01 apr 2011

La guerra delle piantumazioni


Vi segnalo questo gruppo palermitano nato su facebook, si chiama Guerrilla Gardening Palermo e si tratta di un gruppo di persone che nottetempo piantuma piccole piantine colorate nelle aiuole abbandonate della città. Il prossimo obiettivo, questa sera, è il Foro Italico. Bella iniziativa e complimenti.


Guerrilla Gardening Palermo

20 commenti per “La guerra delle piantumazioni
  • pepposki 310
    01 apr 2011 alle 16:15

    Perché non dovrebbe essere legale? Non viene fatto nessun abuso…..ne estirpano piante già presenti…ne usano cemento o solventi chimici… prendono solamente aiuole dimenticate dove gli unici colori che si vedono sono quelli della munnizza, le ripuliscono, e aggiungono qualche piantina…

  • pinowolf 125
    01 apr 2011 alle 16:33

    oggi ho visto qualcosa di simile vicino il mercato ortofrutticolo moooooooolto grazioso e da ripetersi.complimenti

  • MAQVEDA 17489
    01 apr 2011 alle 17:39

    Questa è la dimostrazione che ci vogliono i cittadini per curare la città, non i nostri inetti politici.
    Segnalate con precisione le aiuole in questione, voglio proprio vederle.

  • fabdel 989
    01 apr 2011 alle 18:50

    lo faccio anch’io da almeno 3 anni (da quando neppure sapevo che esistesse questo movimento nel mondo), anche se non faccio parte dei gg di palemro. io pianto tutti i tipi di grasse che raccatto dalle potature dei giardinieri oltre che i polloni delle mie piante.

  • Gianlu07 3
    01 apr 2011 alle 19:47

    Beh che dire, complimenti, almeno c’è chi tenta nel suo piccolo di migliorare la città, dato che politici ed amministratori se ne fottono…

  • Freddie 1052
    01 apr 2011 alle 22:10

    Bellissima iniziativa! sarei curioso di vedere alcune foto del prima e dopo il loro intervento…mi piacerebbe sapere anche cosa piantano di preciso, cmq complimenti di nuovo!

  • tasman sea 20
    02 apr 2011 alle 8:43

    foto, perfavore!
    anch’io, come fabdel, per molto tempo piantavo rose e altre essenze (a villa giulia), ma sapete cosa? gli esemplari venivano rubati dagli addetti al verde. una volta pagai 15.000 lire per una rosa coctail dei vivai lo porto, chiesi autorizzazione agli addetti di villa giulia, e la piantai. dopo qualche giorno la rosa non c’era più. non trasferita, rubata.

  • Andrea 0
    02 apr 2011 alle 12:37

    piuttosto non dovrebbe essere legale rubare le piante dalle aiuole, danneggiare il verde, gettare la carta o i rifiuti per strada ecc… speriamo anche di vedere nascere un guerrilla rubbishing

  • fabdel 989
    02 apr 2011 alle 13:30

    io non pianto rose e/o fiori ma le piante grasse _opuntie, agavi, aloe, etc_ sia perchè sono rustiche e non hanno bisogno di cure, sia perchè meno soggette ad essere rubate. a me invece hanno rubato, l’inverno scorso, due grandi agavi attenuate (agave attenuata: la pianta della copertina dell’album Exciter dei depeche mode). messe a dimora fuori, dopo pochi gironi se le sono fottute. da allora pianto solo piante non troppo grandi in modo che, non notandosi troppo, hanno tutto il tempo di sviluppare un apparato radicale per saldo al terreno che non le possa fare estirpare


Lascia un Commento