19 nov 2010

FOTO: chiuso l’incrocio di via Perpignano tra curiosità, prepotenza e “disoccupazione”


Sono stati finalmente chiusi i varchi che consentivano di attraversare via Perpignano da monte a valle.

Già alle 9:00 di oggi tantissimi operai al lavoro, oltre che ingegneri, curiosi, lamentosi.

Iniziamo col dire che è una follia fare questi lavori di giorno. I mezzi di cantiere fermi lungo la carreggiata hanno difatto rallentato tantissimo il flusso oltre al blocco intermittente dei vigili urbani che consentivano l’atttraversamento pedonale.

Come visibile, i varchi sono stati sbarrati da opportuna segnaletica oltre che da dissuasori (vedi prossime foto) per impedire il transito di motociclisti furbetti.

Per tutta la mattinata, la corsia laterale dir. TP è stata caratterizzata da diversi incolonnamenti. Presumibilmente i tanti automobilisti che eludevano la corsia centrale (paralizzata a causa dei lavori) si sono riversati su quella laterale.

Intorno alle 11.30 non erano ancora stati attivati i semafori a richiesta, mentre gli operatori dell’Amg cercavano di venirne a capo.

Possiamo già dire che suddetto semaforo funzionerà a segmenti: premendo il pulsante si azionerà il solo semaforo della corsia laterale. Dopo aver attraversato quest’ultima, occorrerà premere il pulsante per azionare il semaforo sulle corsie centrali, Infine, nuovamente quello dell’altra corsia laterale dove si desiderava arrivare.

Possiamo comunque già segnalare la totale fluidità della corsia laterale dir. CT, proprio lungo il marciapiede di Max Living, azienda che ieri è intervenuta nella manifestazione contro la chiusura.

Monitorare la situazione durante tutta la mattinata  ci ha permesso di notare anche lo scarso flusso proveniente dalla parte alta di via Perpignano. In diversi momenti la situazione si presentava così:

Anche la parte bassa di via Perpignano ha eliminato la ricorrente coda al semaforo, grazie alla svolta continua verso destra.

In tutto questo certi automobilisti dovrebbero avere un pizzico di buon senso in più: abbiamo avvistato più di un camion di grossa stazza che proveniva da questa via angusta, quando pochi metri prima esiste una bretella molto più ampia che immette nella medesima carreggiata del viale Reg. Siciliana.

Questa la segnalazione frontale per chi sale da via Perpignano parte bassa:

Come dicevamo, oltre la segnaletica di rito, sono stati apposti anche dei dissuasori per evitare il passaggio trasversale di motocicli e scooter, così come illegittimamente avveniva prima della chiusura.

Diversi automobilisti, ma anche pedoni, si sono soffermati sui lavori, molti con facce sbigottite e indignate. Alcuni motociclisti con la furbizia dipinta in faccia, lamentavano il cambiamento e con estrema preopotenza di tono asserivano che, per ribellarsi a questo “scempio” sarebbero ricorsi al semaforo a richiesta per fare il cambio di corsia con il proprio scooter.

Insomma, questi sono i palermitani mentecatti e prepotenti che vedevamo spesso accodarsi impropriamente lungo i varchi e che premono il pulsante dei semafori pedonali per aprirsi nuove strade, in baffo al codice della strada e ai divieti.

Alla fine di questo reportage, però, il nostro pensiero va a loro…

I lavavetri .

Stamane era raggruppati lungo i marciapiedi che assistevano ai lavori. Le loro facce non erano di certo sorridenti. Sembravano scrutare la situazione per scovare nuove soluzioni.

Di fatto oggi erano disoccupati. E speriamo che lo rimangano a lungo.


amatamgcirallidissuasoriflusslavoripolizia municipaleprovvvedimenti comunalisemaforo pedonaletrafficovarchivia perpignanoviale regione siciliana

Articolo precedente

50 commenti per “FOTO: chiuso l’incrocio di via Perpignano tra curiosità, prepotenza e “disoccupazione”

Comment navigation

  • Paco 7942
    20 nov 2010 alle 10:26

    Segnalo che la rotatoria di via Leonardo da Vinci alle 7 di sera di venerdì era completamente VUOTA, alle 8 traffico nella media settimanale.

  • giorgio67 17
    20 nov 2010 alle 11:58

    Con la chiusura del “tappo” di via Perpignano, proporrei comunque per evitare l’incrocio delle macchine alla rotonda ( altra opera di grande ingegneria – in senso ironico ovviamente ) di via leonardo da vinci, di rendere a doppio senso il ponte ( per intenderci quello da chi arriva lato monte ) così da permettere l’inversione di marcia a chi deve rientrare nella corsia direzione catania.
    Potrebbe snellire il traffico secondo la mia modesta opinione

  • pinowolf 125
    20 nov 2010 alle 12:12

    SPETTACOLO.
    ieri tratto via lazio-basile 7 minuti contro i 20-22 in media.
    hofatto pure un video durante l’attraversamento dell’incrocio: 54 SECONDI DAL SEMAFORO PEDONALE DOPO P.ZZA EINSTEIN A SUPERARE L’INCROCIO.se volete ve lo mando

  • turi77 110
    20 nov 2010 alle 18:01

    GIOIA..TRIPUDIO..GAUDIO!!! Oggi alle 16 ho impiegato 12 minuti dal forum a via belgio!!

  • emmegi 717
    20 nov 2010 alle 18:16

    Attenzione agli autovelox: la strada vuota è un invito troppo allettante per il piedino :)

  • monachella79 84
    20 nov 2010 alle 21:21

    che bello sono arrivata di sab pom in pochissimo tempo.
    Certo se non ci fosse gente che con lo scooter aziona il semaforo pedonale per passare …andremmo meglio ma non esageriamo, no? :)

  • monte_Pellegrino 597
    21 nov 2010 alle 16:34

    emmegi, infatti oggi i vigili con autovelox erano appostati nella corsia centrale all’altezza di Big Foot! Naturalmente il loro mezzo era “nascosto” nella corsia laterale e avevano appoggiato soltanto una valigetta metallica con obiettivi che uscivano lateralmente da essa!
    Ma potevano aspettare qualche giorno ancora e farci godere della scorrevolezza finalmente raggiunta di viale Regione Siciliana!
    Inoltre bisogna vigilare se queste pattuglie rispettano la circolare del ministero degli interni in cui si prevede che devono essere visibilissimi e non devono fare imboscate, perchè il loro compito è prevenire e non fare soldi con le multe! Prevenire significa che la gente vede che lì c’è il controllo della velocità e quindi rallenta.

  • antony977 166164
    21 nov 2010 alle 17:10

    circa l’ultimo commento di monte_pellegrino: se gli autovelox non ci sono, è perchè non ci sono.Se ci sono è perchè potevano attendere per farci godere la scorrevolezza della strada.
    Addirittura bisogna vigiliare sulla regolarità di essi?Per la serie dobbiamo lamentarci a tutti i costi.
    E’ proprio vero che le lamentele sono proprio dentro il dna di molta gente!Cotta no, cruda manco…ma allora??

  • Otto Mohr 47
    21 nov 2010 alle 19:10

    “In Sicilia non importa far male o far bene; il peccato che noi Siciliani non perdoniamo mai è semplicemente quello di fare. Siamo vecchi, Chevalley, vecchissimi”.

  • monte_Pellegrino 597
    23 nov 2010 alle 4:38

    antony977, la circolare del ministero degli Interni diceva che le forze dell’ordine non devono fare imboscate con gli autovelox, ma farsi vedere da lontano, proprio perchè il loro compito principale è prevenire, dissuadere e non colpire i cittadini. Quindi eventuali loro atteggiamenti quasi furtivi non sono più tollerabili. Essi addirittura dovrebbero mettere delle segnaletiche, chessò delle bandierine, per far capire che stanno monitorando la tua velocità e quindi l’automobilista, nel determinato punto pericoloso, rallenta. In questo modo le forze dell’ordine hanno raggiunto l’obbiettivo di far diminuire la velocità senza multe! Devono proprio cambiare mentalità ed adeguarsi alle disposizioni ministeriali. Invito tutti a controllare e segnalare su questo sito eventuali inadempienze.


Lascia un Commento