23 apr 2010

Report dibattito Mobilità e Grandi Opere in Cantiere 22-04-2010


Tantissima gente che ha riempito la sala conferenze presso il Mondadori Multicenter. Appassionati, curiosi, semplici cittadini…tutti accomunati dalla  voglia di vedere lo stato delle grandi opere in costruzione, e come sarà il futuro della mobilità a Palermo. Un dibattito di alto spessore tecnico dove sono intervenuti i tecnici Amat (Ing. Caminiti ed Ing. Pellerito), tecnici del consorzio d’imprese Sis che si occupa della costruzione delle linee trame Passante Ferroviario (Ing. Galluzzo ed Ing. Perilli) e l’intero staff di MobilitaPalermo che, grazie anche a Mondadori, ha organizzato l’evento.

Singolare e probabilmente la prima volta nel panorama cittadino, l’assenza totale (voluta da MobilitaPalermo) di esponenti politici e loro referenti in un dibattito come questi. Ogni tanto bisogna spegnere i riflettori su di essi (solo pubblicità, cattiva informazione e voglia di non perdere consensi) e puntarli su qualcosa di più serio, concreto e costruttivo privo di pregiudizi.


Una breve sintesi sull’attività fin qui svolta da MobilitaPalermo


L’Ing. Caminiti fa una crono-storia del tram a Palermo, brevi cenni di mobilità e l’iter dell’appalto fino ad arrivare ad oggi

L’Ing. Galluzzo illustra le linee generali del Passante. Davvero notevoli le immagini dei cantieri del Passante riprese dall’alto

Molto originale l’illustrazione eseguita dall’Ing. Perilli circa i lavori delle linee Tram e le criticità.

L’ing. Pellerito ha illustrato le vetture tram che arriveranno a Palermo: comfort, velocità, sicurezza e caratteristiche tecniche



Nei prossimi giorni pubblicheremo le immagini  proiettate durante il dibattito, continuando contestualmente il monitoraggio dei cantieri. Non è l’ultimo di questo tipo di incontri, al quale ne seguiranno altri. Ringraziamo Mondadori per aver ospitato l’evento, le aziende Amat e Sis per essere intervenute al dibattito e tutti voi per aver partecipato numerosi.


ing. caminitiing. galluzzoing. pelleritoing. perillimobilitapalermomondadori palermoPALERMO VERSO IL FUTURO: MOBILITA' E GRANDI OPERE IN CANTIEREtram palermo

34 commenti per “Report dibattito Mobilità e Grandi Opere in Cantiere 22-04-2010

Comment navigation

  • aziz 74
    23 apr 2010 alle 18:57

    Finalmente con il ponte sull’ oreto cambierà volto una parte cittadina tra le più disastrate e il magnifico ponte ammiraglio ne troverà giovamento non sapevo nulla di quest’intervento e devo dire “ca mi piaci assai assai””

  • MAQVEDA 17489
    23 apr 2010 alle 19:46

    @Magna carta, chissà, magari è proprio quella la mia faccia ehehe;) scherzo, a parte i soliti che conosco, anche se immaginavo ci fossero altri utenti, non ne ho riconosciuto neanche uno:( ti do un’indizio, mentre parlavano del palazzetto demolito in piazza Indipendenza ho lanciato un gemito di dolore;) la prox volta i nomi su dei cartellini.

  • Argo 1214
    23 apr 2010 alle 20:07

    Ragazzi è stato uno tra gli eventi più riusciti alla Mondadori! Sono felicissimo di questo straordinario incontro tra cittadinanza e tecnici! :D
    Sono così orgoglioso!!!

    @Magnacarta: MAQVEDA era seduto insieme a me in seconda fila…
    Ho asciugato le sue lacrime mentre disperava! :D

  • MAQVEDA 17489
    24 apr 2010 alle 12:37

    @Argo, se non ci pensavi tu ad asciugare le mie amare lacrime, avrei allagato tutta la Mondadori. Un sincero grazie, ehehehe.

  • Daniele 444
    24 apr 2010 alle 12:47

    Mannaggia .. poi per un contrattempo non ho potuto più partecipare .. aspetto anche io il resoconto più dettagliato!!

  • Orazio 715
    24 apr 2010 alle 20:30

    Complimenti per la conferenza, alla quale però non ho partecipato, se non idealmente.

    La linea 3 fino al parcheggio Basile è paragonabile ad un approccio mal riuscito, fino ad Orleans è un coito interrotto, fino alla stazione centrale un orgasmo completo e ben riuscito.

    Vediamo che livello di soddisfazione avremo.

  • blackmorpheus 54519
    24 apr 2010 alle 20:36

    @Orazio

    beh fino alla stazione centrale sarebbe davvero un sogno! Anche perché a questo punto la stazione potrebbe fare da interscambio tra la linea 1 e la linea 2, permettendo di raggiungere Borgonuovo in pochi minuti. Non è da escludere che progetteranno pure questa estensione, certo non a breve, ma sembra la soluzione più logica

  • Orazio 715
    24 apr 2010 alle 21:15

    @blackmorpheus

    Non penso, la logica la possediamo noi, non chi ci governa purtroppo. Ricordo le tragedie per far passare il tram di volta in volta da via Notarbartolo (e infatti non scende fino a p.zza Gentili), e da C.so Calatafimi (da cui doveva scendere e non scenderà la linea 3). Invocheranno la morte di c.so Tukory per trammite pur di non farlo passare da li eheheh

  • Calò 80
    24 apr 2010 alle 22:35

    Ritengo quasi impossibile arrivare alla stazione centrale con il tram dato la larghezza della carreggiata. Se il genio civile ha bocciato il progetto che riguardava corso Calatafimi, figuratevi per corso Tukory.

  • blackmorpheus 54519
    25 apr 2010 alle 7:11

    @calò

    beh in teoria se si facesse passare il tram dall’attuale corsia dei bus a scendere per corso tukory sarebbe possibile. Il problema è trovare lo spazio il secondo binario. Certo che con le tecnologie che ci sono oggi, sarebbe magari possibile gestire per un piccolo tratto anche il singolo binario senza che i tram a scendere e salire interferiscano tra loro perché monitorati da un sistema computerizzato centrale. Ma qui parliamo di fantascienza

  • huge 2128
    25 apr 2010 alle 9:13

    Io un idea per il secondo binario via Basile/staz. c.le ce l’avrei.
    Avevo postato una mappa di un possibile percorso su SSC tempo fa.
    Ecco il link:
    http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=53521673&postcount=14

    Per il percorso verso la stazione (in verde) il tram, in fondo a via Basile, svolterebbe a dx su via Argento, per poi proseguire su via Lazzaro (offrendo così un ottimo collegamento diretto per l’ospedale Civico), via Salomone (a lavori del passante ultimati la via sarà collegata), via Pisacane, svolta a dx su via Emiliani Giudici, a sx su via Errante, raggiungendo così il fianco lato monte della stazione dove verrebbe posizionato il capolinea. Da lì linea di ritorno verso via Basile lungo l’attuale corsia preferenziale di corso Tukory.

    Mi sembra una soluzione semplice, non invasiva (tutte le strade in questione sono larghe a sufficienza per un solo binario) e fattibile.

  • luigi77 106
    03 mag 2010 alle 10:51

    Buona giornata a tutti.
    Mi sono appena registrato a questo sito (perdonatemi, ma non so trovare un altro nome), che considero ben ideato, realizzato ed aggiornato, con articoli scelti davvero “ad hoc”.
    A proposito dell’incontro organizzato il 22 aprile al “Mondadori Multicenter”, ero presente e devo sinceramente dire che sono rimasto molto ben impressionato dall’ottima organizzazione, dai relatori intervenuti (tutti ingegneri impegnati sul campo della realizzazione di opere pubbliche a Palermo) e dalle loro relazioni.
    Spero davvero che vi siano altri incontri di questo genere.
    Complimenti a “Mobilita Palermo” per tutto quello che sta facendo e farà in futuro per la mobilità nella nostra bellissima città.


Lascia un Commento

Ultimi commenti