09 feb 2011

Nuovo impianto Gpl in via E. Basile


E’ da poco iniziata  la costruzione di un nuovo impianto carburanti in via E. Basile. L’impianto, che troverà ubicazione  poco prima del parcheggio Basile, sarà dotato anche di un distributore Gpl. Termine lavori previsto: fine Agosto 2011.


L’ubicazione rispetto gli attuali impianti gpl (siti nelle estreme periferie della città), offre  anche un risparmio di tempo per l’utenza.Minor tempo di percorrenza che si tramuta in minori consumi.Oltre anche a stimolare l’utilizzo (seppur in assenza di incentivi) delle vetture a gpl in previsione di una sicura nuova Ztl prevista dal PUT.


distributori carburanteGPLgpl palermo

25 commenti per “Nuovo impianto Gpl in via E. Basile

Comment navigation

  • Metropolitano 3236
    10 feb 2011 alle 11:12

    Seh, in futuro! Campa cavallo. Questa io la chiamo un’altra occasione mancata; in tutta la città e Provincia esiste un solo distributore di Metano.
    Nelle altre città e province italiane (come CT e NA) invece ce ne sono a bizzeffe.
    Che Vergogna.
    A meno che si mettano in regola, oppure completino i lavori per poi consentirgli l’ottenimento dell’autorizzazione… boooooh ??

  • The.Byfolk 43
    11 feb 2011 alle 8:49

    Vorrei suggerire al gentilissimo Staff di MobilitaPalermo di creare una mappa con i distributori di carburanti alternativi, presenti ed in progettazione, in modo da rendere chiara la situazione a chi si appresta ad acquistare un’auto o pensa di cambiarla.

    Io ad esempio non ho la minima idea di dove si trovino tali distributori!!

  • Euridice 2
    12 feb 2011 alle 16:41

    Una domanda per tutti: ho letto attentamente il cartello di concessione edilizia pubblicato da mobilità Palermo; io non riesco a leggere da nessuna parte che ci sarà anche la distribuzione del GPL, si parla solo di distribuzione carburanti. Qualcuno sa dirmi qualcosa in più? Grazie.

  • monte_Pellegrino 597
    13 feb 2011 alle 9:29

    gerry69, se non ricordo male, c’è una legge che non consente di aprire distributori di sola benzina e gasolio, se non c’è anche un caburante alternativo (metano o gpl). Quindi se il distributore di Bonagia non metterà nessuno dei due carburanti alternativi, allora dovrà chiudere: chi è l’incaricato di fare osservare questa legge e perchè non interviene a far chiudere l’impianto?


Lascia un Commento