03 ott 2010

Visita del Papa: Palermo fra il surreale ed il reale


Ci accingiamo a vivere una domenica particolare dal punto di vista della mobilità in città. La visita del Pontefice ha portato entusiasmo in città ma anche polemiche.Vogliamo però mostrarvi le immagini e il video di una Palermo che senz’altro tutti desideriamo.Una Palermo che dovrebbe essere rappresentata  ogni giorno durante la normale amministrazione e non solo in occasione di questi importanti eventi. Una Palermo “da vivere” in piena armonia. Una Palermo con il confine fra surreale ed una triste realtà quotidiana.

Edit: foto del 2 e 3 Ottobre

La Chinatown di via Lincoln, priva di auto parcheggiate selvaggiamente e senza cumuli di cartoni  sopra la pista ciclabile

La pista ciclabile senza auto sopra di essa, a fare bella mostra

Frammenti di sereno….(e di incredulità)

Non possiamo fare a meno di notare che alcune delle sculture di Italo Rota, sono state “leggermente pizzicate” durante la posa delle transenne. Alcune già rovinate da prima, ma erano ben visibili i cocci sparsi lungo la pista ciclabile…

Il giardiniere (sempre se lui fu) è andato un pò pesante con la potatura….Taglio che si è reso necessario per non oscurare troppo la visuale sui maxischermi per coloro che seguiranno la messa sul Prato

Il palco da dove sua Santità celebrerà la messa domenica.

Una inusuale Piazza Marina, che mostra senz’altro la sua bellezza, priva di auto e traffico  che fin’ora ne hanno deturpato l’ambiente. Immagini che sicuramene non fanno rimpiangere la stessa piazza ritratta nella foto in basso dei primi del 900.

La piazza e un assordante silenzio.Scene che  di certo non fanno rimpiangere le foto dei F.lli Alinari.

Una suggestiva immagine di Piazza S.Domenico, senza auto auto (e senza posteggiatori abusivi),  riempita di tanti giovani

Via Ruggero Settimo pedonalizzata

Piazza Politeama praticamente pedonale

Palco a Piazza Politeama in cui il Pontefice inconterà i giovani nel pomeriggio di domenica 3 Ottobre

Vigili che sorvegliano il traffico e in supporto dei pedoni.Siamo in via Maqueda, Chiesa di San Nicolò da Tolentino

Ma….allontanandoci dalla zona “calda” della città, sembra che si oltrepassi un confine fra irreale e un brutale realismo; e l’impatto è notevole.Ci troviamo infatti in corso Tukory, con la corsia preferenziale riservata ai soli commercianti e clienti.I bus non devono avere priorità.Da notare la solita Panda blue, ritratta tantissime volte nelle nostre foto-denuncia

Un bel frigorifero fa bella mostra all’interno di una nuda aiuola di corso Tukory.

Continueremo ad aggiornarvi durante la giornata….

EDIT:  foto del 3-10-2010

Piazza della Kalsa rimessa a nuovo

Villa Giulia apprezzata dai tanti Pellegrini

Via Lincoln direzione Stazione C.le

Via Lincoln direzione Foro Italico

L’ingresso di via Roma alle ore 12:40

Piazza S.Antonino letteralmente invasa dai motori, ostruendo di conseguenza il transito dei pedoni

Lo stesso frigorifero che abbiamo immortalato ieri.Oggi si è alzato!Incredible!


blocco traffico palermopalermo 3 ottobre 2010papa a palermopiano traffico papa palermopiazze pedonali palermovisita del papa a palermovisita del papa a palermo 3 ottobrevisita del pontefice a palermo

43 commenti per “Visita del Papa: Palermo fra il surreale ed il reale

Comment navigation

  • palermitanodoc 50
    04 ott 2010 alle 22:37

    Domenica 3: prendo la navetta gratuita da viale Francia a via Dante: arrivo in dieci minuti!!vigili, polizia, carabinieri e investigatori (erano in giacca e cravatta con il distintivo dei carabinieri) dovunque..nessuna infrazione da parte dei palermitani!
    Lunedì 4: prendo la macchina per andare (e non potevo far altro prevedendo ciò che mi aspettava) da via Basile a via Archirafi e poi al foro italico (anche per rendermi conto della situazione del prato)..caos indescrivibile, qualsiasi infrazione commessa dai palermitani a partire dalla terza fila (altro che doppia fila) e….nessun, dico nessuno, componente delle forze dell’ordine (chiaro!tutti in ferie dopo il superlavoro di ieri!)
    Se tu invece a Milano posteggi in seconda fila dopo appena un minuto hai la tua bella multina. Ecco perchè Milano è Milano e Palermo è Palermo…non è colpa dei palermtani, la colpa è di coloro che non fanno rispettare le leggi (oltre ai carentissimi mezzi pubblici di cui ho già parlato prima)..è un pò come la magistratura che non fa rispettare le leggi! (scusate per quest’ultimo piccolo excursus)


Lascia un Commento