alle priorità …. di individuazione di nuove discariche, centro di raccolta diff., rigassificatori o inceneritori nemmeno l’ombra.

    Per la Disoccupazione la mia semplice ricetta prevede la realizzazione di nuove attrattività che giustificano ed affiancano il gran lavoro previsto per il Polo Fieristico-Congressuale, mi rifesco a manifestazioni internazionali (vedi Valencia con il GP di F1) , ecco le mie proposte:
    1) un circuito cittadino per ridare lustro alla TARGA FLORIO;
    2) un’area ove realizzare un PARCO DIVERTIMENTI A TEMA;
    3) un MUSEO degno di questo nome

    Cmq per quanto riguarda la realizzazione del piano sono ottimista, l’importante è compartimizzare il piano, ed affidare ogni singolo progetto alla supervisione di enti specifici, ad esempio:
    - la realizzazione dei Parchi Urbani e delle riserve nataturalistiche potrebbero essere supervisionati da enti quali wwf, lega ambiete, ecc…;
    - la circovallazione esterna affidata alla Provincia in quanto molti dei paesi dell’interland e la viabilita’ stradale è uno dei cardini dell’ente provincia assieme alle scuole secondarie e l’attrattività turistiche.
    - ecc….

  • Irexia 717
    10 apr 2011 alle 15:12

    @ Michele 79
    Ma perché la Targa Florio passava per Palermo? Non era una gara tra le sterrate stradine della provincia?
    Io un altro museo lo farei in città: quello dei Borbone! E ovviamente dovremmo fornire di indicazioni, inventari e visibilità in genere quelli già presenti…
    Credo che la raccolta differenziata possa portare di per sè molto lavoro soprattutto se porta a porta: tra personale che raccolgie, quello che trasporta, quello che controlla, quello che smista e infine quello che ritrasporta l’ormai ex-rifiuto divenuto nuova risorsa alle imprese che ne hanno bisogno. Inoltre potrebbe far nascere tante piccole società a livello locale…


Lascia un Commento