18 mar 2010

Pedonalizzazione: via Roma chiusa per 2 weekend


Dal Gds-onlineVia Roma a Palermo sarà chiusa al traffico sabato e domenica prossimi e il week end successivo. La decisione è stata presentata stamattina in conferenza stampa alla Gam, Galleria d’Arte Moderna, dagli assessori comunali Francesco Scoma, vicesindaco con la delega al traffico, Maurizio Carta, al Centro Storico, Felice Bruscia, alle Attività Produttive, e Giampiero Cannella, alla Cultura. L’iniziativa ha il supporto della Confindustria Palermo, “schierata a favore di una città a misura di pedone, – afferma una nota – l’associazione degli industriali sostiene la necessità di misure antismog e appoggia ogni ipotesi di chiusura alla circolazione delle auto”. L’esperimento pilota parte in coincidenza della Festa di Primavera, un evento organizzato dall’associazione ViaRoma, un organismo che chiede la rivitalizzazione della strada proprio attraverso la sua chiusura alle auto. E il programma di questo fine settimana prevede il divieto di circolazione di un tratto di via Roma dalla stazione centrale fino a via Cavour il sabato dalle 15.00 alle 21.00 e la domenica dalle 8.30 alle 21.00. In questo week end sarà necessario riaprire alle auto le altre strade. Sabato pomeriggio dunque niente isola pedonale in via Ruggero Settimo e in via Maqueda, E domenica niente isola pedonale da piazza Croci alla via Maqueda. Anche se sono allo studio delle soluzioni per mantenere entrambi gli assi pedonali nei successivi week-end

Si tratta sicuramente di un  un esperimento simile a quanto attuato su via Maqueda, e volto a dimostrare i vantaggi della pedonalizzazione. Ed anche qui voluto dagli stessi commercianti.  MA…a patto che non si trascuri (o si dimentichi) quanto fatto su via Maqueda, dove adesso attendiamo interventi infratrutturali che possano sposarsi pienamente con le direttive che darà il PUT, e la riapertura del tavolo tecnico sul Centro Storico per poter affrontare a a pieno le tematiche di mobilità in Centro.


associazione via romaassociazione viaromacentro torico palermopedonalizzazione centro storico palermovia maquedavia roma

Articolo precedente

9 commenti per “Pedonalizzazione: via Roma chiusa per 2 weekend
  • fatamorgana 255
    18 mar 2010 alle 16:22

    via Roma pedonalizzata e salta la pedonalizzazione dei fine settimana in via R.Settimo-Maqueda?
    Non dovevano sommarsi ?
    Che è quindi… compensazione ?

  • MAQVEDA 17489
    18 mar 2010 alle 19:36

    Vabè ma c’è scritto che l’intenzione è quella in un secondo momento di chiudere entrambe, forse prima si vuole appurare l’impatto della chiusura della via Roma sul traffico cittadino.

  • ing.giacomo 4
    19 mar 2010 alle 10:01

    Questa volta non sono molto daccordo, via Roma è un arteria indispensabile per la mobilità, chiuderla senza dare alternative,paralizzerà il foro italico, poi in coincidenza con la partita Palermo-Inter alle 20,30 al Barbera, è ipotizzabile uno spostamento, durante la chiusura, di mezzi verso lo stadio, cioè nel senso di marcia di via Roma, che saranno costretti a confluire sul foro, unica arteria disponibile…

  • emmegi 717
    19 mar 2010 alle 11:59

    @ing.giacomo
    Il sabato – e solo il sabato – la corsia preferenziale che dalla Stazione C.le porta a piazza Don Sturzo – e solo quella – sarà utilizzata dai mezzi pubblici.

  • Jolas Rem 11
    19 mar 2010 alle 15:33

    ero sicuro che dopo l’apertura della nuova Rinascente si sarebbe tentata una operazione del genere… Mah, speriamo che prima o poi si prenda il coraggio a due mani e si chiuda tutto il centro storico, di sopra, di sotto etc. Intanto, come più volte detto in questo blog, la maggior parte del traffico palermitano è creato dal mancato rispetto di regole, segnaletica, divieti, precedenze (provate a fare capire a chi vi sta accanto come funziona una rotonda…), dal parcheggio selvaggio e così via per gli automobilisti e dal mancato rispetto o dal non-uso di semafori, strisce pedonali e piste ciclabili quando non da mancata educazione per i pedoni e i (pochi) ciclisti. Io, accanto a queste valide iniziative, accanto al potenziamento della rete pubblica e dei parcheggi e via discorrendo, metterei prima di tutto e a prescindere da tutto una violentissima repressione delle trasgressioni, dalla cartaccia per terra all’intralcio alla circolazione. Secondo me, anche in queste condizioni non certo ottimali, basterebbe questo a dimezzare l’inquinamento. Sarò un visionario fuori dalla realtà ma continuo a non capire perchè non si può semplicemente rispettare le regole.

  • Ciccio 174
    19 mar 2010 alle 16:34

    So che come sempre, qualcuno penserà ad una follia… ma sono tra quelli che pensa che questa non sia che l’ultimo stadio dell’intelligenza…

    C’è crisi? Bene.
    Allora basta buttare soldi per auto, benzina, bolli, assicurazione etc.
    Chiudiamo il centro storico e andiamo a piedi.

    Troppi precari da stabilizzare? Bene.
    Allora invece di infilarli in uffici a grattarsi i co…., facciamogli prendere una bella patente e facciamogli portare gli autobus.
    Quelli dell’Amat? No.
    Un nuovo servizio, integrativo all’esistente.
    Autobus magari più scarni, magari con pochissimi posti a sedere, ma totalmente gratuiti, che facciano da navetta continua tra i parcheggi esterni ed il centro pedonale.
    Lo so, la cosa è talmente elementare che non ha senso applicarla…

    Un ultima cosa…

    CORSIA PREFERENZIALE AUTOBUS IN VIA ORETO DIREZIONE CENTRO!!!

  • emmegi 717
    19 mar 2010 alle 16:50

    Ciccio ha scritto:
    “Autobus magari più scarni, magari con pochissimi posti a sedere, ma totalmente gratuiti, che facciano da navetta continua tra i parcheggi esterni ed il centro pedonale”.

    Lasciando perdere che non è che chiunque si riunisca possa “aprire” un nuovo servizio di trasporto pubblico, chi pagherebbe l’ acquisto dei nuovi bus, gli stipendi del personale, l’ affitto delle rimesse, bolli e assicurazioni, carburanti e ricambi ?

  • Ciccio 174
    19 mar 2010 alle 17:42

    Ovviamente il Comune di Palermo, che nella sua magnificente benevolenza, regala soldi e impieghi a tutti, ma mai che se ne abbia una diretta utilità sociale… tranna che sulla carta!

  • emmegi 717
    19 mar 2010 alle 18:45

    Un vecchio adagio veneto recita:
    “Cumuni ri Paliemmu ?? E’ muru cu’ muru cu’ spitali” :) :)

    E non pensi che se il Comune avesse le possibilità acquisterebbe già adesso qualche centinaio di bus fiammanti e farebbe funzionare il trasporto pubblico dell’ AMAT come si deve ?
    …Invece i depositi sono pieni di ruderi


Lascia un Commento