18 nov 2010

Chiusura incrocio Perpignano bloccata dai manifestanti. Si posticipa a domani


Questa mattina dovevano ridursi drasticamente le code lungo il viale Reg. Siciliana. Seppur la chiusura  dell’incrocio non sia avvenuta di notte (come logica vorrebbe), al risveglio gli operai che dovevano apporre l’opportuna segnaletica, sono stati impediti nel loro lavoro da una serie di manifestanti contrari al provvedimento.

E’ stato necessario l’intervento delle forze dell’ordine in assetto antisommossa.

E’ appena terminato un tavolo tecnico tra l’assessore Milone e i manifestanti che paventano la chiusura dei loro esercizi commerciali a causa della chiusura del nodo.

La solita situazione “alla palermitana” con gente che sarà arrivata pure alle mani per farsi ragione. E’ inconcepibile vietare agli operai di eseguire il proprio lavoro.

E’ altrettanto inconcepibile che la solita minuta rappresentanza salvaguardi a tutti i costi i propri interessi,  a scapito della collettività.

Questa chiusura sarebbe stata una prova, pertanto arrivare a questa “violenza” è indice di prepotenza e di imposizione pregiudiziale. Non si vuole il nuovo, a prescindere da tutto e tutti. Poi però capita che Piazza Indipendenza venga riaperta senza che nessuno abbia chiuso bottega, che via Roma e via Maqueda vengano pedonalizzate nel weekend con l’approvazione di quei personaggi che erano i primi detrattori…

Intanto per oggi sembra improbabile l’attuazione del provvedimento. Tutto rimandato a domani.

Rimaniamo in attesa di risvolti, ma ci prepariamo a far sentire la nostra voce nel caso in cui questa PROVA non veda luce.


chiusura via perpignanocommerciantiincrocio via perignanomanifestantimilonesemaforo via perpignanotrafficovia perpignano

88 commenti per “Chiusura incrocio Perpignano bloccata dai manifestanti. Si posticipa a domani

Comment navigation

  • samir 230
    19 nov 2010 alle 1:12

    interi decenni di semoforo e di buttare veleno, salute e soldi in quel semaforo abbiamo dovuto “accollarcela” tutti….!!!

    ora PERMETTETECI DI RESPIRARE, DI CIRCOLARE….ALMENO PER UN PERIODO DI PROVA!
    NON NE POSSIAMO PIù DI QUESTO INCROCIO……MALEDETTO…..

    Seidita…..i 50 lavavetri…che lasciano lo schifo sullo spartitraffico della circonvallazione???? come mai non fate una protesta??? ….vi piace vivere nella munnizza……??
    perchè non scendete in strada per tutto ciò che manca nella tua circoscrizione??

    rispetto per la LEGALITà….

  • Metropolitano 3396
    19 nov 2010 alle 1:30

    sèh, a munnizza… ragazzi, quelli se ne sbattono dell’ambiente e della qualità dell’aria resa irrespirabile da tutte quelle code che si formano ogni minuto sull’arteria principale del Viale Regione per il flusso di auto che non è libero di scorrere in maniera naturale. A loro interessano i propri profitti, il cui decremento ce lo devono innanzitutto domostrare !! Ma per potercelo dimostrare si dia inizio alla prova prima, invece di fare l’ okkupazione stradale, con maniere per giunta illegali !!

    DOVREBBERO SCATTARE LE MANETTE! Ma nò, le guardie sono troppo dolci e carine a lasciarli “giocare” con gli operai, che invece fanno un lavoro molto più importante e professionale. E stanno a guardare… che bello spettacolo. Erano anni che non provavo tutto questo sdegno per degli sconosciuti, gli stessi che okkupano la sede stradale. Ma per cosa, per difendere i propri diritti con le botte e negare i diritti altrui ???
    Magari fossero operai della Fiat a protestare, macchè…

  • Luca 129
    19 nov 2010 alle 7:58

    A Palermo, perche’ un negoziante venda

    1) le strade devono essere tutte a doppio senso
    2) i vigili non devono multare le macchine in divieto di sosta
    3) tutte le strade si devono intersecare, a costo che la gente perda la giornata a questi incroci maledetti
    4) le regole di circolazione possono essere infrante

    E nessuno degli amministratori, vigili etc ha le p@#!e di metterli in riga.
    Nessun business fallisce per le ragioni a dir poco ORIGINALI che i commercianti Palermitani portano…

  • pepposki 310
    19 nov 2010 alle 8:27

    L’incrocio è CHIUSO. Una macchina della polizia municipale ed un furgone amat, sbarrano il passaggio. I semafori risultano ancora attivi, ci sono operai amg che lavorano

  • giovanni75 320
    19 nov 2010 alle 8:59

    putroppo i commercianti a palermo sono quelli che contano perchè forniscono i voti, e alimentano le casse di “cosa nostra”, e a volte sono anche componenti di questa organizzazione, via a discutere con queste teste..

  • Fulippo1 1357
    19 nov 2010 alle 9:24

    Pressocchè assurda e improponibile l’affermazione in cui viene asserito che si stà ghettizzando il quartiere altarello…………per un provvedimento del traffico??????

    Ma forse non si conosce nemmeno quello che si dice!!!!!

  • sixfinger 0
    19 nov 2010 alle 15:35

    Non ho nessun problema a dire che sono Rosario Seidita Presidente della IV e tengo a precisare che il sottoscritto non si limita solo a “chattare” in questo sito che conoscendolo ha avuto modo di apprezzarlo per la preziosa attività che svolge nella città di Palermo. Come circoscrizione è interessata anche la V infatti via perpignano bassa e tutto il comprensorio appartiene alla V circoscrizione. Voglio premettere che il poco tempo disponibile non mi permette di seguirvi in maniera costante è questo il motivo per cui rispondo ad intermittenza. Ma colgo l’occasione per dirvi che sono disponibile ad un confronto aperto e spero anche di presenza per discutere su tutte quelle iniziative che interessano il territorio della IV circoscrizione e che porto avanti sia personalmente che come consiglio. Se volete la sede della IV Circ. è in viale Regione 95 ( accanto palazzo della Finanaza).
    Per quanto riguarda giorno 18 i commercianti e soprattutto i grandi centri commerciali chiedevano soltanto la proroga di un mese (non vedo nulla di male se un ordinanza annunciata 1 anno fa che doveva partire ad agosto nel periodo estivo si chiede di spostarla a dopo le festività). Richiesta che non ha ricevuto nessuna risposta dall’ufficio Traffico che purtroppo ha acceso un pò gli animi.
    Visto il clima di tensione che si è venuto a creare, anche per la presenza di carabinieri e poliziotti antisommossa, il sottoscritto, su richiesta degli stessi commercianti ed alla presenza del responsabile della Digos, ha chiesto telefonicamente all’Assesore Milone un urgente incontro con una delegazione di commercianti e di residenti. Questo incontro alle ore 11.15 anche se molto acceso perchè l’obiettivo era quello di ottenere la proroga è stato molto proficuo e soprattutto utile a rasserenare gli umori di tutti. Prova ne sia che oggi gli operai hanno tranquillamente eseguito i lavori.
    Concordo nel fatto che solo dopo qualche settimana potremo valutare con cognizione eventuali criticità e ripercussioni negative che il provvedimento potrà generare. Infine sulla “ghettizzazione” del quartiere Altarello è un sentimento comune che purtroppo deriva dal fatto che alcune opere importanti per la viabilità interna del quartiere ( via b. Croce e via Baviera, allargamento di via perpignano ) da molti anni vengono annunciate ma mai realizzate per mancanza di risorse da parte del Comune. Con la chiusura dell’incrocio anche i tecnici dell’ufficio traffico hanno detto che inevitalbimente sarà penalizzato il quartiere di Altarello. Ora spero soltanto che il provvedimento riesca a dare i risultati attesi e che la gente si abitui.
    http://rosarioseidita.wordpress.com/


Lascia un Commento