09 lug 2010

Illuminare di “antico” il Foro Italico e la Cala


L’utente S. Biondo ci inoltra una proposta per l’amminsitrazione circa l’illuminazione del Foro Italico:

Non potete prendere contatto con il presidente del porto di Palermo, per fargli presente che lunga via Cala e Foro Umberto I, sul marciapiede lato mare potrebbe essere interessante installare dei lampioni artistici come era stato per secoli in passato?

In queste foto d’epoca si nota come via Cala e Foro Umberto I fossero illuminati da lampioni artistici. Perchè non reinstallarli?

Ecco alcuni esempi di illuminazione da poter installare:


calaforo italicoilluminazione foro italicolampioni

25 commenti per “Illuminare di “antico” il Foro Italico e la Cala

Comment navigation

  • Real 170
    09 lug 2010 alle 19:51

    matteo O

    Io condivido che il centro storico sia riqualificato e valorizzato recuperando il recuperabile. Ma falsi storici no, mettere dei lampioni in stile antico lì dove non esistono più, perché?!
    La nostra generazione non può dare un contributo di qualità a questa città, non si può mummificare il centro storico, trasformandolo in un “presepe”. Se così, si fosse fatto in passato, non avremmo le piazze che abbiamo oggi, dove accanto ad un palazzo gotico catalano, troviamo uno splendido edificio barocco. Si può benissimo integrare l’antico con il moderno, ci sono esempi stupefacenti in tutto il mondo.

  • salcuf 3
    09 lug 2010 alle 20:30

    Sono orribili! Falso storico. Anacronistici.
    E poi non è con l’arredo urbano che si risolve la riqualificazione urbanistica della città e il recupero dei centri storici.

  • Viajero Solitario 2
    10 lug 2010 alle 1:15

    Io non li trovo orribili, ma, diciamoci la verità… sono il lampioni la prima cosa a cui pensare? è solo un ulteriore muro per evitare di piangere quando si guarda il lungomare che non c’è. Il foro italico è stato già abbastanza devastato da quell’architetto che probabilmente si serve dallo stesso spacciatore di Bianca Neve, e guardate che schifezza ha combinato… ogni volta che guardo quei paletti che sembrano vandalizzati da un graffitaro alle prime bombolette, mi viene voglia di dare una mano di beige… per non parlare dei “lettini”, rotti e sporchi… un’area abbandonata a sé stessa. Bisognerebbe investire sul lungomare e sul Porto. Mettetevi nei panni di chi arriva via mare… sareste invitati ad uscire dalla Nave della Costa, Snav, Tirrenia e Grimaldi (giusto per citare) quando vi trovate un immondezzaio grigio con palazzi sporchi, prostitute a tinchité, spacciatori e gente della stessa raccomandabilità. Avete mai visto il porto di Valencia e il suo lungomare della Malvarrosa, pieno di verde e spazi per i bimbi?

    Utopie? Sicuramente… lasciatemi citare Roberto Alajmo da “Palermo è una cipolla”: Palermo è una città che ha voltato le spalle al mare…


Lascia un Commento