25 mar 2011

Giornata FAI di Primavera il 26-27 Marzo


Vi invitiamo a partecipare numerosi a questa iniziativa del FAI in occasione dei primi giorni di primavera. E’ l’occasione per scoprire e riscoprire il nostro prezioso patrimonio culturale.

Siamo tutti pronti a ritrovarci in centinaia e centinaia di luoghi particolari, molti dei quali inaccessibili nel resto dell’anno e aperti eccezionalmente per la Giornata FAI di Primavera, un appuntamento giunto alla 19ª edizione. Sarà una straordinaria festa di piazza dal carattere e dall’atmosfera unici, una mobilitazione popolare che si lega come nessun’altra al patrimonio artistico, alla cultura, alla natura, all’identità del nostro Paese, proprio mentre si celebra il centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia.

La 19ª Giornata FAI di Primavera si svolge sabato 26 e domenica 27 marzo in 260 località in tutte le Regioni, con l’apertura di 660 beni.

Sostenere il FAI è un un modo diretto ed efficace per schierarsi in difesa del nostro patrimonio artistico e paesaggistico, per diventare “azionisti della nostra cultura”. Perciò, tutti coloro che, con l’iscrizione o con un’offerta, contribuiranno concretamente, riceveranno un distintivo con il logo della Fondazione: sarà quello, per tutta la Giornata, il segno di riconoscimento speciale che ci farà sentire protagonisti di questa grande mobilitazione.

In Sicilia saranno 37 i Beni aperti, sparsi in tutte le Provincie dell’Isola.

Nella Provincia di Palermo saranno quattro i luoghi da visitare: il Castello di Maredolce e il Reale Teatro Santa Cecilia in città, la Chiesa di Sant’Orsola a Termini Imerese e la Chiesa di Santa Maria degli Angeli a Caccamo.

Il Castello di Maredolce si trova in Vicolo Castellaccio ( traversa di via Giafar ) e sarà visitabile:

  • Sabato 26 Marzo 2011 dalle 10,00 alle 17,00 ( ultimo ingresso alle 16,30 )
  • Domenica 27 Marzo 2011 dalle 10,00 alle 18,00 ( ultimo ingresso alle 17,30 )

Il Real Teatro Santa Cecilia si trova in Piazza Teatro Santa Cecilia e sarà visitabile:

  • Sabato 26 Marzo 2011 dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 18,00.
  • Domenica 27 Marzo 2011 dalle 10,00 alle 18,00.

Vi rimandiamo al comunicato stampa integrale per tutti i dettagli e gli eventi previsti:

fai comunicato stampa


castello maredolcefaifai palermoteatro santa cecilia

8 commenti per “Giornata FAI di Primavera il 26-27 Marzo
  • mars 76 0
    26 mar 2011 alle 13:56

    CHE BELLO, CHE BELLO, CHE BELLO
    Ho visto il castello di Maredolce.
    Classico edifico arabo-normanno.
    Il punto è che i restauri in sè sono quasi conclusi, mentre si aspetta di poter risistemare il parco.
    Ma qui viene la grande sorpresa! Alle spalle del castello c’è già il parco, molto grande e con una profonda depressione dove da 20 giorni i tecnici del FAI hanno incanalato l’acqua delle sorgenti che scendono da monte Grifone, ripristinando l’originale lago che circondava il castello per tre lati ed aveva un’isola al centro con palme ecc.
    Un paradiso insomma. La gente era tra il sorpreso e l’entusiasta.
    Il lago è già profondo un metro e mezzo ma si vuole arrivare a 9 metri per lambire il castello. Già avvistati alcuni fenicotteri ( a dire dei ragazzi del FAI)
    Spero che oggi i TG ne parlkino ampiamente e vi facciano vedere le immagini

  • blackmorpheus 54519
    26 mar 2011 alle 17:10

    hanno ripristinato il lago di Maredolce??? Ma è una cosa sensazionale! Io me lo ricordo bene, perché quando andavo alle scuole medie lo avevamo adottato come monumento. Mi ricordo che ai tempi c’erano ancora gli abusivi che vi abitavano dentro! Speriamo che questa piccola perla venga recuperata…perché è veramente un pezzo di storia della nostra magnifica della nostra città. Anticamente si diceva che vi abitassero i ciclopi, perché vennero ritrovati dei teschi di Mammuth erroneamente confusi con teschi umani

  • Ant 8
    27 mar 2011 alle 9:01

    Oggi passeggiata destinazione Castello di Maredolce.
    Abito a due passi dal castello e finalmente potrò vederlo restaurato!!!
    Mi ricordo di aver sentito (quindi nessuna notizia certa, solo voci) che dopo il restauro avrebbero abbattuto degli edifici abusivi (non so se lo sono veramente sempre “curtigghi” arrivati alle mie orecchie) che si trovano davanti all’ingresso del castello, per intenderci tra Via Giafar e il castello stesso che vengono utilizzati come magazzini\attività commerciali (fruttivendoli).
    Più tardi, se volete, mando qualche foto!

  • mars 76 0
    27 mar 2011 alle 9:29

    No, gli edifici sono ancora lì, ma c’è realmente il progetto di abbatterli. Si aspetta un ulteriore finanziamento. Dentro il castello troverai il plastico di come tutta l’area sarà in futuro

  • Ant 8
    27 mar 2011 alle 11:17

    Sono appena tornato dalla visita al castello..che dire…un pezzo di storia che è necessario valorizzare oltre il restauro, riuscendo a tenerlo aperto e non farlo decadere!
    Altissima presenza di persone per le visite guidate con le spiegazioni date dai ragazzi (mi ha ricordato i primi anni di Palermo apre le porte a cui ho partecipato), con coda alle 12 per entrare.
    Ho visto (e fotografato) il plastico e il progetto all’interno delle sale, spero che si continui e si vada avanti!

  • Irexia 700
    27 mar 2011 alle 15:42

    Davvero hanno cominciato a riempire il mare dolce del castello?! E’… è… è meraviglioso!!!!
    Veramente abbatteranno quelle casupole davanti l’ingresso?!
    Sul serio i restauri sono a buon punto?!
    Potrei avere un collasso! E io che pensavo che tutto fosse fermo…

    Ma, questi giorni a parte, il sito rimarrà aperto per la fruizione dei turisti che da tutto il mondo vengono in città? Se ben ricordo non sono presenti parcheggi per pullman di turisti… Certo al di là dell’aspetto monumentale (strepitoso e unico) sarebbe bellissimo se fosse comunque aperto e fruito come parco, un po’ come la reggia di Caserta che è sì un monumento, ma dalla 18:00 o dalle 19:00 c’è l’ingresso gratuito per i cittadini residenti ed è tutto un passeggiare di famiglie con passeggini e bambini, nonchè biciclette. La reggia così vive non solo per i turisti ma per tutti, diventando sul serio un bene pubblico!

  • Ant 8
    27 mar 2011 alle 18:07

    @Irexia: i restauri stanno giungendo al termine motivo per cui hanno iniziato a riempire il lago artificiale, come dicevo prima il problema è renderlo fruibile ai turisti o comunque ai palermitani!
    Sarebbe bello fare in modo da rendere vivo il Castello e il parco anche come giardino pubblico per tutti ma ancora non è possibile perché l’isolotto artificiale è di proprietà di un privato che l’ha trasformato in agrumeto (non ho ben capito se stanno provvedendo all’esproprio).
    Per quanto riguarda le casupole che sono utilizzate come magazzini\negozietti, il progetto prevede che la parte antistante il castello diventi una piazza, potete vedere il progetto che ho fotografato stamattina al link: http://img832.imageshack.us/i/dsc07740w.jpg/


Lascia un Commento