14 gen 2011

Posteggio a Piazza Pretoria: ecco le risposte dei consiglieri comunali


Abbiamo fatto passare alcuni giorni, per dare il tempo ai consiglieri comunali contattati di poter leggere e rispondere sullo scempio che avviene molto spesso a Piazza Pretoria in occasione di sedute consiliari e riunioni.

Scempio dove gli attori principali (in negativo) sono proprio i consiglieri che lasciano i propri veicoli a ridosso della fontana e del palazzo di città, in barba alla pedonalità della piazza storica (opportunamente revocata da un decreto di assoluto favore personale) e alle numerose dichiarazioni (di facciata) che recitano i soliti copioni di cura e salvaguardia del sito storico.

Inanzitutto partiamo da chi non ha risposto, che ringraziamo sentitamente per l’attenzione prestata alla vicenda…

  • Stefania Munafò
  • Maurizio Pellegrino
  • Antonella Monastra
  • Giulio Tantillo
  • Orazio Bottiglieri

Ricordiamo che i consiglieri sono stati contattati tramite i loro profili di Facebook, ed è stato chiesto loro di produrre (qualora lo volessero) una risposta pubblica alla vicenda.

Precisiamo inoltre che non stati contattati tutti i consiglieri per motivi di comunicazione (molti consiglieri non rispondono alle email o non la rendono pubblica, così come i profili sui social network) pertanto si è scelto un campione che abbracciasse tutti gli schieramenti politici, senza distinzione alcuna.

Ecco le risposte.

- NADIA SPALLITTA

Io la penso esattamente come voi. Un paio di anni fa , insieme al collega Pellegrino, abbiano redatto e fatto approvare un ordine del giorno che prevedeva, appunto, la pedonalizzazione, a partire da Piazza Bellini di tutte la piazze del nostro Centro Storico, dando mandato alla giunta ed agli uffici affinchè ponessero in essere tutti i provvedimenti utili e necessari per rendere fruibili le piazze .
Questo ordine del giorno non ha , ad oggi, trovato attuazione. (farò un’interrogazione sulla questione)
Ugualmente avevo previsto un’emendamento al bilancio 2010, che prevedeva l’acquisto di un centinaio di biciclette da mettere a disposizione, giornalmente e gratuitamente, di quanti le avessero richieste, per snellire il traffico veicolare, educare all’uso di questo mezzo ed iniziare ad avviare un processo alternativo di circolazione, sostitutivo dell’automobile
Ovviamente sono stata guardata come se fossi un extraterrestre…e l’emendamento non è passato (La mia non è nè propaganda nè polemica. Sto raccontando a titolo esemplificativo dei fatti).
Senza godere di alcun privilegio, in quanto consiglieri comunali, tutti i cittadini posteggiano, quotidianamente e selvaggiamente preso altrettante piazze storiche quali P.zza Bologni, p.zza S.Domenico, P.zza Indipendenza , p.zza Garraffello, p.zza Rivoluzione , P.zza Marina, P.zza S.Anna, etc etc , (senza neanche avere bisogno di alcuna autorizzazione , perchè ,magari, partecipano ad attività pubbliche), per cui a mio avviso il problema riguarda, più in generale, le scelte politiche di governo del territorio , la capacità e la volontà di creare sviluppo ed economia utilizzando le risorse che abbiamo ( ad es. quelle culturali e turistiche) , con conseguente investimento, da parte dell’amministrazione, di risorse umane e finanziarie ; scelte che , come anche la vostra denuncia dimostra, non sono state fatte, con conseguente danno per tutti, sia sotto il profilo della salute, che sotto il profilo delle economie che non trovano fertile terreno di crescita, come invece, a mio avviso, la pedonalizzazione di parti del Centro Storico, determinerebbe.

- MANFREDI AGNELLO

Il Problema è spezzare una abitudine diffusa e dare la possibilità a noi consiglieri di raggiungere il Palazzo, e non è di facile risoluzione. Ho letto alcuni commenti e molti non li reputo giusti o da prendere in considerazione. Certamente noi lavoriamo ( o dovremmo lavorare) per l’Amministrazione e arrivare al Palazzo per chi di noi abita lontano non è affatto facile, considerate che le sedute si tengono quasi sempre di sera e a volte durano per ore fino a notte e qualche volte anche fino alla mattina…personalmente abito vicino e quasi sempre, quando mi è possibile vado a piedi, e quindi sarei di parte e poco obiettivo a dire che si dovrebbe proibire ai consiglieri di parcheggiare l’auto in piazza, così come ha fatto un collega che abita ancora più vicino di me…potrebbe essere più logico lasciare quanto meno piazza Bellini libera per noi, col risultato che ne soffrirebbero il locali che anno sede nei paraggi ( vedi teatro o trattorie) o trovare un parcheggio esclusivo nei paraggi…ma non è facile perchè nn ce ne sono…se trovate voi una giusta soluzione, pronto a prenderla in esame ed accettarla. Ma guardate che non è piacevole restare a piedi di notte e a volte sotto la pioggia e lontani da casa e senza un mezzo per andare via…

- ROSARIO FILORAMO

Il portiere comunale sarà stato un amante della bicicletta altrimenti avrebbe invitato il suo possessore a lasciare fuori dalla piazza la bici. A parte l’ironia, ritengo che la bici non possa essere parcheggiata in Piazza Pretoria, quindi il portiere ha sbagliato a dare quell’indicazione, credo perchè confuso dalla discordanza tra quanto riportato nell’ordinanza del Servizio Comunale al Traffico che vieta l’accesso a tutti i veicoli e la nota del Presidente del Consiglio che autorizza l’accesso alle sole automobili dei Consiglieri Comunali in occasione delle sedute di Consiglio. Già in passato ho chiesto ai consiglieri comunali di non profittare della “cortesia” del Presidente, parcheggiando la propria automobile altrove. Il divieto esiste e và solo rispettato, nessuno può derogare a un 0rdinanza. Toglieremo così il dubbio al sig. “Portacarbone ” e l’imbarazzo al portiere comunale di fare rispettare divieti a singhiozzo. Per essere ancora più chiari, a Piazza Pretoria non si deve consentire di circolare e posteggiare veicoli di alcun genere.!!!!

- DORIANA RIBAUDO

Abbiamo affrontato in passato questo problema in conferenza capigruppo e anche tramite la trattazione di alcune mozioni. Avevamo raggiunto una soluzione che evitasse anche durante i consigli comunali il posteggio a Piazza Pretoria spostandoci o a Piazza Bellini o a Piazza Borsa anche se quest’ultima soprattutto nelle ore notturne era per noi consigliere donne un po’ lontana e al buio considerando che il più delle volte ci troviamo ad affrontare consigli comunali con proteste sotto il Palazzo. Purtroppo la soluzione di Piazza Bellini e’ durata poco causa posteggio selvaggio e senza alcun controllo. Mi dispiace cio’ che e’ accaduto al cittadino in questione che e’ comunque quello che da diverso tempo anche la vostra associazione attenziona. Personalmente non ho alcun problema a riaffrontare la questione senza alcun limite alle proposte che possono arrivare. Da questa segnalazione emerge anche un’altro problema che va al di la’ di piazza pretoria ovvero l’assenza di adeguati e sicuri di percorsi ciclabili (preferibilmente non occupati da motorini e macchine) e di servizi annessi come le rastrelliere x le bici. Concludo dicendo che anche se non ero presente all’accaduto da membro di questa istituzione chiedo scusa al cittadino che non e’ riuscito a lasciare tranquillamente la sua bici in un luogo che non appartiene a noi consiglieri ma alla citta’.

- DAVIDE FARAONE

Ho strappato il pass 2010 e strapperò quello del 2011. Cammino spesso a piedi e qualche volta giro con il mio scooter. Credo che Piazza Pretoria, uno dei gioielli della nostra città, con la sua fontana preziosa, realizzata nel 1554 da Francesco Camilliani a Firenze, non possa trasformarsi in un parcheggio di auto, scooter e bici.
Mi scuso, quindi, di aver parcheggiato il mio ciclomotore in piazza. E’ stata una sciocchezza. Accetto la critica senza se e senza ma.
Ho strappato il mio pass perché credo che non ci possano essere privilegi come quello di percorrere le corsie preferenziali e sostare gratuitamente nelle zone blu. Niente privilegi, quindi. Soprattutto quando, nel caso del parcheggio selvaggio a piazza Pretoria, quel privilegio consente di abbruttirla.
Invito tutti i miei colleghi, quindi, a strappare il pass e chiedo alla Polizia municipale di multare severamente tutti coloro che continueranno a sfregiare il volto di una delle piazze più belle di Palermo”.

Davide Faraone

- FABRIZIO FERRANDELLI

Purtroppo credo ci sia un’ordinanza che prevede la possibilita’ di parcheggio e che pertanto non rende la piazza pedonale per come invece dovrebbe essere.
Concordo sul fatto che sia uno scempio!
Dovrebbe essere pedonalizzata tutta quell’area da piazza Pretoria a piazza Bellini.
Mesi fa anche il “Comitato spazio pubblico” aveva denunciato con azioni ed eventi la vicenda.
Riuscimmo a far votare un ordine del giorno per levare i posti auto riservati ai consiglieri (con orrende strisce gialle sul bellissimo basolato) da piazza Bellini.
Ma,nonostante una battaglia vinta,ben presto il problema si e’ spostato su piazza Pretoria.
Mi impegno domani a predisporre e presentare una mozione che preveda la pedonalizzazione della piazza e il divieto di parcheggio per “tutte” le auto e i motoveicoli e chiederò a tutti gli altri consiglieri di sottoscriverla  e condividerla per evitare primogeniture o divisioni politiche su argomenti così di buon senso che dovrebbero appartenere al sentire comune,me incluso!
Fabrizio

Queste sono le risposte, sicuramente diversificate per contenuti e sensibilità, che parte della nostra classe dirigente ha prodotto in seguito alla segnalazione di un soppruso ai danni dei cittadini.

Ognuno tragga le proprie conclusioni. Buon dibattito, pregandovi di non scadere in offese che puntualmente banneremo.


Aree pedonaliauto bluconsiglieri comunali palermodavide faraonedoriana ribaudofabrizio ferrandellimanfredi agnellonadia spallittaparcheggio piazza pretoriapass consiglierirosario filoramosindaco palermo

Articolo successivo

41 commenti per “Posteggio a Piazza Pretoria: ecco le risposte dei consiglieri comunali

Comment navigation


Lascia un Commento