02 dic 2009

Zampacenter, il centro commerciale di Zamparini


Lo Zampacenter, come piace soprannominarlo a molti, il centro commerciale di Zamparini è finalmente in costruzione. Dopo un iter burocratico durato anni anche Zamparini può finalmente cominciare a costruire il proprio centro commerciale. Di questo centro commerciale si parla da anni, girano rendering, mappe, cifre e notizie, ma in realtà tutto restava sulla carta. Negli scorsi mesi sono arrivate le ultime autorizzazioni e in questi giorni è partito il cantiere. Ecco alcune foto:






auchan palermocentro commercialecentro commerciale palermocentro commerciale zamparinicurriculumemmezetafondo raffolavoro palermomandimandi palermoofferte di lavorovia lanza di scaleazampacenterzamparini

80 commenti per “Zampacenter, il centro commerciale di Zamparini

Comment navigation

  • huge 2149
    02 dic 2009 alle 19:42

    Ma che significa se vogliamo stare al passo con le altre grandi realtà europee??
    Cos’è, lo sviluppo di una città si misura dai centri commerciali?
    Io direi proprio di no. Sono ben altre le cose a cui Palermo dovrebbe guardare e di cui ha urgente bisogno. Dove sono i servizi? Dove sono i trasporti? Dove sono le aree verdi a disposizione della cittadinanza? Dov’è l’offerta culturale, musicale, teatrale in questa città? A che livello è lo smaltimento dei rifiuti? Dove sono i parcheggi? Quanti impianti sportivi abbiamo? Queste sono le cose che veramente rendono una città “europea”, non certo i centri commerciali. Si può essere europei e moderni benissimo senza alcun centro commerciale!
    Ormai la gente ha la mente totalmente condizionata dal consumismo. Per essere moderni bisogna avere McDonald’s, H&M, Decathlon, ecc… ecc…
    Che questi marchi ben vengano, ci mancherebbe altro. E che si costruiscano anche i centri commerciali. Ma non è questo che serve a Palermo per essere una città al passo con i tempi! Questo è solo un sovrappiù! Mentre sembra che per molti sia il fattore essenziale, il punto di partenza senza il quale resteremo delle nullità. Personalmente mi sembra lo stesso ragionamento di chi non può fare a meno di farsi vedere per strada con un paio di Hogan e simili perché altrimenti non è alla moda!
    Io esulto se inaugurano il passante, il tram, un museo importante, l’isola pedonale. Ma questo stato d’esaltazione mistica per un centro commerciale proprio non lo capisco…

  • sicano75 35
    02 dic 2009 alle 19:51

    Ma è già qualcosa nell’assoluto deserto sofferto da Palermo dalla notte dei tempi! La gente ha bisogno di novità, e i centri commerciali lo sono. Poi stai tranquillo che i palermitani non dimenticano certo le priorità assolute (e ben più serie) di cui avrebbe bisogno questa città.

    E poi, sinceramente l’offerta culturale, musicale e teatrale non è che sia poi così latitante…(certo, si potrebbe cmq fare di più). Mi incoraggia il fatto che su tram e passante si stia lavorando…riguardo ai parcheggi passi avanti ne sono stati fatti (e spero altri se ne facciano)….riguardo strutture sportive, smaltimento rifiuti e musei mi trovi assolutamente d’accordo (meno sull’isola pedonale..per Palermo basta e avanza che chiudano al traffico di domenica).

  • siculo70 4
    02 dic 2009 alle 19:58

    Dico questa e poi chiudo per non farmi nuocere ….

    @Sicano75 (almeno sul nick siamo più “compatibili”) … :-)

    Cosa è per te il bacino d’utenza?
    Se per te sono gli abitanti ti sbagli di grosso, Firenze con la metà di abitanti rappresenta un bacino più appetibile perchè le potenzialità si spesa sono enormemente più elevate, inutile prenderci in giro i soldi che girano qui sono pochi e non tutti spendeno e spandono (finanzierie a parte).

  • sicano75 35
    02 dic 2009 alle 20:09

    anche questo è vero siculo 70, ma se la metti su questo piano ti invito a visitare la zona di Partanna Mondello, la zona strasburgo, la zona Lazio, la zona croce rossa, la zona libertà, parte della zona Montepellegrino, e certe zone dislocate lungo viale regione (come ad esempio innumerevoli ville e villette a ridosso del quartiere uditore)…oltre, ripeto, a tutti quei palermitani che hanno colonizzato di ville e villone il lungomare di isola, capaci e carini. Bhè…ri picciulazzi e mpicciulati a Palermo sai quanti ce n’è…?!? Mica Palermo è solo Zen, Brancaccio e Sperone (eppure macari a zza cuncittedda e u zzu pinuzzu vitti o Forum;-))!?! E cmq, ti assicuro che il bacino d’utenza riguarda anche (se non principalmente) il numero di abitanti.

  • huge 2149
    02 dic 2009 alle 20:25

    @sicano75: purtroppo io sono convinto (ma probabilmente mi sbaglio e lo spero proprio) che per molti palermitani un centro commerciale sia di gran lunga più importante di passante, tram, e compagnia bella.
    Quelle sono cose che non li “riguardano”.

  • huge 2149
    02 dic 2009 alle 20:36

    @sicano75:
    reddito familiare netto medio 2006 (fonte ISTAT):
    Sicilia: 21190€
    Toscana: 30820€
    Credo proprio che a Firenze possano spendere di gran lunga di più che a Palermo. E non stiamo mica scoprendo l’acqua calda. Che Palermo sia una delle città più povere d’Italia è un dato di fatto, checché ne dicano le ville di cui parli tu, che corrispondono a una estrema minoranza della popolazione.

  • marco 212
    02 dic 2009 alle 20:48

    posso garantirti per lavoro! che cè tanto ma tanto “nero” e in alcuni casi siamo molto sopra i redditi delle altre regioni!

  • pikacciu 182
    02 dic 2009 alle 20:51

    Ma perche’ mescolate discorsi riguardanti investimenti privati con investimenti pubblici? I centri commerciali non tolgono un centesimo alla comunita’, sono soldi tutti di investitori privati e non spetta di certo a loro costruire metropolitane e tram. Ed e’ vero anche il contrario, il comune non ci mette un centesimo nella costruzione di un centro commerciale. Per chi poi e’ contro la globalizzazione ed odia il capitalismo non e’ obbligato ad andare al Mc Donald’s o al multisala a vedere un film americano, ma deve lasciare la liberta’ a chi lo vuole fare di farlo liberamente ed allegramente. Finchè ho la possibilita’ di mangiarmi un hamburgher e comprare un prodotto ad un prezzo conveniente non capisco perche’ devo essere additato come “Vittima” del consumismo! Poi se voglio farmi una passeggiata al centro o andarmene al Giardino Inglese ci vado pure con piacere ma non vivrei felice in una citta’ dove non ho la possibilita’ di scegliere cosa fare o cosa comprare. E nemmeno vorrei avere solo il negozio sotto casa dove per comprare qualunque cosa devo regalare denaro ad un commerciante che mi impone il suo prezzo perche’ non ho altre alternative per avere quello shampoo o quel dentifricio e devo pagarglielo 1 o 2 euro in piu’ di quanto lo compro all’auchan solo perche’ devo difendere il suo posto di lavoro. Ma finiamola con questi discorsi senza senso…..

  • marcozs 361
    02 dic 2009 alle 20:53

    @marco, le statistiche istat comprendono il lavoro nero (e anche quello nerissimo, i redditi della mafia).

  • patrik 21
    02 dic 2009 alle 21:17

    scusate ma qui l’unico che ha detto delle cose sensate(senza offesa per nessuno) è huge……..perchè lo sviluppo di una città definita di spessore europeo la si riconosce non dai centri commerciali ma da ben altro come ha precisato huge…..non prendiamoci in giro in questa città esistono delle enormi carenze strutturali in parecchi settori!!

  • patrik 21
    02 dic 2009 alle 21:24

    Perchè non andate in qualunque città europea per rendervi conto cosa vuol dire “città europea”…con infrastrutture adeguate,mezzi di trasporto efficenti,cultura del saper vivere nel rispetto del prossimo etc……e mi riferisco anche a piccole cittadine come Innsbruk o Salisburgo……e mi fermo qui che è meglio…………

  • huge 2149
    02 dic 2009 alle 21:30

    @pikacciu, non ho mai detto ciò che hai lasciato intendere col tuo post.
    Non ho mai detto che non si debbano aprire i centri commerciali o i McDonald’s, anzi, se hai letto bene il mio post, ho detto ben vengano!

    Volevo sottolineare che non sono queste le cose che mancano a Palermo per renderla una città europea. La modernità non si misura con i centri commerciali e le grandi marche presenti in città, cosa che invece molti sembrano mettere al primo posto nello stilare una classifica.

    Né ho neanche detto che i centri commerciali tolgono soldi al comune o che il comune dirotta lì investimenti che invece dovrebbero essere dedicati ad altro. Dove lo hai letto? Chi l’ha detto?

    Ripeto, se i privati vogliono investire qui, ben vengano. Mai pensato il contrario. Io parlo solo dell’atteggiamento delle persone, del fatto che gran parte dei palermitani pensa che un centro commerciale sia una priorità maggiore di passante, del tram o altre opere per la collettività. Non ho mai tirato in ballo il comune.

    @marco, è vero che c’è tanto lavoro nero (c’è ovunque, anche se in misura molto diversa da posto a posto), ma resta il fatto che purtroppo restiamo una delle realtà più povere d’Italia (certo, c’è chi sta peggio di noi, ma non mi sembra granché come consolazione).
    La gente lascia Palermo per andare a cercare lavoro altrove, abbiamo qualche migliaio tra LSU, Gesip, PiP, ecc… ec…, abbiamo molti quartieri popolari (ZEN, Borgo Nuovo, Borgo Vecchio, Cep, Bonagia, Brancaccio), il comune ha un elenco di oltre 10000 richieste per alloggio popolare. E potrei continuare…

  • pikacciu 182
    02 dic 2009 alle 21:31

    E se ci sono delle carenze strutturali la colpa e’ dei centri commerciali? Se ci sono delle carenze strutturali ci sono a prescindere dalla presenza dei centri commerciali. Ovviamente non e’ un centro come il Forum o altri centri che rendono una citta’ piu’ vivibile ma qui ho letto di persone che gia’ vedono i centri comerciali come un male per la citta’, mezzo di pirateria per pionieri che vengono dal Nord e che vengono a distruggere il mercato dei piccoli commercianti. Pero’ quando non abbiamo chi viene ad investire allora ci lamentiamo che la Sicilia e’ abbandonata a noi stessi, oppure non si investe qui perche’ la mafia non vuole, oppure che in questa citta’ non c’e’ niente di nulla e rimaniamo sbalorditi quando uscendo da Palermo ci ritroviamo colossi come IKEA o Etnapolis o Ipermercati e poi…”Ambeh, queste cose da noi non possono esistere, sai c’e’ la mafia, sai noi siamo troppo arretrati etc!!!!” Ma speriamo che si faccia questo e tanto altro e che migliorino i collegamenti, che si costruiscano i tram, che si costruiscano musei, che si faccia qualche cosa di nuovo ogni minuto. Noi abbiamo bisogno di questo e di 1000 altre cose. Sia di investimenti privati, che latitano da decenni; sia di moderne infrastrutture pubbliche e realta’ architettoniche che possano attrarre visitatori da tutto il mondo. Non pensate che i musei Guggheneim siano statali, anche lì si paga per entrare e’ businness anche quello. Ma magariiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii !!!!!

  • pikacciu 182
    02 dic 2009 alle 21:34

    @huge
    Non dicevo di certo a te, ma ho letto di commenti contro la globalizzazione a favore dei parchi, io sono per questo e quell’altro non per una sola cosa.

  • huge 2149
    02 dic 2009 alle 21:41

    @pikacciu, ma su questo siamo d’accordo.
    Il mio era un discorso generale, non riferito alla singola persona (e certamente a nessuno sul forum che non conoscendo, non posso giudicare), in cui parlavo di priorità per rendere moderna ed europea una città come Palermo. Per molti sembrano essere i centri commerciali, per me, anche se benvenuti, non lo sono affatto. C’è ben altro prima.

  • Franco 1
    02 dic 2009 alle 22:23

    Un saluto a Voi che avete realizzato e che gestito questo ottimo sito. Da Palermitano trapiantato suo malgrado al nord, una riflessione per chi è già abituato ad usufruire dei Centri Commerciali. Aldilà del fatto che per il consumatore finale dentro quale categoria tutti noi rientriamo, è solo un bene che più Centri Commercilai sorgono, più la competizione stessa alla “cattura” dei clienti sale, quello che più mi accende è il fatto che i VERI Centri Commerciali sono nati e/o stanno nascendo in una città dalle mille sfaccettature come la nostra sempre bellissima Palermo. Mi fa riflettere come mai solo ora e non 2, 5, 10 anni fa sono nati tali Centri. Mi rifaccio al commento di chi si è chiesto : ma con le abitudine tipiche del Palermitano , quanto durerà la pulizia, l’organizzazione, l’efficienza dei centri stessi se poi è il Palermitano a lavorarci e ad andarci a far spesa…?


Lascia un Commento