04 apr 2011

Raddoppio ferroviario Pa-Me, tratta Ogliastrillo. Aggiornamento…


Si continua a lavorare per realizzare la galleria Ogliastrillo vicino lo svincolo autostradale di Cefalù. I metri finora scavati sono poco più di 300, con la motivazione che il terreno è molto friabile e quindi bisogna procedere con prudenza, mettendo i vari pannelli di protezione ogni decina di metri scavati. Tutto ciò comporta molto più tempo per realizzare lo scavo. Speriamo che i tempi possano essere rispettati, recuoerando tempo su altre tratte.  FOTO DATA 21/03/2011




altero matteolicefalù 20 scarlmobilità regione sicilianuove infrastrutture siciliaprovincia palermoraddoppio ferroviario fiumetorto cefalùraddoppio ferroviario pa-meregione sicilia

12 commenti per “Raddoppio ferroviario Pa-Me, tratta Ogliastrillo. Aggiornamento…
  • moscerino 267
    04 apr 2011 alle 8:10

    bellissime foto, complimenti, in relazione ai tempi di scavo asportazione e consolidamento delle gallerie presumo che si tratti eclusivamente di un problema monetario e di sondaggi geologici preventivi fatti male, in quanto problematiche di terreno “friabile” sono accaduti nella quasi totalità delle gallerie in costruzione a livello mondiale, si registrano casi in cui la talpa poteva precipitare in caverne di cui si sapeva l’esistenza ma non l’esatta localizzazione, ma la realizzazione dell’intera opera (tunnel sotterraneo per movimentazione auto sotto la metropoli di Shanghai) è avvenuta in due anni.
    Di certo non siamo nella giovane e moderna Cina, ma la vecchia Europa e l’Italia in testa è così senile?

  • Otto Mohr 47
    04 apr 2011 alle 8:36

    Da un punto di vista tecnico si possono progettare e costruire opere in pochissimo tempo anche qui. Ma dato che per tempi di realizzazione più brevi i costi di progettazione e costruzione aumentano, ciò può essere fatto solo per quelle opere (stradali, ferroviarie, idrauliche, ecc..) per le quali ci sia un immediato bisogno…altrimenti economicamente sarebbe uno spreco di denaro.

  • huge 2198
    04 apr 2011 alle 10:33

    300m in effetti sono pochi, considerando che parliamo di una galleria lunga 4km che dovrebbe teoricamente essere completata entro l’anno prossimo.
    Ma lo scavo viene effettuato senza TBM?! Anche senza i problemi menzionati prima, senza talpa ci vorrà un’eternità.

  • huge 2198
    04 apr 2011 alle 10:34

    Domanda: ma lo scavo avviene solo in direzione ME, o è stato avviato un secondo cantiere a Ogliastrillo per scavare in direzione opposta?

  • renard 235
    04 apr 2011 alle 12:08

    Credo che scavino da entrambi i laiti, almeno ci sono due cantieri, uno accanto all’hotel Costa Verde ed uno (a cui credo si riferiscono le foto) ad Ogliastrillo, subito dopo l’uscita dell’autostrada dove è stata fatta una deviazione della statale.

  • Metropolitano 3316
    04 apr 2011 alle 13:06

    Solo 300 metri. Non so se ce la faranno entro il 2012 a questo ritmo ? A meno che abbiano iniziato da poco ed il problema per ora non si pone ancora.

  • Amo_Palermo 161
    04 apr 2011 alle 17:15

    I cantieri dovrebbero essere tre: Uno in zona Ogliastrillo (foto), uno accanto al Costa Verde ed uno vicino la Stazione di Lascari. Infatti nel primo e nel terzo è stata deviata la SS113 per consentire la realizzazione dell’imbocco della Galleria.
    A questo punto i fronti di scavo dovrebbero essere 4:
    -Zona Lascari direzione Messina
    -Zona Ogliastrillo direzione Palermo
    -Zona Hotel costa verde direzione Messina e Palermo.
    Quest’ultima però dovrebbe essere l’uscita di emergenza della galleria, scavata anch’essa in galleria perpendicolare a quella di progetto, quindi non so se sono arrivati alla fine per cominciare a scavare nei due “sensi” dei binari…
    (oddio, non so se sono stato chiaro…)

  • Metropolitano 3316
    04 apr 2011 alle 17:52

    @Amo_Palermo
    cioè intendi che devono prima superare una certa distanza dall’imbocco sullo scavo per scavare anche dall’altro lato e questo solo dopo aver scavato il cunicolo pilota ??

  • Amo_Palermo 161
    04 apr 2011 alle 18:33

    No, non ho parlato (scritto…) di cunicolo pilota.
    Quando le gallerie sono molto lunghe occorre, per questioni di sicurezza, creare un usccita/ingresso di emergenza dalla quale poter evacuare/accedere in caso di necessità.
    Lo sbocco di questa uscita dovrebbe essere quello vicino all’hotel costa verde, ma per cominciare a scavare la galleria ferroviaria vera e propria hanno dovuto prima costruire questo tratto di galleria.

  • Amo_Palermo 161
    04 apr 2011 alle 18:36

    Faccio un esempio di fantasia.
    Immaginiamo che a palermo si decida di fare una galleria naturale profonda da Orleans fino a San Lorenzo, tutta sotto terra.
    Si comincerà a scavare dai due imbocchi.
    Immaginiamo poi che una delle uscite di emergenza la localizziamo a piazza campolo, che c’è spazio. Iniziamo a scavare in galleria naturale in direzione mare fino a raggiungere l’asse della futura galleria. A questo punto si può cominciare a scavare, “guardando il mare”, verso destra e verso sinistra con due fronti che andranno incontro ai due fronti di scavo partiti dai due imbocchi.

    non so se sono stato chiaro…

  • Metropolitano 3316
    05 apr 2011 alle 8:52

    Si ho capito. E così hanno fatto in alcune gallerie per realizzare l’autostrada Messina-Palermo con lunghissimi tunnel e per il raddoppio Messina-Patti. Fanno così anche per il tratto Fiumetorto-Castelbuono se dovranno scavare tunnel più lunghi di 2-3 km. Ma bisogna vedere quanto sarà lunga quella galleria sotto l’hotel CostaVerde. I due imbocchi sono presenti ergo mi pare che scavino in entrambe le direzioni. I due imbocchi di quella galleria sono visibili dalla Statale 113, ma prima erano visibili anche dalla A20 quando non avevano installato davanti agli imbocchi quelle baracche per l’alloggio degli operai.

  • Metropolitano 3316
    13 lug 2011 alle 1:48

    Il Consorzio Cefalù 20 nella bufera. 131 su 176 lavoratori (3/4 del personale) pronti per essere licenziati. Rimarrebbero 45 operai per le opere in corso e in fase di completamento e le opere non ancora realizzate affidarle in subappalto. Ahinoi !
    Un vertice che era previsto Martedì 12 Luglio (ieri), del quale non si sanno ancora gli esiti. Tutta la Provincia in agitazione ! (C’è rischio di non vedere completata l’opera per il 2012)

    http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/caserta/notizie/economia/2011/5-luglio-2011/consorzio-cefalu-20-131-lavoratori-rischio-proclamato-stato-d-agitazione-1901022791118.shtml

    MobilitàPalermo ci dia ulteriori informazioni a riguardo !!


Lascia un Commento