29 dic 2010

PFP Malaspina-Lolli: aggiornamento fotografico


Una panoramica di immagini circa l’attuale area di cantiere presso Malaspina-Lolli.Da notare in primo piano la trincea che conduce al tunnel tutt’ora in fase di scavo e le nuove fondazioni, in fase di realizzazione, in prossimità dell’ex passaggio a livello



passante ferroviario lollipassante ferroviario malaspinapassante ferroviario palermostazione lolli; cammarata;

35 commenti per “PFP Malaspina-Lolli: aggiornamento fotografico

Comment navigation

  • Amo_Palermo 161
    30 dic 2010 alle 20:24

    Quanto riportato da Huge è l’esatta fotografia della situazione attuale. Inoltre è la storia del cane che si morde la coda, perchè i principali imputati delle mancate “conoscenze” delle esatte posizioni delle loro sottoreti sono proprio le società ex municipalizzate…

  • Metropolitano 3316
    30 dic 2010 alle 22:28

    Secondo me più che top secret è tutta superficialità. Non dicono niente perchè non sanno niente, e non perchè il progetto è segreto.
    Se quelli sapevano qualcosa a quest’ora avrebbero previsto i sottosistemi da spostare con gli schemi e le mappe delle tubazioni e cavi. Invece ecco che i nodi ora vengono al pettine. Si farà mai questo Anello ferroviario da Giackery a Notarbartolo (l’altra metà del percorso) ?

  • Edoardo Anello 0
    30 dic 2010 alle 22:42

    @Metropolitano

    Caro Metropolitano…il mio “topsecret” tra virgolette….era ESATTAMENTE il pensiero del tuo ultimo post… mi sa che c’è ancora da studiare…anzi….da cominciare a studiare…e i tempi….saranno infiniti…. (soprattutto se a “studiare”…continueranno a metterci certi….ignoranti…- sempre tecnicamente parlando…)

  • Fulippo1 1354
    31 dic 2010 alle 9:55

    Credo che attualmente le nostre ultime speranze in fatto di velocità di costruzione, realizzazione, efficienza e funzionalità delle opere, siano quelle di attendere una nuova amministrazione seria che tenga realmente alla nostra città e al bene dei cittadini, cosa che fino ad ora non si è proprio vista.

  • Amo_Palermo 161
    31 dic 2010 alle 12:32

    @ Metropolitano: il problema è ben più serio e ben più grave: tu dici “Se quelli sapevano qualcosa a quest’ora avrebbero previsto i sottosistemi da spostare con gli schemi e le mappe delle tubazioni e cavi”. Il problema è che le stesse aziende ex municipalizzate che gestiscono le reti NON SANNO cosa c’è in alcuni tratti della nostra città, non hanno una mappatura certa e quindi l’impresa di costruzioni non vuole iniziare i lavori perchè non sa cosa può trovare e quindi quanto costa spostarlo… poveri noi…

  • Edoardo Anello 0
    31 dic 2010 alle 14:07

    Ritengo interessantissimo il seguito (dal sito di Skyscraper)

    Quote:
    Originally Posted by huge
    Allora ricordavo male.
    Vista la posizione, i lavori dovrebbero interferire con le aree di pertinenza del passante, all’interno dell’area della stazione Lolli, dove stanno lavorando adesso.

    Il camerone d’arrivo a Notarbartolo è già stato predisposto per il binario aggiuntivo dell’anello.

    Credo sarebbe stato un grosso risparmio, di tempo e di denaro, realizzare la fermata “Catania” e il tratto che la unirà a Notarbartolo insieme ai lavori del passante.

    Tra l’altro, un minimo di programmazione in prospettiva, avrebbe secondo me dovuto suggire la realizzazione di un’unica fermata Lolli/Dante in comune, passante-anello, con una terza banchina dedicata a quest’ultimo, magari in posizione leggermente arretrata rispetto a quelle del passante, in modo da permettere alla linea di curvare verso piazza Politeama.
    In questo modo si sarebbe enormemente risparmiato sui costi della fermata per l’anello, giacché i corpi di fermata sarebbero rimasti quelli oggi progettati per il passante, collegati alla terza banchina con un semplice tunnel sotterraneo.
    Di fatto i costi per il secondo tratto dell’anello si sarebbero ridutti quasi al solo costo del tunnel dalla fermata Lolli e al Politeama. Probabilmente meno della metà di quanto si dovrà invece spendere.

    In realtà il sfruttare il corpo stazione Lolli anche per l’anello è una soluzione che potrebbe ancora essere adottata, visto che siamo ancora ben lontani dalla realizzazione di quest’opera.

    Grande Huge!!! quella che tu prospetti (UNICA FERMATA DANTE/LOLLI) per il passante e per l’anello, è una soluzione che mi pare grandiosa. Infatti è proprio vero che i costi diminuirebbero. Se siamo ancora in tempo, proviamo a farne una proposta reale! che ne pensi? ed in quale modo? potremmo coinvolgere l’Ordine degli Ingegeneri e l’Ordine degli Architetti?

  • Edoardo Anello 0
    31 dic 2010 alle 17:15

    Vorrei inviare una immagine con due possibili “nuovi tracciati” dell’anello che prevedono un’unica fermata Lolli/Dante sia per il passante che per l’anello, per sottoporli all’attenzione di coloro che se ne intendono, ovviamente…. come faccio?

  • luigi77 107
    02 gen 2011 alle 10:10

    Buon giorno a tutti voi.
    Mi unisco anch’io all’idea che ho visto negli interventi precedenti: realizzare un’unica stazione (chiamatela Dante, Lolli, Malaspina o come meglio vi pare) che sia fruibile sia per gli utenti del Passante ferroviario (in costruzione), sia per gli utenti del futuro (?) Anello ferroviario, mi sembra una proposta semplicemente ottima (basta avere un minimo di buon senso), perchè consentirebbe ad un numero molto maggiore di utenti di poter usufruire di entrambe le linee ed, inoltre, si troverebbe in una zona assai strategica, molto bene collegata con la Stazione Centrale e con le altre fermate/stazioni del Passante ferroviario.
    Mi fa molto piacere quando si possano “mettere nero su bianco” delle idee, semplici ma mirate, che possano rendere migliore la mobilità della città di Palermo: continuate così!

  • Edoardo Anello 0
    02 gen 2011 alle 12:59

    Grazie lugi77!!

    vorrei organizzare qualcosa, in questo caso, se mi fai avere la tua mail, ovviamente vorrei coinvogerti insieme agli altri che lo vorranno! A presto!

  • Amo_Palermo 161
    03 gen 2011 alle 13:21

    Ragazzi, l’ipotesi descritta è senza dubbio meritevole, ma bisogna anche considerare la questione dal punto di vista burocratico ed amministrativo. Si tratterebbe di un addendum cospicuo all’oggetto dell’appalto, con finanziamenti provenienti da differenti canali e difficilmente gestibile proprio dal punto di vista contabile. Inoltre potrebbe divenire causa di ricorso da parte delle altre imprese che avevano partecipato alla gara, in quanto si tratta, come già detto, di una ingente modifica all’oggetto dell’appalto.
    insomma, finchè si parla di un esercizio mentale circa la razionalizzazione del sistema va bene, ma tradurre tutto ciò in realtà… lo vedo difficile.

  • trasponder 24
    08 gen 2011 alle 15:14

    Inizialmente, l’anello doveva chiudersi a palermo centrale, e secondo me la cosa era molto più logica.
    A quanto pare, all’altezza di via emerico amari, nello stesso tratto in cui avrebbe dovuto passare la galleria, ci passa una mega condotta fognaria.
    questa condotta non risultava in nessuna cartina, e quindi i lavori partiranno solo se si farà una variante al progetto o se viene spostata la condotta.

  • Metropolitano 3316
    08 gen 2011 alle 16:39

    Purtroppo nel sito Italferr, dell’Anello e del raddoppio Patti-Castelbuono non appare alcuno schema di programmazione.

  • Edoardo Anello 0
    08 gen 2011 alle 18:19

    @trasponder

    Scusa trasponder ma non ho capito: la megacondotta fognaria sotto via Amari è un problema per l’attuale progetto o per il progetto CORRETTO che avrebbe previsto la chiusura con la stazione Centrale? PS Grazie in anticipo e comunque per la notizia (mai sentita, ma, immagino, corretta!)


Lascia un Commento