27 gen 2011

Parco Favorita: inaugurata nuova illuminazione pubblica


Finalmente dopo tanti mesi di travaglio e il recente collaudo, oggi è stata inaugurata la nuova rete di illuminazione stradale all’interno del parco della Favorita.

Da diverso tempo le palificazioni e i punti luce (a risparmio energetico) giacevano in attesa di essere messi in funzione. Nelle ultime settimane diversi di voi ci avevano segnalato alcune prove di accensione.

(foto by Sicurauto)

Attendiamo da tutti voi pareri sul risultato dell’opera.


caroniagrisafiiluminazione pubblica palermonuova illuminazione favoritapali luce favorita

29 commenti per “Parco Favorita: inaugurata nuova illuminazione pubblica

Comment navigation

  • maurocann 9
    29 gen 2011 alle 16:22

    In questo sito parlano tutti come se fossero grandi ingegneri o progettisti, senza avere la minima cognizione di causa…
    Voi vorreste un parco come quelli londinesi suppongo!?
    1- non lo avrete mai perchè il clima in primis è diverso
    2- non lo avrete mai perchè il palermitano non è avvezzo a tali risorse
    3- dove pensate di dirottare il traffico veicolare che in tali zone confluisce!?

    Io abito a mondello e attraverso continuamente quel polmone verde e vi posso garantire che è sempre o quasi stato buio, questa nuova illuminazione rende un gran beneficio a tutti coloro la attraversano.

    NON LAMENTATEVI SEMPRE SENZA MOTIVO.

  • maurocann 9
    29 gen 2011 alle 16:24

    Per rispondere sui problemi di sicurezza come di voi citano, la distanza della nuova palificata dal ciglio stradale e’ a norma, basti confrontarla con quella ivi esistente.

  • tonio.fiorino 0
    29 gen 2011 alle 16:26

    vai a correre nel parco un paio di volte e poi ne parliamo piu` approfonditamente..prova ad attraversare in penombra vicino lo stadio delle palme con le macchine che corrono ben oltre i limiti di velocita` ..oppure avventurati nei perorsi per correre e vediamo se reti elettriche e irrigazione funzionano..
    mi sa che sei parente dell`architetto del giardino della guilla..amico del cementificatore con citazioni storiografiche artistico-culturali

    qualche volte devo portarmi carta e penna e appuntare tutto quello che incontro..
    resto comunque dell`idea che un granello di sabbia non fa una spiaggia..

  • se68 438
    29 gen 2011 alle 17:01

    maurocann,
    vedi, l’ambizione per un parco stile “londinese” si traduce, non con una improbabile copia di hidepark, ma con il desiderio di potere passeggiare, andare in bici, leggere un libro, prendere un caffè, etc. in questa riserva, facendola diventare, visto che si trova in piena città, quanto più simile ad un parco urbano.
    Personalmente, ( scusami le pretese da progettista) eliminerei ,parzialmente, il transito veicolare: chiuderei la strada a monte (viale diana), e la farei diventare, eliminando l’asfalto, ciclabile e pedonale; invertirei il senso di quella a valle (viale ercole)
    per restituire la prospettiva dell’obelisco posto in fondo ed oggi pressochè invisibile emantenere pertanto aperta alle auto”l’andata”
    Poi per tornare a Palermo sfrutterei viale olimpo o addaura o altre soluzioni posssibili. in fondo cè li vicino l’enorme viale del fante, pressochè inutilizzato..insomma si possono trovare mille soluzioni,
    ma evidentemente a te questo parco piace così…
    lo attraversi con la tua macchina per tornare a casuzza e ..pace.
    o forse, visto il poco entusiasmo che manifesti per eventuali modifiche dello status quo, magari fai anche delle soste esotiche.

  • trunk 73
    29 gen 2011 alle 18:43

    REAL TENUTA DELLA FAVORITA o REAL TENUTA DELLE ESCORT (oggi le chiamano così !) E DEI NOMADI.

    Questa Città non vuole cambiare, gli attuali governanti sono privi di senso civico e sconoscono cosa significa bene comune. Abbiamo un’area verde così preziosa, invidiata da tutti e non la sanno adeguatamente sfruttare a beneficio dei Cittadini. Siamo ultimi e ci resteremo. Invito MOBILITA PALERMO ad organizzare una raccolta di firme per far rinascere questo Parco: “LA REALTENUTA DELLA FAVORITA”

  • MAQVEDA 17489
    29 gen 2011 alle 20:55

    Ho visto l’illuminazione, io da inesperto la definisco buona per la funzione che svolge, cioè illuminare le strade. L’illuminazione interna del parco, in notturna era inesistente già con la precedente illuminazione, quindi il passo mi sembra solo in avanti.
    Per tutto il resto, (che non viene ovviamente escluso dai suddetti lampioni) anche io mi auspico una chiusura anche parziale del parco per restituirlo a chi lo vorrebbe per passeggiare in bici o a piedi, per correre o semplicemente per godere delle nostre splendide giornate di sole.
    Sono decenni che se ne parla, la soluzione sarebbe la più dispendiosa, ossia creare dei tunnel sotterranei per il transito veicolare, come avviene in ogni altra città, e lasciare la superficie del parco ai cittadini. Purtroppo non si può neanche ignorare chi vive a Mondello, le vie alternative sono poche e complicate. Viale del Fante devo essere sincero non mi pare così enorme, anzi dopo lo stadio diventa molto stretto e poco idoneo a grossi flussi veicolari. Ma ripeto dicendo questo non dico che non vorrei fosse chiusa al traffico. Trovo osceno permettere alle auto di transitare davanti quel gioiello che è la Casina Cinese.
    Purtroppo qualsiasi situazione di degrado sia ambientale che sociale, nelle condizioni attuali di utilizzo, difficilmente potrà essere eliminata.

    Lo giudico un intervento utile, ma non risolutivo per cambiare le sorti del parco.

  • Freddie 1052
    30 gen 2011 alle 10:22

    Per cambiare le sorti del parco credo che l’unica sia fare in modo che la gente abbia un motivo per andarci…non saprei magari un laghetto artificiale, delle panchine, un piccolo chiosco che vende bevande…così com’è oggi attrae solo quelli che decidono di fare una grigliata a pasquetta.

  • samir 230
    30 gen 2011 alle 21:58

    per la cronaca….

    direzione palermo centro: impianto spento e favorita nelbuio più totale
    direzione mondello: a tratti accesi a tratti spenti…..

    ?????????

    pali vecchi e nuovi staranno assieme..per almeno 30 anni…..come le fermate dell’amat vecchie e nuove….:-)


Lascia un Commento