30 gen 2010

Blitz contro posteggiatori abusivi, ma…


Da SiciliaInformazioni:

Blitz contro i parcheggiatori abusivi nel centro di Palermo. I carabinieri del comando provinciale sono stati impegnati in un operazione che, nell’arco di tutta la giornata di ieri, ha portato all’identificazione di 15 abusivi. L’azione si è concentrata tra le via Catania, Agrigento e XX Settembre, per poi proseguire a tarda serata nelle zone di piazza Castelnuovo, piazza Verdi e piazza Sant’Oliva. Ai parcheggiatori abusivi identificati, di cui 10 extracomunitari, è stata elevata la sanzione amministrativa di 709 euro prevista dal codice della Strada per chi svolge illegalmente quest’attività. Dei dieci parcheggiatori di origine africana, nove sono stati denunciati per il reato di immigrazione clandestina, mentre uno, Issah Abukhiri, ghanese di 26 anni, è stato tratto in arresto per non aver ottemperato ad un precedente ordine di espulsione.

Senza dubbio un’ottima notizia, ma non dimentichiamo che oltre gli extracomunitari ci sono anche i “palermitani”  (di qualsiasi età)  che esercitano questa attività illecita. Abili nel trovare spazio e tempo per estorcere denaro alla gente.Non basta un’azione sporadica, ma andrebbero ripetute con cadenza settimanale. Non sarebbe male l’istituzione di un tavolo tecnico permanente fra le forze di Polizia e Prefettura affinchè si affronti seriamente il problema, oppure ancora istituire delle ronde della legalità. Istituire magari unìapposita ordinanza comunale affinchè non sia necessario attendere l’eroe di turno che esponga denuncia, ma venga arrestato chi colto in flagranza di reato.


parcheggiatoriparcheggiatori abusiviparcheggiatori abusivi palermopiazza borsapiazzale ungheria palermoposteggiatori abusiviposteggiatori abusivi palermo

21 commenti per “Blitz contro posteggiatori abusivi, ma…

Comment navigation

  • Roberto1 521
    01 feb 2010 alle 9:11

    @4canti e grillo79: gli africani parcheggiatori di via Libertà bloccano le macchinette automatiche per il parcheggio per evitare che la gente le usi. Questi “bravi ragazzi” sono parassiti così come i malacarne palermitani.


Lascia un Commento