01 ago 2010

Aeroporto Palermo: al via la sperimentazione del body-scanner


Dopo quelle a Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Venezia Tessera, l’Enac ha avviato anche all’aeroporto di Palermo la sperimentazione dei body scanner, finalizzata ad individuare il tipo di apparato più rispondente ai requisiti di sicurezza e di privacy per la rilevazione di quegli oggetti e quelle sostanze che i tradizionali metal detector non possono individuare.

La strumentazione è stata presentata in conferenza stampa all’aeroporto Falcone e Borsellino, alla presenza del ministro dell’Interno Roberto Maroni, del ministro della Salute Ferruccio Fazio, del presidente dell’Enac Vito Riggio, del direttore generale dell’Enac Alessio Quaranta, del direttore generale della Gesap Carmelo Scelta. Se a Roma Fiumicino e Milano Malpensa sono utilizzati macchinari a onde elettromagnetiche attive, a Venezia Tessera e a Palermo viene applicata una tecnologia definita di tipo ‘passivo’, senza emissioni di energia o onde elettromagnetiche attive, in grado invece di rilevare, sotto forma di immagini, l’energia emessa naturalmente dal corpo umano. La sperimentazione allo scalo Punta Raisi durerà circa 9 settimane e si concluderà verso la fine di settembre. Al termine di questo periodo il Cisa – Comitato Interministeriale per la sicurezza del trasporto aereo e degli aeroporti, di cui è presidente lo stesso Vito Riggio – valuterà i risultati ottenuti in termini di sicurezza, efficienza ed effettivo risparmio di tempo nell’operatività aeroportuale.

Alla luce dei risultati, il Cisa deciderà quindi quale tipo di apparecchiatura body scanner sarà più opportuno installare definitivamente negli aeroporti nazionali, scegliendo tra quelle sottoposte a sperimentazione nel corso di questo periodo nei quattro aeroporti. Il macchinario in prova a Palermo si presenta come una cabina di fronte alla quale viene chiesto al passeggero di fermarsi per qualche secondo al fine di permettere una scansione completa del suo corpo. Il body scanner, come quelli già utilizzati negli altri aeroporti, non presenta alcuna controindicazione per la salute e garantisce la privacy del passeggero. Non genera, infatti, alcun irradiamento del soggetto sottoposto ai controlli: tutte le persone, comprese donne in stato di gravidanza e portatori di pacemaker o con altri problemi di salute, possono essere sottoposti al controllo con il body scanner senza alcun rischio. Per quanto riguarda la privacy, l’immagine evidenziata sul monitor dell’operatore è solo una sagoma della persona che si sta sottoponendo al controllo del body scanner, di cui non viene mostrato alcun particolare anatomico. Le immagini, inoltre, non sono archiviabili, e vengono utilizzate solo nel momento del passaggio per il rilievo di eventuali oggetti indosso al passeggero. L’apparato installato a Palermo denominato T8000, della ditta Thruvision, commercializzata in Italia dalla SetecoCm Spa., individua quegli oggetti potenzialmente pericolosi ad oggi non rilevabili dai metal detector.


aeroporto falcone borsellinoaeroporto palermobody-scannercomitato mobilita palermocomune di palermogesap spaprovincia palermotrasporti regione sicilia

3 commenti per “Aeroporto Palermo: al via la sperimentazione del body-scanner
  • Orazio 764
    01 ago 2010 alle 22:29

    A prescindere dal fatto che questa diavoleria si sperimenti a Palermo o altrove, si tratta dell’ennesima restrizione alla naturale libertà della gente.
    Son convinto che si tratta di misure inutili che hanno il doppio scopo, da un canto di arricchire i produttori e tutta la filiera che va dalla produzione all’utilizzo, nessuno escluso, e dall’altro di continuare ad accuratamente “manutenzionare” (mi si perdoni il termine orribile) nelle masse il terrore appositamente creato ed alimentato dai governi di tutto il mondo.
    Ancora oggi vige la misura farsa del divieto di portare liquidi: ma passata la barriera di controllo puoi comprare tutta l’acqua che vuoi mettendo le monete nei dispenser. Prova evidente che occorre solo terrorizzare la gente con misure inutili, che se fossero utili l’acqua non si comprerebbe liberamente.
    Fino a 20 anni fa si parlava di libertà di movimento di persone e cose, una filosofia troppo democratica per il potere. Oggi la libertà di movimento è chimera. Dopo il body scanner cosa?

  • monachella79 84
    02 ago 2010 alle 8:00

    …..serve pure per rx di urgenza?……a palermo si rischia farlo pure a tutti i parenti che accompagnano chideve partire!
    Credo che l’areoporto abbia tante altre esigenze che il bodyscanner, visto poi che per adesso ad averlo in Italia, siamo davveri in pochi………

  • blackmorpheus 54519
    02 ago 2010 alle 9:35

    a me sto body scanner sembra una str***ata allucinante. E poi non è vero che non vìola la privacy delle persone perché comunque mette in risalto le sagome. Poi conoscendo il rispetto che hanno i palermitani verso il prossimo, mi immagino già le battutine che si faranno quelli ai controlli. Insomma…che senso ha farti la scansione corporale, quando poi entri nell’area imbarco e puoi benissimo trovare coltelli o bottigliette d’acqua da tutte le parti.


Lascia un Commento