03 mar 2010

Parcheggio Basile: Mobilita Palermo interviene a Ditelo a Rgs


Questa mattina alle ore 8:00  in diretta radio presso la trasmissione Ditelo a RGS  102,7 FM,  MobilitaPalermo interverrà  in merito il (futuro) parcheggio d’interscambio di via E. Basile.

Ospite della trasmissione sarà anche l’Ass. Scoma.

Edit: non ci riteniamo soddisfatti delle risposte dell’Ass. Scoma, il quale affermava che per l’apertura del parcheggio, si attende solo la realizzazione di una corsia preferenziale in via Lincoln. Ma sappiamo bene che sono necessari interventi strutturali per adeguare gli ingressi del parcheggio al transito di bus e pullman.

Infine qualche radioascoltatore imputava ai cordoli la difficoltà nel trovare parcheggio per i residenti, quando sappiamo benissimo che gli stessi cordoli non hanno sottratto posti auto.O per qualcuno era lecito posteggiare sopra lo spartitraffico centrale?


amatautobus amatautobus palermobus palermoditelo a rgsfrancesco scomaparcheggio basileparcheggio basile palermovia ernesto basile

28 commenti per “Parcheggio Basile: Mobilita Palermo interviene a Ditelo a Rgs

Comment navigation

  • gkm 94
    03 mar 2010 alle 21:28

    OT
    @Monte Pellegrino:

    Alle volte, se sai delle cose che portano vantaggi a medio-lungo termine, bisogna spiegarli agli altri. Se gli spieghi i vantaggi di andare a piedi e rinunciare all’80% del tempo-auto, magari la “tua” democratica maggioranza cambia un poco di opinione, chissà.
    Ma se fai tutto al buio e neghi agli altri di conoscere cose che possono migliorargli la vita, quelle persone faranno e vorranno fare ovviamente le cose più comode. I nostri politici con tanti complici e colpevoli fanno tutto al buio e poi ci si lamenta che si reputi “democratico” parcheggiare sui marciapiedi.

    Qua si fa opera di informazione mi pare, e questo è infatti davvero un bel sito pro-Palermo. Comunque ci sarà sempre qualche “retro-illuminato” che pensa che sosta selvaggia e distese di auto siano giusti e rappresentino progresso. Secondo me è una sciocchezza.

    Secondo poi: democrazia vuol dire governo del popolo, non della maggioranza, almeno etimologicamente. E anche se governa la maggioranza, la minoranza non mi sembra che sia obbligata a stare muta, anzi, se pensa che qualcosa sia in un altro modo è moralmente tenuta a proporre la propria tesi e le proprie considerazioni.

  • Metropolitano 3316
    04 mar 2010 alle 0:00

    @ montepellegrino. Il popolo di Palermo è un’isola a se stante rispetto alle altre città Italiane come Catania, Napoli, Milano, ecc. Lascia da parte la democrazia come la chiami tu, che non va certo d’accordo con l’educazione civica qui a Palermo, pur essendo due cose diverse. Perchè mi pare che quì tu stia facendo una confusione un po bislacca.
    Non ti accorgi che c’è qualcosa di sinistro nel fatto che ti lasciano parcheggiare sulle corsie preferenziali ? Si, vero, loro anche i vigili lasciano andare le cose, ma tu perchè te ne devi approfittare? Voglio vedere te quando prendi un autobus e arrivi in ritardo alla fermata sotto casa tua. Oppure mentre stai passeggiando a piedi e ti trovi una macchina sul marciapiede e sei costretto a fare qualche passo indietro e girare intorno(adesso vanno di moda anche parcheggiare sulle piste cilclabili) e passare sulla strada, col rischio di essere investito dai motociclisti. questo spiega perchè molto spesso i pedoni camminano sulla sede stradale.
    Che in proposito, quando devi fare un passo indietro fallo per la comunità e non solo per te stesso. Quando vedi un posto libero sul marciapiede o sulla corsia preferenziale, consideralo un po come una zona rovente. Per non “scottarmi” io non parcheggio mai sui divieti di sosta, sulle corsie preferenziali, in doppia o tripla fila, sui marciapiedi/piste ciclabili, ecc. Perchè inoltre così non mi sento tranquillo. Beato te che senti di esserlo, ma non ti accorgi che stai penalizzando qualcuno o tanti con il tuo comportamento ?? Se parcheggi in doppia fila ostacoli la circolazione, cioè crei una sorta di imbuto su una strada di medie dimensioni. Riflettici.

    Un’altra cosa: se parcheggi sulla pista ciclabile non lamentarti se trovi il fanalino danneggiato o rotto. Potrei anche essere stato io, ed il bello è che io non ho neppure torto, tanto c’era un ostacolo in mezzo ed ho dovuto attutire l’impatto con un piede per non sbattere sulla tua bella automobile fiammante. Questa non è una storia vera, ma può verificarsi se non con te con qualcun altro e ne sto parlando perchè una volta mi è capitato che una macchina stava posteggiando sulla pista ciclabile mentre passavo io e per non andarci a sbattere ho usato quell’accorgimento per ammortizzare l’urto altrimenti violento. Un po come una frana che si verifica proprio mentre vi si passa su una strada di montagna.

  • monte_Pellegrino 597
    04 mar 2010 alle 6:43

    Allora non ci siamo con le regole democratiche. Queste regole le fa il popolo e anche la minoranza deve poi adeguarsi, pur esplicitando gli argomenti contrari e sperando poi di portare la maggioranza dalla propria parte e su questo sono d’accordo con gkm. Ma alla fine la minoranza deve sottomettersi a tali regole. Per il resto non capisco perchè la mettete sul personale, pensando che io, posteggi in doppia fila, io posteggi sulle piste ciclabili, o le corsie degli autobus. Nulla di tutto questo, in quanto io sono molto rispettoso delle regole! Invece voglio fare capire ai pochi, per fortuna, che hanno risposto in maniera offensiva, ma temo che sia fatica persa, che il popolo fa le leggi. Ad esempio se il popolo decidesse, per assurdo, che da un bel giorno si passa con il semaforo rosso e si sta fermi con il verde, ebbene tutti si dovrebbero adeguare. Era un esempio assurdo per fare capire che mettere o meno le corsie con i cordoli e una decisione del popolo e i politici, che hanno buone antenne, questo lo sanno benissimo!

  • gatsu 129
    04 mar 2010 alle 7:43

    @Monte Pellegrino
    Fino a prova contraria, le leggi che sono in vigore sono state promulgate da rappresentanti dei cittadini democraticamente eletti dalla popolazione.
    Quindi, se ti appelli alla democrazia, allora devi anche accettare quelle quelle leggi sono espressione di una maggioranza di persone, come tu stesso dici.

    Addirittura dici che sei il primo a rispettare le regole: beh, non e’ un controsenso allora giustificare il parcheggio selvaggio con una norma democratica???

    Se poi i Palermitani a differenza di tutti gli altri Italiani non vogliono rispettare le leggi di uno stato DEMOCRATICO, perche’ pensano che le regole qui vadano fatte ad-hoc, allora te lo ripeto ancora una volta, non si parla di DEMOCRAZIA, bensi’ di ANARCHIA.
    Ed era quello che il povero Dalla Chiesa predicava, tanto da essere ucciso alla fine…

    Io lo ribadisco. Si tratta di incivilta’ bella e buona.
    In ogni caso, nessuno ti ha offeso personalmente e deliberatamente.
    La gente ha argomentato civilmente e costruttivamente, secondo lo spirito di questa comunita’, alle cose che hai scritto.

  • gkm 94
    04 mar 2010 alle 8:42

    Sempre OT
    @Monte Pellegrino
    Secondo me il tuo ragionamento è un’estremizzazione del concetto di democrazia, come se fosse un diritto assoluto ed inviolabile. Non è così, in nessun paese del mondo: intanto non è un concetto instantaneo, dato che questa fantastica democrazia si attua con un segno di penna ogni 5 anni.

    D’altronde se la maggioranza all’improvviso volesse che si lapidasse un pedofilo pubblicamente, secondo te, lo si farebbe?
    Altri esempi per farti capire che la democrazia è un’idea (che approvo) ma non un sistema assoluto: la maggioranza può decidere di non pagare le tasse? no, per costituzione in tutto il mondo. la maggioranza potrebbe decidere di dare tutto il potere ad un dittatore (ovvero di passare da democrazia a dittatura)… non sarebbe un assurdo?

    Tornando a Palermo: non è una città-stato, i palermitani possono volere la luna, ma le leggi statali ci sono quindi la tua “accettazione” (anche se non approvazione) dei difetti palermitani è solo di forma, un democrazia uber alles!
    Quindi mi trovi in disaccordo su questo punto, ci sono regole che devono essere rispettate, lo sanno anche i nostri pessimi politici (pensi che qualcuno mai si possa candidare con slogan “parcheggio libero sul marciapiede” ecc?).

    Spero che sarai d’accordo con me col fatto che i principali problemi siano buona pianificazione, consultazione ed informazione per i cittadini (ma proprio tanta), rapida attuazione e controllo (quando mai).

  • freddie80 1052
    04 mar 2010 alle 9:46

    Ragazzi perchè perdere tempo a rispondere a monte pellegrino, è palese he viene qui solo per provocare. Condivido otto mohr che dice di ignorarlo. E’ come un tifoso del Catania che viene ad iscriversi sul blog del Palermo ;-) Ci sono tanti blog sulla rete, scegli quello dove ci sono quelli che la pensano come te e potrai condividere con loro le tue impressioni senza essere additato. C’è il blog dei nemici dei cordoli, quello degli amici della sosta selvaggia, quello dei simpatizzanti degli idrocarburi…scegli tu!

  • antony977 166062
    04 mar 2010 alle 9:58

    @Monte_Pellegrino, alle volte non comprendo se i tuoi siano discorsi seri o farneticazioni.Forse hai un concetto tutto tuo di demcorazia.Ma penso che su questo concetto ti abbiano abbondantemente risposto gli altri.
    Ma se un giorno tutti decidessero di buttarsi dalla montagna, tu per adeguarti che faresti?Per coerenza dovresti seguire il popolo….sbaglio o è il tuo concetto?
    Ma a parte questa battuta, vuoi far passare tutto quanto di non normale c’è a Palermo, come una lecita eccezione rispetto alle più basiliari regole di democrazia, e vivere civile.
    Mi auguro che il tuo commento sulle auto nei marciapiedi, non lo avrai esposto all’esaminatore per il rilascio della patente di guida :D


Lascia un Commento