05 mag 2010

Mobilità Sostenibile: approvato un disegno di legge per favorire l’uso massiccio della bici


Mobilità sostenibile:  approvato dal Ministero Ambiente  un disegno di legge per favorire l’uso della bici.
Parcheggi nelle stazioni del metrò e dei treni e negli edifici pubblici a contatto con il pubblico.

http://www.minambiente.it/opencms/opencms/home_it/showitem.html?item=/documenti/notizie/notizia_0200.xml&lang=it

Il disegno di legge, approvato dal Consiglio dei Ministri la scorsa settimana, prevede:

  1. che, negli edifici adibiti a pubbliche funzioni ove sono svolte attività a contatto con il pubblico e che dispongano di cortili o spazi comuni, l’amministrazione riservi un’apposita area alle biciclette degli utenti, segnalando sul proprio sito istituzionale la presenza dell’area riservata.
  2. di consentire il trasporto delle biciclette pieghevoli sui tram, nei giorni feriali e festivi, senza limiti di numero e di orario.
  3. che le amministrazioni locali dovranno prevedere parcheggi per biciclette, adeguati nella forma e nel numero, in ogni stazione di nuova realizzazione delle linee metropolitane e dei treni metropolitani in modo da rendere più facile e sicuro lo scambio bici-treno e bici-metro.

Una preziosa opportunità per Palermo, sia pensando alle fermate del PASSANTE FEROVIARIO, che alle fermate del futuro ANELLO FEROVIARIO che a quelle della prossima METROPLITANA LEGGERA. Le ultime 2 opere potrebbero già inserire la previsione delle rastrelliere sin da ora, che non sono ancora partiti i lavori.

Naturalmente si tratta di opere che non necessitano di grandi finanziamenti, cioè trattasi di uno spazio  pubblico nel quale installare rastrelliere metalliche come nelle città del nord.

Inoltre tutti gli uffici pubblici potranno progettare e realizzare spazi con rastrelliere per bici e pensiamo al Polo tecnico del Comune di Via De Gasperi-Via Ausonia (dove si trovano gli uffici dei Settori Edilizia Privata, Edilizia Scolastica, Urbanistica, Lavori Pubblici). Pensiamo ancora agli uffici dei Tributi (con grande affluenza di Pubblico), pensiamo agli uffici regionali dei Lavori Pubblici, ed ad altri ancora frequentati da molti utenti.

Articolo precedente

Articolo successivo

5 commenti per “Mobilità Sostenibile: approvato un disegno di legge per favorire l’uso massiccio della bici
  • Daniele 444
    05 mag 2010 alle 10:48

    Tutto bellissimo! … Ma vedete in che condizioni sono le “piste ciclabili” di Palermo? sono nascoste dalle automobili posteggiate o dalle montagne di spazzatura .. quindi, cominciassero a risolvere i problemi alla base una volta per tutte!

  • Portacarbone 70788
    05 mag 2010 alle 10:59

    Io sono sempre dell’idea che quando vogliono veramente far rispettare un provvedimento, un’area pedonale, qualsiasi cosa, sanno cosa e come fare.

  • MAQVEDA 17489
    05 mag 2010 alle 14:29

    Purtroppo lo stato delle piste ciclabili è davvero pessimo, si salva solo il tratto di via Giusti, villa Sperlinga. La litoranea è impraticabile per auto e spazzatura, oltre che per abusivi e panellari.
    Detto questo comunque sarebbe bellissimo se si attuasse una cosa del genere, magari a Notarbartolo, Orleans, etc etc. Un segno di grande civiltà.

  • matteo ognibene 164
    05 mag 2010 alle 15:30

    Per me è un’idea semplice ma geniale. Immaginate quanto sarebbe bello poter andare fino alla stazione della metrò più vicina in bici. Poi magari trovare un bike sharing nella stazione di arrivo, per poter arrivare a destinazione in maniera semplice e veloce.
    Si potrebbe pensare di fare una convenzione con trenitalia per includere (se e solo su richiesta del cliente) nel biglietto o abbonamento della metro il costo del bike sharing. che ne pensate? A quel punto nessuno prendere la macchina!!

    Pensate a tutte le stazioni metro della città (passante, anello e in futuro metro leggera) con un bike sharing….magari anche sovvenzionato dal comune per diminuire il costo dell’inquinamento.

    Piuttosto c’è un modo per sapere dai piani alti se aderiranno alla normativa del ministero?? In teoria dovrebbero essere obbligati no?


Lascia un Commento