04 ago 2010

Parcheggio V. E. Orlando chiude per inagibilità


Brutta tegola per i cittadini e per il centro città: il parcheggio appena inaugurato qualche mese fa è già stato chiuso per inagibilità (così recita un biglietto appena fuori la struttura).

Di seguito la testimonianza dell’utente Metropolitano, che ringraziamo:

Una cosa inaspettata, anche per una città che ormai ha superato se stessa in scempiaggini, immobilismo, disoccupazione, inciviltà, delinquenza, lungaggini burocratiche e non, e disinteresse collettivo, e chi più ne ha più ne metta.

 Come si è potuti giungere a questo, neppure un cittadino comune lo sa: PARCHEGGIO TRIBUNALE CHIUSO ! DI NUOVO !

 Dicono per inagibilità, e sotto il messaggio da parte dell’APCOA ci ho trovato un foglio aggiuntivo che è tutta una satira, con la scritta “CHIUSO PER FERIE, fino a Tempo da Determinare“.

Evidentemente un cittadino palermitano che ha la dignità allo stremo delle forze ormai è pronto a rispondere a tono a chi raggiunge questo risultato, ma forse sarebbe meglio dire non-risultato.

L’amministrazione comunale dorme e si era totalmente dimenticata che il certificato di agibilità del Parcheggio di piazza Vittorio Emanuele Orlando era solo provvisorio.

Scendendo con stato d’animo affranto giù nell’atrio del parcheggio ho parlato con degli addetti nell’ufficio a fianco dell’ingresso, uno dei quali mi riferiva che pur avendo portato il suo SUV fino a lì, non gli era consentito parcheggiarlo all’interno dell’area sotterranea di parcheggio.

Dissero che aspettavano un fax (e chissà se questo fax arriverà mai). Resta il fatto che per oggi, dal 2 Agosto, il parcheggio rimane chiuso al pubblico. Lo riapriranno domani ? Si vedrà…

 Vergogna ! Non occorre dire altro. Poi ognuno commenta da se. 

Metropolitano


apcoaapcoa palermochiusura parcheggio tribunalecomune di palermoinagibilitàparcheggi chiusiparcheggi palermoparcheggio apcoaparcheggio piazza vittorio emanuele orlandoparcheggio tribunale

32 commenti per “Parcheggio V. E. Orlando chiude per inagibilità

Comment navigation

  • Metropolitano 3231
    05 ago 2010 alle 12:30

    Ah, l’hanno riaperto ?! Beh ma solo per 2 mesi. Poi bisogna vedere…
    Dunque la colpa è della ditta che dovrebbe fare il collaudo e non del Comune.

  • phrantsvotsa 464
    05 ago 2010 alle 13:23

    Come sarebbe era una bufala? Vorresti affermare che la struttura non è in decadenza? In privato se vuoi ti dico quali sono i punti della struttura che sembrano essere critici. Ma poi…se parliamo solamente di decadenza.. ti ripeto, davvero vuoi affermare che non è in decadenza?

  • Luca 129
    05 ago 2010 alle 14:40

    Bellissima foto, come tante altre di Palermo credo, prima del sacco edilizio che ha rovinato per sempre la nostra citta’!
    E indietro purtroppo non si puo’ andare…

    @Antonio Beccadelli
    Non sono d’accordo comq sul fatto che i parcheggi non vadano costruiti in centro.
    Io vivo all’estero, e comq ovunque vedo parcheggi limitrofi al centro, proprio per portare le persone alle soglie del centro, e permettere loro di muoversi internamente a piedi!
    Il parcheggio in questione rientrerebbe in questa logica, ma da noi senza la macchina non ci si muove!

  • Metropolitano 3231
    05 ago 2010 alle 14:49

    Comunque sia se questo parcheggio fosse stato realizzato a Milano, a quest’ora sarebbe stato aperto in meno di un mese dalla data di inaugurazione, ergo escluderei soprattutto la chiusura per inagibilità. Cose tipiche della nostra amata metropoli.

  • mcarta 11
    05 ago 2010 alle 15:39

    C’è stato un ritardo imprevisto nel collaudo amministrativo dell’opera a causa del mancato completamento dei lavori di sistemazione della copertura. Gli Uffici del Centro Storico hanno accertato che tale ritardo non compromette la funzionalità e la sicurezza del parcheggio e pertanto hanno prorogato l’agibilità provvisoria fino al 2 ottobre, in tempo utile per ottenere il completamento del collaudo ed avere l’agibilità definitiva.
    La simultaneità dei problemi e dei ritardi ha creato il disagio della chiusura del parcheggio per 2 giorni.
    Non posso nascondere l’imbarazzo come Assessore di non aver saputo prevedere con sufficiente anticipo il problema e aver predisposto in tempo la proroga. Di questo faccio ammenda per la responsabilità che mi compete, anche se l’impresa e l’APCOA avrebbero potuto anch’esse agire con maggiore tempestività.
    Infine concordo con la necessità di ripensare complessivamente il sistema della mobilita e della sosta a Palermo, nell’ambito di un complessivo ripensamento degli attrattori e dei flussi della città.
    Maurizio Carta

  • Paco 7942
    05 ago 2010 alle 15:57

    Grazie assessore per il suo contributo, speriamo che la situazione si risolva quanto prima. Attendiamo anche gli altri due parcheggi previsti.

  • marcos 113
    05 ago 2010 alle 17:02

    almeno l’assessore Carta si dimosta disponibile a spiegare quwste assurdità e ritardi per il parcheggio…si dice in giro che alcune imprese private hanno rinunciato alle realizzazioni dei parcheggi sottoterranei della stazione centrale e di piazza sturzo perchè sembra che per ora non conviene in mancanza di completamento di mobilità cittadina come il passante, anello tram…
    e anche il parcheggio di via basile sembra che l’amat ha gettato la spugna per problema di costi e potrebbe diventare il nuovo terminal di pullmna al posto di via balsamo che tornerebbe a vivere senza lo smog quotidiano.

  • Daniele 444
    05 ago 2010 alle 18:31

    Assessore Carta, lei è sempre gentile e disponibile .. si candidi a sindaco, sarebbe la cosa migliore!

  • Metropolitano 3231
    05 ago 2010 alle 19:29

    Parole sante, Assessore. Ora però passiamo ai fatti !
    Si completi il collaudo o questa vergogna fra due mesi si ripeterà.

    @marcos
    credo che entro settembre Scoma porterà avanti l’operazione di spostamento del terminal degli autobus da via Balsamo al parcheggio Basile.

  • Antonio Beccadelli 0
    06 ago 2010 alle 10:16

    Ringrazio Phrantsvotsa e Luca per l’attenzione.

    Sulla questione “parcheggi in città”, ognuno ha, giustamente, le proprie idee e ciò arrichisce il dibattito; io spero, ad esempio, così ribadendo la mia opinione, che non venga realizzato il “fuori terra” (quanti piani?) nei pressi della Stazione Centrale (area di risulta – singolarmente non “vampirizzata” neanche negli anni del “sacco edilizio” della città – dell’abbattuta cortina muraria normanno-aragonese).

    Nel caso del “multipiano” di piazza V.E. Orlando il posizionamento è, però, a mio parere, l’ultimo dei problemi; la questione principale è, invece, come la sua realizzazione abbia “scempiato” lo spazio in superficie (nel mio precedente intervento ho esternato le mie obiezioni e, dunque, non mi ripeterò). E’ possibile, a cose fatte, apportare delle migliorie? Secondo me sì (al netto del fatto, chiaramente, che occorra trovare le risorse economiche necessarie):

    1) “robusta” implementazione delle aree a verde con aiuole tradizionali (e non con i maxivasi attuali) che in taluni spazi suggeriscano, con adeguate geometrie, l’idea di una vera e propria piazza;

    2) piantumazione di una siepe continua che delinei lo spazio pubblico rispetto ai (bruttissimi) edifici con i portici che vi prospettano;

    3) realizzazione di una moderna, semplicissima fontana, con giochi di luce (potrebbe essere a zampillo unico, di grande impatto visivo, come quello ad esempio, della fontana di Villa Bonanno);

    4) protezione e valorizzazione delle fondamenta del “fu” Bastione d’Aragona;

    5) porre rimedio – difficile, ma non impossibile – alle due “torrette” che sfregiano le le linee architettoniche del Palazzo di Giustizia.

    P.S. Detto delle tariffe “esagerate” del parcheggio in questione e poiché esso è stato realizzato tramite finanziamento privato (project financing), qualcuna/o sa dirmi qual è l’entità del canone d’uso percepito dal Comune e fra quanti “secoli” quest’ultimo diverrà proprietario a pieno titolo dell’opera? Che si sa, di preciso, sulla paventata (repentina?) decadenza strutturale?


Lascia un Commento