22 dic 2010

In arrivo le navette fra le stazioni Palermo Centrale e Notarbartolo


Riceviamo e pubblichiamo comunicazione da parte del Comitato Pendolari Sicilia circa l’istituzione delle  navette che espleteranno servizio sostitutivo fra le stazioni  Notarbartolo e Palermo C.le.

 

Con grande soddisfazione possiamo finalmente annunciare l’istituzione dei servizi sostitutivi dopo la chiusura della metropolitana da Palermo Centrale a Palermo Notarbartolo per i lavori di raddoppio.Il servizio partirà dal 3 Gennaio 2011.Questo non ci esime dal denunciare  come la politica è stata, in questi mesi,  assolutamente latitante. Servizi che si dovevano programmare sicuramente prima della chiusura.

Comunque, grazie alla mediazione preziosa e determinante del Prefetto, cui noi abbiamo ricorso in extrema ratio, siamo arrivati ad una soluzione.Soluzione che, in tempi di vacche magre, rappresenta  la miglior possibile.Comune di Palermo e Regione hanno espresso nessuna possibilità di integrazione economica. Grazie alla collaborazione di tutti ( Regione, Comune, Trenitalia, AMAT,AST, RFI), coordinati dalla Prefettura, si è finalmente trovata una soluzione.La Regione si è impegnata nell’ultima settimana a cercare le migliori alternative, vista la carenza di fondi.Alla fine ci sarà un servizio “navetta” effettuato dall’AST, che vedrà coinvolti gli autobus provenienti da Bagheria e Monreale.Questi effettueranno il servizio, senza fermate intermedie, tra Palermo Centrale e Palermo Notarbartolo, in entrambi i sensi.


Il servizio sarà riservato ai soli possessori di abbonamento Trenitalia, con percorrenza nella tratta Palermo-Punta Raisi e provenienti da tutti la Sicilia con abbonamenti Trenitalia.
Trenitalia preleverà nuovamente la somma Palermo Centrale-Notarbartolo che poi verserà all’AST, secondo accordi che sono in corso tra le due società.
Gli abbonati Trenitalia dovranno versare ulteriori 5 euro per un altro abbonamento AST.

A giorni capiremo se sarà Trenitalia ad emetterlo o il modo in cui richiederlo.
Sicuramente il possesso di un abbonamento Trenitalia è la condizione necessaria per ottenere quello AST e lo stesso  sarà utilizzato come metodo di riconoscimento ed identificazione.
La Regione in questi giorni darà le necessarie autorizzazioni all’AST per il servizio urbano.
Purtroppo l’AMAT  viene esclusa dalla soluzione perchè la Regione non ha possibilità di integrare le condizioni economiche richieste per un servizio supplementare.
Il Comune si adopererà per installare le segnaletiche presso le Stazioni di Palermo Centrale e Notarbartolo, dove gli autobus AST faranno Capolinea.
Ci rendiamo conto che è una soluzione ridotta, in quanto non copre gli utenti di Vespri e Orleans.

Ma queste stazioni essendo in ambito urbano sono collegate dall’AMAT.
Visti i tempi non ci resta che essere soddisfatti.
A giorni capiremo come il servizio sarà regolato (orari, abbonamenti ed altro).
Vorrei personalmente ringraziare il Prefetto Dott. Caruso e il Vice Prefetto Dott.ssa Virga , per l’attenzione e la dedizione che ci hanno riservato.
Senza la loro intermediazione dubito che saremmo arrivati ad una soluzione.
Ringrazio il il Dott. Dragotto e l’Assessore Russo per l’impegno profuso.
Un ringraziamento particolare a Trenitalia, nella persona del Dott. Lo Sciuto, a RFI, ad AMAT ed AST per la fattiva collaborazione. 
Un grazie ai Dirigenti del Comune, che nonostante la forte crisi, si sono adoperati per una soluzione fattiva al problema. 
Palermo, 21 Dicembre 2010

Giacomo Fazio 

Coordinatore Comitato Pendolari Sicilia


chiusura metropolitana palermocomitato pendolari siciliapalermo centralepalermo notarbartolo

10 commenti per “In arrivo le navette fra le stazioni Palermo Centrale e Notarbartolo
  • Fabrivit 256
    22 dic 2010 alle 7:55

    Soluzione dal mio modestissimo punto di vista totalmente insoddisfacente e vi spiego il perchè. Il problema della chiusura di tratto metropolitano notarbatolo-centrale, non si è rivelato essere una mannaia per chi vive alla stazione centrale, il cui servizio è perfettamente coperto da 102 che come sappiamo è un servizio abbastanza frequente, ma per chi deve raggiungere le due fermate intermedie di Orleans e Vespri, i cui pendolari si ritrovano ad attendere botte di 45 minuti 1 ora il 118 che è l’unico bus “diretto” con Orleans. In questo modo si sono privilegiati i pendolari della stazione lasciando con un pugno di mosche chi vive in zona policlinico-università, e vi assicuro sono tantissimi. Queste VERGOGNOSE solozioni tampone è meglio non farle, fanno solo imbestialire di più. Come si suole dire…qui a palermo le cose si fanno sempre alla membro di segugio.

  • capitanjack 13
    22 dic 2010 alle 9:00

    Quoto Fabrivit. Inoltre non capisco perché gli abbonati, oltre subire i disagi debbano pagare un supplemento extra (seppur minimo)!!! o.O

  • Fulippo1 1354
    22 dic 2010 alle 11:51

    Ma l’AMAT in tutto ciò non dovrebbe in quanto azienda trasporti publici del comune di Palermo sopperire alla mancanza di collegamenti, a costo zero per l’utenza e per tutti gli intermediari del caso??

    A me pare un giro di soldi che si poteva tranquillamente evitare.
    Comunque è un mio parere.

  • Dario86 15
    22 dic 2010 alle 12:08

    Quotando quello che dice Fabrivit ritengo questo servizio assolutamente inutile ed è uno spreco di denaro….non coprendo Vespri e Orleans non si coprono le parti più importanti del tratto Notarbartolo-Centrale visto che a Vespri abbiamo Policlinico con Università annessa e Civico, ed a Orleans abbiamo Viale delle Scienze che ha un transito di studenti pendolari provenienti sia dal lato Trapani sia dal lato Messina..questa situazione secondo me serve solo a mettere su strada altri pullman e a fare aumentare il traffico…se è questo che i nostri geniali amministratori sanno fare allora siamo davvero messi male…prendere i dati di affluenza della metropolitana sembrava male vero???O meglio farsi due conti a tavolino ed anche il cervello di un bambino lo avrebbe capito che tagliare di netto Orleans e Vespri è una cavolata assurda per il loro numero di utenti.

  • ratak 27
    22 dic 2010 alle 12:44

    ricordo che esiste anche san lorenzo e notarbartolo come fermate molto utilizzata da studenti e lavoratori,quindi il servizio funzionera’almeno per la meta’ circa di pendolari che provengono dalla provincia.Come si dice ..meglio questo che niente…

  • samir 230
    22 dic 2010 alle 13:49

    due parole chiare chiare: VERGOGA E LADRI

    il servizio alternativo/sostitutivo doveva essere attivati SUBITO!!! è un diritto del cittadino!!! mentre dobbiamo vedere scene della serie ce serviva quasi l’inervento di NAPOLITANO…..per attivare i bus!!!

    ma scherziamo????…..ci riteniamo soddisfatti delle cose più elementari che sono DOVUTE!…..e gratuite…!!!

    lasciamo perdere và……
    e cmq è un provvedimento discriminante per /policlinico/vespri e palazzo reale/università

  • Fulippo1 1354
    23 dic 2010 alle 9:17

    Lo ripeto, è inutile e indegno per noi, ma chissà quanta gente e quali aziende ci mangeranno sopra a tutto questo!!

  • orsogrigio 10
    24 dic 2010 alle 11:37

    Sottoscrivo in pieno quello che ha detto Fabrivit, il provvedimento è una vera e propria scemenza, per essere teneri. Tra l’altro non condivido i toni entusiastici dell’articolo: la stessa zone che era stata tagliata fuori dal percorso della metropolitana (si fa per dire) resta ugualmente tale.
    Non aggiungo altro anche perchè la penso esattamente come dario86 e samir.

  • Pendolare_palermitano 46
    27 dic 2010 alle 12:43

    condivido le vostre lamentele ma questo servizio alla fine può risultare utile io l’altro giorno non sono riscito a prendere ne il 101 ne il 102 per notarbartolo tutti strapieni…quindi alla fine è utile questo servizio


Lascia un Commento