21 lug 2010

Traffico: il parere di un milanese


Chi meglio di un turista occasionale può fare una considerazione d’impatto sul traffico palermitano? Si, perchè noi che ci conviviamo quotidianamente siamo oramai “assopiti” nel giudizio e abituati a tutto. Possibilmente certi aspetti nemmeno riusciamo a vederli.

E allora, diamo parola a questo utente milanese che ci ha inviato alcune riflessioni e che ringraziamo per averci scritto. Vi preannunciamo che troverete soltanto aspetti negativi:

Buongiorno, mi chiamo Alberto, ho 41 anni, sono ingegnere, vivo a Milano e ho

viaggiato parecchio in Italia e all’estero, sia per lavoro che per turismo.

All’inizio di giugno ho visitato Palermo, e vorrei condividere alcune

impressioni sul traffico, in particolare sulle carenze del trasporto

pubblico.

Mi sono fermato un giorno solo, per cui l’impressione che ne ho tratto è molto

parziale, ma comunque è estremamente negativa.

Non ho mai visto una città peggiore dal punto di vista del traffico, al

confronto Napoli sembra in Scandinavia.

Alcuni spunti sparsi di riflessione:

- Mancanza nel centro di mezzi su rotaia e di preferenziazione. Autobus che

viaggiano semivuoti intrappolati nel traffico

- Mancanza di biciclette, nonostante l’orografia favorevole

- Numero enorme di scooter, che mediamente ignorano nella maniera più assoluta

il codice della strada

- Anche le auto non rispettano le norme più elementari (semafori, precedenze,

strisce pedonali). Al confronto Napoli e Bari sembrano città del nordeuropa.

- Uso smodato e inutile del clacson da parte degli automobilisti e dei

motociclisti

- Traffico praticamente paralizzato (era la tarda mattinata di un giorno

feriale, non l’ora di punta)

- Servizio di bus panoramici caro, male organizzato (un’ora e mezza di attesa

per salire sul bus, con gli impiegati che danno continuamente informazioni

false su frequenza e tempi di percorrenza dei mezzi), con tempi di percorrenza

ridicoli a causa del traffico e costretti a deviazioni estemporanee per evitare

gli ingorghi.

Cordiali saluti

A. Avanzi

Cose sacrosante. Soprattutto mi soffermerei sull’uso del clacson: insopportabile e prepotente. Ma soprattutto, la maggiorparte delle volte, INUTILE: esempio, semaforo rosso. Scatta il verde e dopo 1 millesimo di secondo gli “automobilisti (?)” dietro a suonarti come dei forsennati. Oppure ancora, il continuo suonare lungo gli ingorghi. Ma cosa si risolve suonando? Forse le auto ferme si smaterializzeranno improvvisamente?

Che qualcuno dei “suonatori automobilisti” ce lo spieghi.


caoscittà di palermoclacsonrumoreSegnalatitrafficotrasporti pubblicitrasporto pubblicotrasporto pubblico localetrasporto pubblico palermo

28 commenti per “Traffico: il parere di un milanese

Comment navigation

  • Roberto1 520
    22 lug 2010 alle 15:52

    Che a Palermo il traffico sia un casino e che i mezzi pubblici sono carenti è vero. Ma di quà a dire che è peggio di Napoli o Bari!!! Napoli è l’anarchia assoluta dovunque, un caos indescrivibile, con l’aggravante che la viabilità cittadina è molto più tortuosa che a Palermo. A Bari i mezzi pubblici non esistono neppure: il servizio urbano di bus copre solo parzialmente la città con rare corse e i bus sono fatiscenti e sempre deserti. In compenso però a Bari il traffico è più ordinato, anche perchè la città è parecchio decentrata con uffici e attività commerciali poste in periferia e magari anche in provincia.

  • Metropolitano 3301
    22 lug 2010 alle 16:10

    Roberto1, se sei stato mai a Napoli saprai che esiste una buona rete di tram, filobus e metropolitana. Esiste pure la circumvesuviana gestita da privati per conto della Regione Campania. Palermo non è certo migliore di Napoli.

  • Roberto1 520
    22 lug 2010 alle 16:21

    A Napoli i motorini ti sorpassano mentre impennano!!! E poi le strade non sono certo quelle di Palermo! Il caos di Napoli è superiore persino a quello di Palermo.

  • rogers 44
    22 lug 2010 alle 16:36

    I milanesi non sono piu’ educati di noi perchè sono superiori a noi, ma solo perchè se sbagliano PAGANO!!
    Noi sbagliamo e come sempre la facciamo franca…
    Quando avremo il tram e la metro, Palermo e le abitudini dei cittadini cambieranno, ma non basterà, bisogna educare la popolazione!!!
    Questo Milanese, non mi può paragonare Palermo ad altre Città, noi siamo senza infrestrutture e non vi sono ecopass o ztl che vietano l’ingresso delle auto in centro.
    Non vi sono telecamenre agli incroci che riprendono i trasgressori che passano col rosso o che si fermano sulle strisce pedonali (come dei porci).
    Non vi sono vigili sulle strade, e quelli che ci sono fanno 4 multe, rispetto a tutte quelle che potrebbero e dovrebbero scrivere.
    Non ci sono amministratori capaci che investono le risorse per rendere questa Città meglio di come i nostri genitori ce l’hanno lasciata.
    Dove vi è delinquenza, ignoranza e maleducazione vi deve essere il pugno duro dello Stato.
    Vedete, la raccolta differenziata porta a porta, pur non essendo diffusa al 100% sul territorio è comunque stata attuata con la forza dello Stato e con pesanti sanzioni si dovrebbe allargare a tutta la città, risolvendo uno dei problemi piu’ scottanti.
    Solo le leggi e la forza dello Stato/Regione/Comune possono cambiare le cose, noi singoli possiamo solo lamentarci e comportarci nel nostro piccolo come persone civili ed educate, facendo la raccolata differenziata pur non avendola porta a porta, guidando rispettando il codice, non gettando carta per terra e rispettando il prossimo…ma oggi come oggi risponderemmo solo alla nostra coscienza, non avremmo altri motivi che ci inducano a rispettare le regole, nè sanzioni, nè telecamere, NULLA.
    LE PERSONE EDUCATE DI QUESTA CITTA’ NON HANNO INCENTIVI AD ESSERLO, MA FO0RTUNATAMENTE IL 50% LO FA !!!
    io stesso alle volte mi rendo conto che gli altri sunnu kiu’ furbi i mia, ma sono certo che primo o poi questi furbi verranno futtuti!!!

  • franz 200
    23 lug 2010 alle 12:32

    Voglio rispondere a chi dice “non è che i palermitani sono “nati” incivili, le infrazioni vengono commesse perchè le persone (e mi ci metto anche io) sono portate dalle circostanze disperate a commetterle” e smentirlo perchè la civiltà e l’educazione o ce l’hai o non hai scusanti. La gente si comporta per strada come si comporta nella vita quotidiana, chi non rispetta le regole stradali non le rispetta in qualunque occasione. Anche io sono un automobilista, ma non mi sono mai permesso di passare col rosso, di suonare il clacson senza motivo, di guidare nella corsia di emergenza perchè furbo, di posteggiare in doppia fila etc. No non sono un eccezione, come me ci sono tante persone, ma sempre poche rispetto alla massa selvaggia. Questa città non ha futuro proprio perchè nessuno ha rispetto per gli altri e non saranno certo i tram, metro e quant’altro a cambiare l’educazione del popolo palermitano.
    roger: sono perfettamente d’accordo con te

  • civispanormitanus 164
    23 lug 2010 alle 15:07

    la cultura dell’inciviltà non esiste, per me esiste la cultura dell’esasperazione; io non voglio giustificare chi infrange la legge, penso solo che certi comportamenti comuni in città non siano attribuibili ad una cultura inferiore di noi palermitani, ma semplicemente all’esasperazione di chi cerca di vivere tranquillamente in questa città e si ritrova con dei servizi fatiscenti, delle strade piccolissime e un parco auto immenso; come volete che si comporti la gente in queste circostanze? Io sono il primo che in macchina perdo la calma e poi è normale che ti scappa il colpo di clacson o che ti fai un pezzo di preferenziale! Perchè non si chiude alle auto il centro cittadino? Perchè non si riduce il biglietto del bus e si potenzia il servizio? Perchè invece di pensare a punire non si va incontro ai cittadini?

  • Daniele 444
    23 lug 2010 alle 16:24

    @civspanormitanus

    è sempre quello che ho detto io qui nel blog .. il problema sta a monte! Purtroppo Palermo è amministrata da incapaci, che hanno sempre “educato” la gente all’inciviltà .. se oggi molti palermitani sono incivili è colpa loro! Il Milanese, scusate, dovrebbe parlare con il sindaco e gli amministratori .. non con noi cittadini .. scusate, ma la penso così .. troppo facile parlare quando non si conosce realmente la realtà dei fatti!

  • francesco_81 36
    04 ago 2010 alle 11:28

    Perdonatemi ma a me da sempre fastidio leggere pareri eccessivamente sbilanciati, anche perché in genere ,nonostante molte cose siano vere, sono poco credibili..

    Il sedicente “Milanese” ha dato la sua impressione di Palermo in “un giorno”.
    Alcune cose sono vere, ma alcuni paragoni addirittura con Napoli mi fanno letteralmente morire da ridere..

    Forse il nostro “turista Milanese” è stato a Napoli mezzora.
    Sfido chiunque, una volta arrivati a Napoli , alla stazione, ad attraversare il semaforo!! Qui rido a crepapelle!! Con il semaforo”rosso”, ma proprio “rosso rosso”, le auto sfrecciavano come fosse verde. Ebbene, se proprio devo dire la mia , una cosa del genere io a Palermo non l’ho mai vista. Addirittura se passavi con il verde del passaggio pedonale ti gridavano. Le critiche aiutano a migliorare, giustissimo, ma non diciamo cavolate cortesemente. Io a Napoli ci sono stato una settimana. ogni città ha le sue ma ripeto non esageriamo a dire fesserie solo perchè si è pseudo-milanesi e si sta un giorno a Palermo.

    A parte che non è il parere di un milanese ma di un nostro amico che se non sbaglio è nato a Bari e vive a Milano e gira per l’Italia e già una volta ha scritto sempre le stesse cose(che Bari è meglio di Palermo, che ha una storia simile a Palermo, che c’è il politecnico migliore di Palermo etc etc etc)… Sinceramente ho visitato Bari e Napoli più volte.. Napoli perchè ho parenti, Bari per varie amicizie.. città differenti con differenti pregi e difetti.. ma io la mia Palermo non la cambio con nessuna città, i Palermitani pian pianino stanno cambiando..

    I Bus panoramici sono invasi da turisti (a Londra ho trovato Km di fila per visitare musei ma non ho mai pensato di paragonarla per tale motivo al terzo mondo). Il prezzo non mi pare eccessivo e sinceramente se c’è stato un giorno di traffico mi pare ovvio che il bus panoramico che ovviamente passa nel centro storico non credo possa avere una corsia preferenziale( dovrebbero fare traffico a senso unico).
    Aggiungo inoltre che 52 centesimi per un biglietto”GIORNALIERO” per tre linee riservate al centro storico mi sembrano una bazzecola,(come farà mai a vivere nella costosa milano?).. se sono cari questi prezzi.. Per il Bus panoramico ci sono più attese nel periodo estivo come in tutte le città meta dei turisti.. il clacson ricordo che per il codice stradale va usato solo nei casi di emergenza ma da noi qualche imbecille lo usa per “sbloccare il traffico”, come se dipendesse da qualche imbecille al volante, ogni tanto capita qualche “addormentato”, per carità glielo metterei dietro l’orecchio il clacson, ma ogni tanto è solo stupidità. capità che qualcuno al semaforo si fermi più avanti e non veda se è rosso o verde e suonano per questo, ogni tanto capita che qualche stupido suoni dopo un nanosecondo dal verde..
    Sull’Amat non mi espongo, ho già parlato ampiamente e credo che saranno guai per 10 mesi senza metro.

    Per l’uso di biciclette il “milanese” dice che Palermo ha un’orografia “favorevole”.. Per chi favorevole? Non certo per chi vive nelle parte sud-ovest della città(che si ritrova km in salita da fare)..
    Sarebbe bello dire che i Palermitani “sono”, incivili e non “siamo”.. Io non sono “incivile”.. partiamo dunque dal fatto che dobbiamo migliorarci e tenere il meglio di noi cambiando il peggio, amando la nostra città perchè solo amandola la renderemo meravigliosa come le altre. Cambiamo noi, cambieranno i nostri figli e fra una generazione “saremo” un’altra città.. lasciamo estinguere il gene della vecchia Palermo, il gene della politica ormai sta morendo.. Facciamo crescere i nostri figli con una sana educazione alla civiltà, siamo noi i loro primi insegnanti e siamo noi che creeremo una nuova Palermo.. e sopratutto ricordo che il voto ai politici lo diamo noi,alle prossime elezioni pensiamoci bene e portiamo volti giovani a Palermo, ci sono nuovi problemi che i vecchi politici non possono capire


Lascia un Commento