06 gen 2011

Nasce la categoria “Proposte – idee”


Grazie soprattutto ai vostri input, da oggi è attiva una nuova categoria tra gli argomenti trattati: “Proposte-Idee“.

Il nome dice già tutto. In questo contenitore raccoglieremo tutte gli articoli che conterranno al suo interno soluzioni, idee e proposte ai problemi cittadini.

Dunque chi avesse già la lampadina accesa, è pregato di scriverci a comitato@mobilitapalermo.org e inviarci le proprie idee.


ideemobilitapalermopropostesoluzioniutenti

17 commenti per “Nasce la categoria “Proposte – idee”
  • sam 21
    06 gen 2011 alle 12:44

    Non so se è proprio esatta nella categoria, io la espongo poi si vedrà.. praticamente ieri guardando striscia la notizia parlavano della situazione dei cassonetti a roma, hanno intervistato l’assessore comunale ed ha dichiarato che a partire da mese prossimo a roma arriveranno 28000 cassonetti per tutta la città (dal centro alla periferia) io sono stato più volte a roma e mi sono più volte meravigliato dei cassonetti che sono molto più belli esteticamente dei nostri e molto più nuovi, questi che stanno sostiuendo xk non li donano alla nostra città? sono sempre migliori dei nostri (molto migliori)!!!

  • Orazio 1030
    06 gen 2011 alle 20:42

    Magari non è una proposta nel senso inteso dalla redazione, o forse si, non so.

    Una denunzia (o una serie di denunzie) dei comportamenti omissivi dei vigili urbani, circostanziata e supportata da filmati (mi pare se ne raccoglievano tempo fa). Per iniziare ad educare i vigili a “colpi di cittadinanza attiva”.

  • monte_Pellegrino 597
    06 gen 2011 alle 22:47

    Più che scrivere email alla direzione del sito vorrei proporre quì un argomento molto interessante, almeno per chi come me è un appassionato di botanica e del verde cittadino: vorrei parlare del tipo di piante che sono state piantate nelle aiuole e lungo i viali! Molte sono state azzeccate, specialmente nello sfruttare il clima mite di Palermo che non scende mai sotto lo zero e che ci permette di far crescere bellissime piante tropicali quali le Jacarande, le chorisie e i Brachychiton! Proprio di queste ultime piante, vorrei parlare. Ci sono vari tipi di Brachychiton (diffusissimi a Palermo) ma quello bello, il
    Brachychiton ACERIFOLIUS, eccezionalmente bello quando si riempie di fiori rossi, tanto da essere chiamato albero fiamma, non mi risulta essere mai stato piantato in luoghi pubblici a Palermo. I bordi delle strade sono pieni della mediocre varietà “Discolor” che fa i fiorellini rosa(ad es. via Filiciuzza e attorno al Policlinico) e della varietà “populneus” che fa fiori insignificanti bianco-verdastri. Aggiungo che mi sono recato in un noto vivaio e ho constatato che neanche sanno la distinzione tra i vari tipi di brachychiton.
    La domanda che mi pongo e che pongo, se ci leggono, ai responsabili del verde comunale è: dato che Palermo, per merito della mitezza del clima, è una delle poche città che può permettersi questa magnifica pianta, perchè non piantumarla e rendere la città magnificamente colorata ed attraente per i turisti e per noi?

  • newarch 55
    08 gen 2011 alle 15:44

    @monte_Pellegrino
    Alcuni esemplari, molto belli, di Brachychiton sterculia ACERIFOLIA li trovi in via Cavour e Ugdulena, Piazza Ucciardone, Unità d’Italia e Principe di Campo Reale. Sono alberi che purtroppo con le loro radici spaccano tutto e rialzano i marciapiedi, sono indicate per grandi parchi o grandi spazi a verde. Saluti

  • luigi77 107
    09 gen 2011 alle 21:27

    Buona sera a tutti.
    Complimenti per questo nuovo spazio messo a disposizione degli utenti.
    Non so se vado fuori tema, ma vorrei segnalare a tutti gli ingegneri presenti (e non solo) che lunedì 17 gennaio, dalle ore 17.00, presso la sede dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo, si terrà un seminario dal titolo “Sicurezza: cantieri, attrezzature, sistemi”, organizzato dall’Associazione Italiana Cultura Qualità Sicilia (AICQ Sicilia) e dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo.
    Per informazioni, collegatevi al sito http://www.aicqsicilia.it .

  • franz 200
    10 gen 2011 alle 9:52

    Relativamente alla sicurezza dei pedoni sulle strisce pedonali, avevo pensato alla realizzazione di cartelli luminosi lampeggianti a chiamata che, al contrario dei semafori, indichino che in quel momento qualcuno sta attraversando e quindi attenzionare e invitare al rallentamento gli automobilisti. Servirebbe a rendere più visibile la presenza di strisce pedonali, anche in strade dove l’illuminazione è quasi inesistente.

  • franz 200
    10 gen 2011 alle 11:11

    @Portacarbone: non sò se ci sono esempi, l’idea mi è venuta pensando a quale poteva essere un sistema visibile anche dai più distratti alla guida, dato che oramai i segnali, facendo parte fissa dell’ambiente cittadino, vengono ignorati dalla maggior parte degli automobilisti. Ho visto comunque una volta segnali di Stop luminosi che, soprattutto nelle ore serali, erano abbastanza evidenti e lo sarebbero stati di più se fossero stati intermittenti.

  • franz 200
    10 gen 2011 alle 12:01

    @emmegi: esatto quelli, anche se li vedevo luminosi dall’interno; ma andrebbero bene lo stesso come in quel sito

  • emmegi 717
    10 gen 2011 alle 12:21

    Al di là delle luci gialle, i segnali di attraversamento pedonale si accendono.
    Credo se ne sia già parlato su MB: in via Ugo La Malfa (dopo via Nuova) ne sono presenti 2 o 3 per senso di marcia ma non li ho mai visti accesi. Credo ci siano pure delle lampade sul braccio.
    Con Google Earth è possibile vederli.

  • panormus79 311
    10 gen 2011 alle 18:04

    Ogni volta che torno a Palermo da un viaggio all’estero penso sempre a quanto siano incapaci i vari uffici del turismo nel pubblicizzare la nostra città e proporre servizi ai turisti. Faccio un esempio concreto, sono appena tornato da un viaggio in Svezia, li ogni città propone delle “card” che danno diritto a visitare musei,utilizzare i mezzi pubblici e parcheggiare l’auto. Il costo varia a seconda di quanti giorni si vuole utilizzare, a Stoccolma il minimo è di 24 ore e costa 330 Skr (circa €36), considerando che una semplice corsa di metrolitana costa circa € 3,30 credo che il prezzo sia molto vantaggioso. La mia proposta è semplicemente quella di lanciare una “Palermo card”. Palermo è una città troppo bella e deve puntare tutto sul turismo ma è fondamentale che si dia al turista la possibilità di godersi la città.

  • franz 200
    11 gen 2011 alle 8:39

    @Portacarbone: non li ho mai visti e in ogni caso proprio per il fatto che io non mi sia accorto della loro esistenza, vuol dire che non sono ben visibili. Dipende anche dalla presenza esagerata di insegne luminose e pali di illuminazione che mimetizzano qualunque tipo di segnaletica (il classico cercare l’ago nel pagliaio); chi non si è mai confuso in mezzo a tanta illuminazione? Il lampeggiamento di cui parlo quindi è un mezzo per evidenziare ulteriormente la presenza dei segnali.

  • The.Byfolk 43
    11 gen 2011 alle 19:05

    Forse sarebbero utili dei pannelli indicatori di corsia da tenere per prendere una certa direzione, soprattutto in strade larghe in prossimità di incroci. Penso a quelli presenti in autostrada, in prossimità di ogni svincolo, che sovrastano la carreggiata stessa.

    Sarebbe un modo per evidenziare chiaramente chi può stare in quella corsia e forse sarebbe più naturale rispettare le varie direzioni, riducendo gli intasamenti.

    Inoltre credo necessitino di poca manutenzione, al contrario della segnaletica orizzontale

  • franz 200
    19 gen 2011 alle 8:49

    Leggendo su Repubblica:
    http://palermo.repubblica.it/cronaca/2011/01/19/news/pedone_travolto_e_ucciso-11385058/
    mi rendo conto ancora di più che i segnali attualmente installati sulla circonvallazione, non sono adeguati alla mole di traffico che questa supporta. Bisogna differenziare i segnali tra le strade urbane e quelle, come circonvallazione e strade a scorrimento veloce; è proprio a causa anche della velocità (oltre che dell’incoscienza degli automobilisti) che l’attenzione alla segnaletica diminuisce. Per cui dimensioni maggiori, illuminazione a intermittenza potrebbero essere un apporto per migliorare la sicurezza stradale.


Lascia un Commento