11 gen 2010

Pedonalizzazione Centro Storico: tiriamo le somme


Tutto è cominciato il 17 Novembre 2009 dal tavolo tecnico presso l’assessorato Centro Storico in cui per la prima volta  le istituzioni si confrontavano con svariate associazioni cittadine e portatori d’interesse su temi quali Mobilità e Centro Storico. Temi da sempre affrontati da Mobilita Palermo quali la pedonalizzazione delle aree nel centro storico, mobilità, trasporti pubblici e riqualificazione di molte aree.

Si è messo a risalto la volontà di riappropriarci degli spazi pubblici, di ridare nuova linfa in Centro, cercando di ridare vitalità, e soprattutto la volontà di affrontare il tema pedonalizzazione. Ci siamo scontrati fra l’altro con l’immobilismo e il no pregiudiziale di qualche categoria di commercianti (che verrà in seguito più volte smentita sui fatti).

Da allora il 21 Novembre è scatttata la chiusura nei weekend dell’asse Ruggero Settimo-Maqueda-4 Canti. Malgrado le varie difficoltà organizzative iniziali, si è riusciti  intanto a diffondere fra la gente la voglia di riappropriarsi degli spazi pubblici come vocazione storica, e soprattutto mettendo a risalto la volontà quasi unanime dei tanti commercianti che oggi sono praticamente favorevoli all’asse pedonale. E’ una vittoria nostra, della cittadinanza attiva che sa essere costruttiva, propositiva e sa lavorare alla luce del sole. Che sa impegnarsi con continuità, senza alcun pregiudizio, e con passione. E’  una sconfitta sonora per chi voleva far credere l’esatto contrario, per chi voleva gettare scompiglio fra  i commercianti; oggi questi signori del NO  non rappresentano più le reali esigenze della categoria del settore commercio.

La pedonalizzazione nell’asse Politeama-4 Canti si appresta ad essere prolungata per altri 2-3 mesi circa. Ci si appresta a confrontarci nuovamente al tavolo tecnico, dove ribadiremo questa volontà chiedendo interventi strutturali, compatibilmente con il nuovo P.U.T. che si appresta ad essere varato.

Alcune considerazioni flash:

  • tutto quello fatto fin ora avrà meno senso se non si arriverà ad un provvedimento più strutturale, pianificato e permanente.
  • come tutti gli esordi, ci sono tante cose migliorabili
  • anche in queste cause che giovano alla città, c’è sempre qualcuno che invece cerca notorietà e visibilità, cavalcando il sacrificio, la buona volontà e la disponibilità di altre persone
  • forse siamo finalmente arrivati al momento in cui un pò tutti (dai commercianti ai residenti) si sono resi conto che occorre dare un colpo di coda alla crisi, allo smog e alla vita insalubre e caotica di tutti i giorni. Le recenti iniziative nate in via Roma sembrano confermare un effetto domino.

Staremo a vedere.

Un piccolo video girato dagli amici di Radio Ballarò lo potete trovare sul gruppo “MobilitaPalermo” presente su Facebook


4 cantiassessorato centro stcentro storico palermopedonalizzazione centro storico palermovia maquedavia ruggero settimo palermo

6 commenti per “Pedonalizzazione Centro Storico: tiriamo le somme
  • moralix 41
    11 gen 2010 alle 9:11

    La strada e lunga ma siamo sulla buona strada,la pedonalizzazione a Palermo era una utopia oggi mi sembra una cosa reale.

  • Argo 1214
    11 gen 2010 alle 10:24

    Sono queste le cose che ti rendono il cuore pieno di orgoglio! GRANDISSIMI RAGAZZI! :D

  • Portacarbone 70910
    11 gen 2010 alle 12:00

    la cosa nuova è che, non appena questo provvedimento ha avuto un seguito, sono arrivate avvisaglie anche da altre parti, tipo via Roma.

  • ARCHIMEDE 34
    11 gen 2010 alle 12:28

    Quasi sempre le giuste scelte politiche in principio risultano impopolari,
    è a lungo termine che esse ricevono l’approvazione della colletività,

    Spesso siamo stati amministrati da gente che, per esclusivo tornaconto personale, ha amministrato pensando esclusivamente ad assecondare i vizi degli elettori dimenticandosi dei cittadini

    La figura dell’elettore (colui che sceglie) non coincide con la figura del cittadino, basti pensare ai bambini ed agli anziani, i primi non possono scegliere, i secondi, quasi mai scelgono autonomamente,ma vengono indirizzati a farlo da altri, e come loro titti quelli che per pressioni di ogni generei vengono privati del diritto di poter scegliere-eleggere

    W i cittadini, e la cittadinanza attiva che rivendica il diritto di poter scegliere !!


Lascia un Commento