29 mag 2010

Litorale Addaura-Ikebana: ancora lamentele dai residenti


Continuano ad arrivarci lamentele da parte dei residenti circa la viabilità e traffico (e non solo)  in prossimità del locale Ikebana presso Addaura-Mondello.

Lo scorso anno abbiamo denunciato la scellerata abitudine dei “panormosauri”  nell’arte del parcheggio.Manca davvero poco e si arriverà a mettere la propria auto sulle rocce.

Ma non scherza nemmeno l’addetto alla consegna merce (o lo staff?), come si nota da questo furgoncino in osta nel bel pieno della curva.


Ciò è solo il preludio di quanto si verificava lo scorso anno

Una sera di Luglio 2009….

Cari amici Vigili Urbani, dobbiamo attendere che accada qualcosa di grave  per poter prendere seri provvedimenti?La stagione balneare è quasi alle porte.Prevenire è meglio che curare. Non mettiamo in dubbio  circa le autorizzazioni che ha avuto il locale, ma sono pur sempre leciti i dubbi sollevati dai residenti. Così come altre zone in città


ikebana addauraikebana palermomondellotraffico mondelloVIGILI URBANI PALERMO

Articolo precedente

13 commenti per “Litorale Addaura-Ikebana: ancora lamentele dai residenti
  • Luca 129
    29 mag 2010 alle 13:27

    E’ impensabile autorizzare uno stabilimento balneare senza la preventiva verifica della presenza di aree da adibire alla sosta o al parcheggio.

    Sono morte troppe persone (giovani peraltro) in quei curvoni…
    Hanno piu’ che ragione i residenti!

  • emmegi 717
    29 mag 2010 alle 13:38

    A parte che la sosta è vietata in curva, secondo il codice della strada non si può neanche parcheggiare nelle banchine (caso della foto).
    E mi pare di ricordare che la zebratura, visibile nella foto, costituisce un limite invalicabile.
    In altre parole il numero di infrazioni contestabili in quel punto dovrebbero essere almeno 3

  • blackmorpheus 54519
    29 mag 2010 alle 18:18

    si anche a noi risulta…a quanto pare è proprio quel politico che tempo fa entrò al cinema Aurora con la tessera AGIS scaduta e che pretese di entrare nonostante il cinema fosse già pieno e avrebbe costituito una violazione alle norme di sicurezza. I responsabili del cinema proposero a tale politico di vedere un altro film nell’altra sala, e lui con arroganza si impose facendo il putiferio. I suoi gorilla chiamarono la polizia che prese i nominativi di tutti i responsabili del cinema, pochi giorni dopo furono costretti a chiedere scusa. Come direbbe il marchese del Grillo “mi dispiace, ma io so io e voi nun siete un cazzo!”

  • cicciocc 23
    30 mag 2010 alle 7:51

    salve, perchè non inserite il nome? o quantomeno il link all’articolo di giornale che ne parla e lo nomina. So già che non dovrò votare il marchese del Grillo…

  • antony977 166062
    30 mag 2010 alle 9:57

    Poi ovviamente le voci che si susseguono da parte dei residenti sono tante, ma da accertare e verificare fondamento.
    Quello che la gente lamenta il fatto di trovare davanti casa e sopra le proprie auto bottiglie di birra, ubriaconi davanti la porta, auto che ostruivano i propri cancelli; per non parlare della viabilità stravolta (come si nota dalle immagini) e il traffico impazzito in curva.

  • aledeniz 174
    30 mag 2010 alle 10:17

    @blackmorpheus:
    Un paio di anni prima ho assistito ad una vicenda simile, al Jolly, ma il protagonista era un altro politico, e sono certo che scene simili hanno visto per protagonisti politici e “potenti” di tutte le parti politiche.

    Questo non per giustificare nessuno, ma giusto per far notare che il problema non sono i singoli, ma è purtroppo un problema culturale profondo.

  • blackmorpheus 54519
    30 mag 2010 alle 10:24

    @aladeniz

    stiamo andando fuori tema. Comunque sì, è un problema generale della nostra politica. Nel nostro paese il potere è visto come uno strumento potente di distinzione sociale. Il potere viene usato per accentuare la distinzione tra casta e comuni mortali, e la poltrona è la linea di confine tra la gente che conta e chi invece non conta nulla. Anziché vedere il potere come un’opportunità di servire la gente e il proprio paese, viene visto solo come uno strumento d’abuso…d’altronde questo paese non sarebbe quello che è se i suoi politici non l’avessero reso tale (con la complicità degli italiani che condividono questa cultura squallida e vedono questo modo di agire come qualcosa a cui tendere per “diventare qualcuno”, anziché capire che è proprio per questo meccanismo se loro sono privati della possibilità di avere una vita dignitosa). Fine OT

  • Fabion54 48748
    31 mag 2010 alle 8:38

    @pepposki C’è da dire però che in quel tratto la strada è ben più larga e si è su un rettilineo, tra l’Addaura Reef e il Solemar il traffico viene rallentato non dalle macchine posteggiate, ma dalle persone che fanno scendere dalle macchine gli amici, si fermano a parlare, vanno a due all’ora per cercare posto…Insomma la colpa non è solo delle macchine posteggiate.
    Per quanto riguarda il parcheggio dell’ikebana c’è da dire che il parcheggio il locale l’avrebbe ed è proprio quello spazio di fronte l’antica birreria, poco più avanti del curvone, solo che noi palermitani essendo “lagnusi” pur di evitare due minuti di camminata cerchiamo il posto più vicino per cercare di fare meno strada possibile!


Lascia un Commento