19 feb 2011

Paradosso Anello Ferroviario!


Mentre Tram e Passante Ferroviario procedono speditamente……


fermata politeamagiacherypassante frroviario di palermo; anello ferroviario di p

50 commenti per “Paradosso Anello Ferroviario!

Comment navigation

  • antony977 166164
    19 feb 2011 alle 14:37

    @euridice, lungo lo spartitraffico è vietato parcheggiare.E poi dove li vorresti far realizzare questi parcheggi?

  • Faso 55
    19 feb 2011 alle 14:41

    si continua a parlare di posteggi lungo lo spartitraffico di via leonardo da vinci…è vietato!Se poi ci posteggiano tutti e anche le macchine dei VV.UU. è un altro discorso.

  • emmegi 717
    19 feb 2011 alle 14:51

    Ancora con questa storia….

    SUL LATO SX DI VIA L. DA VINCI, SULLE DUE CARREGGIATE, LA SOSTA NON E’ VIETATA.
    L’ avevo già scritto.
    I divieti sono individuati dai cartelli stradali e cartelli stradali non ce ne sono.
    Fatevi tutta la strada e ditemi se non è cosi.

  • gkm 94
    19 feb 2011 alle 15:12

    OT
    @tonio.fiorino

    in linea di massima sono d’accordo con te: certe opere non sono “necessarie”. Tuttavia c’è un particolare importante: alcune opere possono funzionare con i soldi pubblici. Tu mi potresti dire “ma se non si ripaga da sola, è in perdita, perché deve pagare lo stato??”. Sbagliato. Le cose pubbliche o statali non devono per forza generare soldi automaticamente, pensa alle scuole o alla magistratura. Il guadagno che ne ricaviamo è indiretto (istruzione, la lotta ai ladri). Stessa cosa con una metropolitana: con meno traffico sulla superficie puoi avere meno sprechi legati alla perdita di tempo, o al miglioramento dell’aria, o all’attrattiva per i turisti (che i soldi li danno ai commercianti, mica possono pagare 100€ di viaggio in metro).

    Quindi il discorso è calcolare anche i vantaggi indiretti quando si fa un opera, non solo i semplici costi di mantenimento, e se il privato non ce la fa non per propri demeriti, integrare coi soldi pubblici. Poi è ovvio che essendo governati da arraffoni, di soldi in cassa ce ne saranno sempre pochi. Ed è anche chiaro che gli stessi arraffoni spendono il decuplo del necessario per favorire amici palazzinari et similia.
    IMHO

  • Calò 80
    19 feb 2011 alle 17:04

    @tonio.fiorino

    Le opere come metropolitana o anello ferroviario in Italia non si devono ripagare. Non so come funzioni nel Regno Unito, ma qui lo stato o comunque gli enti locali ci mettono i soldi, sia per realizzare le opere pubbliche sia per garantire prezzi dei biglietti più bassi(attraverso contratti di servizio). Io credo che prima di tutto bisogna guardare i benefici ambientali e sanitari che avremo tutti dalla costruzione di queste infrastrutture. Metropolitana ed anello ferroviario inoltre andrebbero(sempre se li realizzeranno mai) a servire zone della città periferiche non attraversate da Tram e Passante ferroviario. Zone periferiche della città da cui ogni mattina partono pendolari, rigorosamente tutti in macchina, verso le zone centrali della città.

  • Calò 80
    19 feb 2011 alle 17:07

    Scusate, quando parlavo di zone periferiche, mi riferivo alla metropolitana leggera, non all’anello ferroviario.

  • Antony82 140
    19 feb 2011 alle 17:17

    Tutti commenti molto pertinenti e da utenti competenti. Bene.
    Quindi, COSA POSSIAMO FARE? PROPOSTE? FORZA FATEVI SOTTO E INCALZIAMO CHI DI DOVERE!

    Prego astenersi indugianti, grazie! FORZA!!

  • mimusso 157
    19 feb 2011 alle 17:35

    Sull’aumento (SPROPORZIONATO) dei costi dei lavori mi pare di ricordare che qualche mese fa uscì un articolo sul GDS più dettagliato e la spiegazione appunto di questi aumenti.
    Cmq, mi sembra l’ennesima opera che non vedrà lustro…

  • Luca 129
    19 feb 2011 alle 18:11

    L’anello ferroviario ha un’importanza strategica notevole in quanto insiste su zone altamente intasate e soffocate della citta’.
    Ogni opera che interessa scavi sotterranei comporta studi e varianti proprio per la presenza di altre reti.

    L’anello incompleto fu inaugurato per i mondiali del 90. Sono passati 20 anni, siamo ancora li’ per collegare 2 Km circa di linea ferrata peraltro gia’ esistente.

    Competenza, attitudine manageriale, progettualita’, sono tutte prerogative mancanti a questi amministratori da 2 lire.

    Con questi numeri, a cosa serve ancora parlare?
    Mandiamoli via a calci in culo. Veramente, bruciamo il tempo a blocchi di 20 anni, e siamo ormai il terzo mondo d’Europa.
    Viaggio tantissimo per lavoro, parte dell’Europa dell’Est, la Spagna, ormai non vedono piu’, ci hanno superato di brutto!

  • Edoardo Anello 0
    19 feb 2011 alle 21:08

    Articolo sul giornale di sicilia del 19 febbraio 2031…

    INAUGURATO OGGI L’ANELLO FERROVIARIO: UN GIRO IN 15 MINUTI!

    Oggi è partita la prima corsa dell’anello ferroviario: in 15 minuti il minuetto ha toccato le fermate PALERMOCENTRO-ALCAMODIRAMAZIONE-SEGESTA-TRAPANI-MAZZARADELVALLO-AGRIGENTO-GELA-CALTANISSETTA-CEFALU’-BAGHERIA-BRANCACCIO-PALERMOCENTRO. Tecnici di RFI assicurano che a regime l’anello sarò percorso in 13 minuti…

  • Metropolitano 3346
    20 feb 2011 alle 1:27

    @ emmegi, vietata o no dove passeranno i tram non potranno più fare il loro comodi abitudinari, perchè finalmente si metterà un po d’ordine con la linea 2 in tutto il via Leonardo Da Vinci, e in Viale Regione corsie laterali con la linea 3, quando finalmente toglieranno posti auto anche sul lato sinistro della tratta che va da Motel a Max Living. Prima dll’inversione del tram in c.so Calatafimi. E’ ora di cambiare abitudine per loro.

  • tonio.fiorino 0
    20 feb 2011 alle 3:54

    io semplicemente vi riporto cosa si legge nei giornali e cosa dicono su BBC..
    in questo momento stato, privati e unione europea stanno investendo nell`aggiornameto dell`intera rete metropolitana di Londra.
    come molte cose in Inghilterra la metropolitana e` dello stato ma gestita da privati ovviamente senza scopo di lucro..
    nel senso che lo scopo della gestione e` chiudere i bilanci in attivo, se perdono male, a quel punto interviene lo stato, se guadagnano investono ovviamente in servizi connessi con la metropolitana stessa.

    quello che mi ha stupito e` la costante che i manager intervistati usano..non ci sono abbastanza utenti..i prezzi aumentano, tagliano il personale, tagliano in manutenzione ordinaria, e i treni sono molto speso in ritardo a causa di segnali che non funzionano o problemi elettrici..e lo ro si giustificano dicendo che non ci sono abbastanza utenti.

    per questo penso che prima di fare grandi progetti si devono attuare quelli piccoli..
    credo che con un servizio bus efficiente e controlli sul traffico con disincentivi all`uso della macchina privata e incentivi su bus e mezzi alternativi, e` alla base di qualcosa di piu` grande.

    vero il discorso che i soldi sono vincolati ai progetti, facciamo un progetto di riforma della mobilita` attuale e facciamoci mandare i soldi..
    su quello che gia` abbiamo..lo stiamo vedendo a roma cosa succede con la linea C..sono praticamente immobili perche` in ogni direzione trovano qualcosa..e palermo non e` molto dissimile..unica differenza sotto e vuota e piena di falde acquifere..

  • Calò 80
    20 feb 2011 alle 9:39

    @Tonio.Fiorino

    Da quello che mi stai dicendo te, nel Regno Unito c’è un modo di gestire il trasporto pubblico locale pessimo a mio avviso.

  • phrantsvotsa 465
    20 feb 2011 alle 13:15

    @tonio.fiorino

    La metro di londra ha costi altissimi perchè è una struttura enorme; non facciamo paragoni inappriopiati.

    Sei davvero sicuro che non serva la chisura dell’anello? Perchè dici che non verrebbe utilizzata. Non viene utilizzata ora, perchè fa una corsa all’ora con un trenino diesel che farebbe ridere anche una città come kabùl. Hai mai visto la fermata Orleans di mattina? Ti assicuro che sembra Covent Garden nelle ore di punta. Io dico che serve, eccome se serve. Che poi si discuta da 20 anni per allungare una linea di meno di 2 km…questo è davvero vergognoso e sottolineo VERGOGNOSO!!

  • AnimosaCivitas 0
    20 feb 2011 alle 14:19

    Beh…oltre che vergognoso, diciamo che la cosa comincia a sconfinare nel comico e nel ridicolo. Siamo talmente delusi e rassegnati che appena qualche progetto importante viene proposto o messo in discussione per questa città, non ci crede nessuno, e tutti, compreso me, cominciano a scherzare e a tirare ad indovinare in quale secolo verrà portato a termine o addirittura iniziato.
    Secondo me la cosa è patologica e alquanto preoccupante!

    @tonio.fiorino
    Gli autobus e il controllo del traffico sono stati ampiamente sperimentati, provati in questa città. Ed è chiaro che qualsiasi tentativo è risultato assolutamente fallimentare!!
    Qui regna la giungla.
    Se la metro richiede tempi e costi eccessivi, io sono sempre più convinto che l’unica soluzione per questa città è una buona rete di TRAM!! vedrete che dopo qualche auto investita, perchè ferma oltre il semaforo e sulle rotaie, o direttamente parcheggiataci sopra, i cittadini di questa città impareranno,a proprie spese a regolarsi.

  • huge 2211
    20 feb 2011 alle 14:35

    Le infrastrutture per il trasporto pubblico non si realizzano per essere economicamente redditizie, ma perché i cittadini ne hanno bisogno. Poi è chiaro che le cose bisogna cercare di realizzarle con criterio, puntando anche a renderle redditizie, se possibile.
    Su Palermo gravitano oltre un milione di persone.
    Dire che una metropolitana o l’anello non servono è insensato.
    Questa città ha enormi problemi di mobilità che la sola rete di autobus, anche se fosse efficiente, non potrebbe risolvere.
    Certamente concordo sul fatto che bisogna pensare a come rendere i bus davvero efficaci, ma in parallelo alle infrastrutture di cui si parlava.
    Siamo già in ritardo di anni, per non dire decenni, non possiamo più aspettare.


Lascia un Commento