26 mar 2010

Di Peri, le dimissioni sono un atto dovuto


Dagli interventi dei cittadini in merito al tema dei parcheggiatori abusivi e lavavetri alla trasmissione radiofonica Ditelo a RGS, traspare solo la sofferenza di una città abbandonata a se stessa e priva di tutela da parte delle forze dell’ordine, che si manifestano in molti casi complici dell’illegalità.

La città è assediata da mafiosi che chiedono il pizzo alla luce del giorno, davanti agli occhi della municipale, carabinieri e polizia di stato, che non fanno nulla. Ogni tanto c’è qualche sporadico raid punitivo ai danni per lo più di extracomunitari (innocui rispetto ai pericolosi indigeni), che lascia più che altro la sensazione che si voglia dare l’impressione di risolvere il problema, senza avere la reale volontà di farlo.

E intanto questa gentaglia non solo ci toglie il diritto di parcheggiare liberamente, ma estorce denaro con minacce, intimidazioni e a volta anche tramite l’uso della violenza. Negli ultimi mesi sempre più spesso si sente di automobilisti aggrediti, tra questi ricordiamo un signore a cui è stato spaccato il naso per essersi rifiutato di pagare un pizzo mensile al parcheggiatore, un poliziotto che ha rischiato di essere accoltellato, un camionista preso a colpi di catene. Molti di loro sono pregiudicati, e agiscono liberamente senza alcun ostacolo; i nostri vigili urbani però si fanno immortalare mentre chiacchierano con loro. Una manifestazione vergognosa ed emblema del degrado morale delle nostre istituzioni. Di sera a Palermo la situazione peggiora, infatti i parcheggiatori arrivano a chiedere anche 4-5 euro a testa davanti ai locali, credo tra l’altro un caos di automobili parcheggiate sui marciapiedi, in doppia fila e quant’altro. Il cittadino è solo, solo in questa battaglia. Alle nostre accuse circa la dichiarazione gravissima del comandante della municipale secondo la quale sono stati raggiunti dei “compromessi”, Di Peri risponde con le stesse dichiarazioni! E senza alcuna vergogna! Per fortuna la linea cade, a risparmiare ulteriori imbarazzi al comandante. Di Peri non affronta la questione parcheggiatori, si limita a parlare degli automobilisti che commettono infrazioni davanti lo stadio, giustificandosi col fatto che non ci sono parcheggi! Secondo questa brillante logica, allora se non c’è lavoro me ne vado a rubare, se non c’è un cassonetto mi metto a buttare l’immondizia dalla finestra, se non c’è un bagno pubblico la faccio in strada davanti a tutti. Proponiamo a tutti di stampare l’intervista a Di Peri e presentarla ai vigili urbani qualora ci fosse un posto di blocco, dite che il comandante vi ha assicurato che ci sono dei compromessi, quindi tutto a posto! Complimenti davvero. Riteniamo un atto doveroso le DIMISSIONI del comandante, per salvare la faccia del suo corpo, perché non dimentichiamo che ci sono anche dei vigili urbani che fanno il loro lavoro, e che lo fanno BENE. In una città civile, una città europea, è inconcepibile che nel 2010 vengano fatte dichiarazioni aberranti di questo genere. Chiediamo inoltre che la nomina del comandante non venga più fatta politicamente, ma che si torni ai concorsi pubblici, perché evidentemente così non funziona. Altrettanto deludente la risposta della controparte politica, il vice sindaco Francesco Scoma ha infatti proposto di inasprire le multe per i parcheggiatori; provvedimento del tutto inutile visto che parliamo di nullatenenti che già non pagano le multe “ridotte” che vengono loro fatte, QUANDO vengono fatte. Insomma, siamo sempre alle solite, un esercito di Ponzi Pilato che se ne lava tranquillamente le mani scaricando le colpe sulla mancanza di risorse, l’impossibilità materiale di gestire la cosa o l’inciviltà dei cittadini, deviando con scarsa abilità il centro della questione. Si dica chiaramente che NON SI VUOLE AFFRONTARE IL PROBLEMA! Quanto meno ci risparmiamo le prese in giro. La domanda che sorge spontanea è: ma allora che ci state a fare? Noi in ogni caso non molliamo, la Palermo onesta e civile si ribella a questo schifo, testimonianza ne è il gruppo facebook intitolato “Movimento contro i parcheggiatori abusivi”, nato da appena tre giorni e che già conta più di 4 mila iscritti. Bisogna dare una lezione all’incompetenza e negligenza delle istituzioni palermitane, e dimostrare che la città sa reagire alle loro mancanze. Ricordiamo inoltre al comandante Di Peri, che per l’esercizio illecito, nel caso dei parcheggiatori abusivi, la legge prevede il sequestro dell’incasso e un multa salata, ma che se si viene minacciati verbalmente o molestati fisicamente, sussiste l’aggravante di estorsione. Aggiornamenti a breve…


comandantedi periestorsionelavavetrimobilita palermoparcheggiatori abusiviparcheggio abusivopizzopolizia municiapaleSegnalatiserafino di perivigili urbani

47 commenti per “Di Peri, le dimissioni sono un atto dovuto

Comment navigation

  • antony977 165912
    28 mar 2010 alle 12:53

    @massimo, ho corretto il tuo commento.
    Esprimere una critica si, ma sempre nel rispetto della persona

  • massimo 103
    28 mar 2010 alle 19:20

    @antony977
    ….non credevo che consigliare il mestiere di agricoltore fosse un’offesa….

  • antony977 165912
    28 mar 2010 alle 23:26

    @massimo, è pur sempre un forum moderato.
    Comprendo la tua rabbia, però dobbiamo continuare a mostrare la critica costruttiva come abbiamo fatto fin’ora.
    Approfondiremo certamente la questione di cui al topic, anche perchè “alcune persone” ci hanno scritto cose interessanti ;)

  • massimo 103
    29 mar 2010 alle 8:13

    @antony977
    concordo con te. Purtroppo sono stufo di vedere che una città importante come Palermo abbandonata, volutamente, da un’amministrazione che pensa solamente ai cavolacci suoi (e quì evito di esprimere il mio pensiero) forse perchè ha paura che arrivi lo sviluppo. Se arrivasse lo sviluppo la gente non andrebbe più dal politico a chiedere il posto di lavoro e questa cosa non piace.

  • salvohitech 1
    29 apr 2010 alle 22:31

    sera…. ankio come voi sono sconcertato a palermo le cose peggiorano soltanto di giorno in giorno fra il mangia mangia i posti di lavoro promessi in cambio di voti gli appalti manipolati il signor…berlusconi ke pensa alla tasca sua come il resto dei politici kissa dove andremo a finire sono un palermitano di 26 anni e sono schifiato della propria citta palermo e bella x ki nn ci vive x ki viene da fuori e vede le cose al di fuori,i posteggiatori andrebbero puniti ma x bene xo.cambiano la segnaletica e scassano via serra di falco comunicante con la svolta di piazza principe di camporeale e ne avrei da dire a mai finire rotonda del motel agp un casino miliardi spesi x cosa ke e sempre un casino quando un sopra passaggio x i pedoni avrebbe risolto secondo me.ahh dimenticavo votate berlusconi ke si ingrassa di piu i kiapponi.ho provato a sentirlo parlare piu volte ma nelle sue parole fatti concreti dove sono.parliamo della minicipale li dovrebbero arrestare quasi tutti i primi a trasgredire la legge sono loro danno permessi e concessi quando fanno i controlli ke puzzano.ad esempio il bar recupero in questione in zona via malaspina lo hanno fatto ristruturare e dopo un po di tempo ci sono ritornati ???? ho comprato il gelato ho trovato dentro unghia tagliuzzate mi racconta un dipendente ke i scarafagi escono dalle prese.ganci e figli gli lavavno le teglie dove si posano i pezzi con animaletti appicicati questo risalente a un po di tempo fa. adesso devo andare


Lascia un Commento