27 nov 2009

Aree pedonali Centro Storico: qualche domanda per il dott. Helg…


Torniamo in tema aree pedonali in Centro che ci vede coinvolti in prima linea; e la polemica fra il vicesindaco Scoma e il presidente di Confcommercio Helg che sta caratterizzando il dibattito.

Riportiamo il testo integrale dell’articolo di Repubblica del 25/11/2009

«È un provvedimento assurdo, che ha portato in strada quindicimila ragazzi che non fanno fare affari». Roberto Helg, presidente di Confcommercio, torna ad attaccare l’amministrazione comunale dopo lo stop alle auto in centro nei fine settimana.

Secca la replica dell’assessore Francesco Scoma: «Helg è un “gattopardo”. In strada c’erano 15 mila ragazzi? Noi facciamoi provvedimenti per il bene di tutti». Dopo il primo fine settimana di stop alle auto da piazza Croci ai Quattro Canti, l’assessore Scoma ha rilanciato annunciando la chiusura di tutto l’asse non solo la domenica ma anche il sabato, parlando poi di «un grande successo con 15 mila persone in strada». Confcommercio però critica la chiusura al traffico e ieri il suo presidente, Helg, non ha usato giri di parole: «Datemi le condizioni di Firenze e sarò d’accordo a chiudere anche a Palermo il centro alle auto – dice Helg – Abbiamo sempre detto con assoluta chiarezza, e lo avevo anche ribadito al vice sindaco Scoma, che siamo pronti a discutere su come fare, ma dobbiamo prendere atto che per realizzare una situazione ottimale in questa città sono necessari dieci anni: ci vogliono i parcheggi e c’è un problema di viabilità generale. Anche a me piace andare a piedi quando sono a Zurigo, ma a Palermo non ci sono i tram e gli autobus non sono puntuali. Qualcuno dice che in centro nel fine settimana sono arrivate quindicimila persone – sottolinea ancora Helg – ma erano quindicimila ragazzi, che non fanno fare affari. Avevamo concordato che l’esperimento si sarebbe dovuto fare a febbraio, dopo i saldi. Quella di Scoma è stata solo una provocazione». L’assessore però ribatte punto per punto: «Non faccio marcia indietro – assicura – Nel weekend appena trascorso in migliaia hanno potuto passeggiare e in tanti avranno anche fatto shopping. Helg sostiene che erano 15 mila ma tutti giovani che non fanno fare affari? L’amministrazione ha varato un provvedimento che vale per tutti, siano essi donne, bambini, uomini, anziani e disabili. A me pare che la nostra scelta sia condivisa. Possiamo migliorare, ad esempio intensificando le corse degli autobus e aumentando la presenza dei vigili. Helg dice che ci vogliono dieci anni e che la mia è solo provocazione? Non sono mai stato un provocatore. Helg invece è un “gattopardo”». a. fras.

 

Premesso che non sappiamo se lo scorso weekend il dott. Helg era effettivamente presente lungo l’asse pedonale, ma le domande sorgono immediatamente spontanee:

E’  davvero sicuro che in strada ci fossero solamente 15mila ragazzi? Chi ha vissuto quest’esperienza e chi ha visto le foto qui dentro, potrà benissimo smentirla: ragazzi, ma molta gente comune, giovani coppie, anziane signore che riempivano i negozi, vetrine affollate di curiosi, e soprattutto una sana passeggiata senza più clacson nè il pericolo di farsi investire visti i marciapiedi stretti. E per la più elementare logica commerciale, rappresentano “potenziali clienti”. Volete costringerci pure a cambiare le normali abitudini d’acquisto della gente, costringendoli a comprare?

Come fa a paragonare Via Ruggero Settimo-Maqueda con Viale Strasburgo? Persino il più novello architetto ed urbanista si guarderebbe bene dal farlo. Se non altro per la diversa ampiezza delle strade principali e laterali che lasciano ampio sbocco. E poi viale Strasburgo ha nelle vicinanze lo svincolo Belgio. Ma il caos non manca nemmeno lì….

Cosa erano prima via Ruggero Settimo e via Maqueda durante i weekend?  Da parte nostra, possiamo semplicemente affermare che regnava tantissimo caos, fra i marciapiedi saturi di gente e costretta a scendere ripetutamente in strada fra le auto, aria quasi irrespirabile, forti rumori, bus enormemente in ritardo causa incolonnamenti e invasione delle corsie preferenziali.

Parla  di zone pedonali completamente irragiungibili.Ma allora la marea umana da dove viene?  Si, probabilmente erano i famosi residenti “segregati” in casa che hanno deciso di scendere in piazza a protestare :D

 

Risponderà? Noi siamo qui.

Vogliamo intanto segnalare che vengono riportate notizie infondate quali negozi con netti cali nelle vendite. Ci risulta che le vendite sono in linea con il periodo e comunque dettate sempre dal periodo di crisi.E’ anche vero che lo shopping natalizio deve ancora arrivare. Si parla di residenti segregati in casa, ma nessuno è stato interpellato.

Infine ieri mattina, la Confcommercio ha inviato alcuni addetti per un nuovo sondaggio fra i commercianti del Centro. Ma già osiamo  pensare alle modalità di questo sondaggio e lo scopo finale di esso. Alcuni addetti per questo sondaggio, non sono stati fatti entrare nemmeno in alcuni negozi ed alcuni interpellati si sono rifiutati di rispondere. Ciò conferma ulteriormente una evidente spaccatura nel fronte commercianti, e che qualcuno vuole negare e nascondere.

Infine siamo perplessi alla possibilità di realizzare una fiera di Natale a Piazza Politeama. Non c’è bisogno di creare altre attrattive in quella zona, se non altro spostare tali iniziative in aree preposte (Fiera del Mediterraneo, e non parcheggi). Rimanete comunque sintonizzati per le novità in arrivo sulle aree pedonali.


amatAree pedonaliaree urbane palermoautobus palermoconfcommercio palermofrancesco scomapedonalizzazione centro storico palermoroberto helgvia magliocco palermovia maqueda palermovia principe di belmonte

31 commenti per “Aree pedonali Centro Storico: qualche domanda per il dott. Helg…

Comment navigation

  • emmegi 713
    28 nov 2009 alle 14:38

    @freddie 80
    Immagino hai ripreso la notizia dalla stampa (p. e. http://palermo.repubblica.it/dettaglio/smog-targhe-alterne-in-tutta-la-citta-decisione-presa-dopo-gli-ultimi-sforamenti/1791183).
    Come si legge l’ Ordinanza è ancora da emettere.

    P.S. Sono convinto che dopo il vento e la pioggia delle ultime ore i valori siano rientrati. I valori sono monitorabili su http://151.1.183.204/archimedia/amia/fe_nuovo.php3?art=39&tabella=h_bacheca&livello3=36&sezione=259&livello4=39

  • Metropolitano 3205
    28 nov 2009 alle 16:42

    ovviamente però i due assi principali di scorrimento via Crispi (SS113) e Viale Regione (E90) non risentiranno di questa legge.

  • Otto Mohr 47
    28 nov 2009 alle 20:01

    Sono appena tornato dall’isola pedonale che sulla carta è stata istituita da piazza Croci ai Quattro Canti.
    Esatto, SULLA CARTA, perchè nella pratica l’isola pedonale era soltanto in via Ruggero Settimo…in quest’ultima via in particolare l’esperimento è riuscito molto bene anche grazie ad acuni artisti da strada.

    Da piazza Croci a piazza Politeama le auto circolavano tranquillamente, mentre dal teatro Massimo in poi, pur essendoci le transenne, le auto e i motori si intrufolavano dalle traversine percorrendola senza alcun problema……..proprio qui addirittura ho avuto un incontro spiacevole con un cretino di picciutazzo alla guiuda di un macchinone che ha seriamente rischiato di investirmi mentre camminavo al centro della strada….la cosa più stupida è che si è addirittura fermato ACCUSANDOMI DI CAMMINARE IN MEZZO ALLA STRADA ( cmq è meglio che si lasci tale argomento perchè certa gente ignorante è proprio senza speranza…)

    Di vigili solo una pattuglia al Politeama….
    Morale della favola: E’ completamente inutile emettere ordinanze di qualsiasi tipo si voglia, se poi non si fanno rispettare….
    Palermo ha bisogno di Aria nuova…Comune vergognati, se almeno sapessi cos’è la vergogna.

  • emmegi 713
    28 nov 2009 alle 20:20

    @Otto Mohr
    Il sabato l’ isola pedonale va da via R. Settimo ai 4 Canti.
    Il pezzo Croci – E. Amari è saltato sul nascere.

  • IoGomesio 273
    28 nov 2009 alle 21:27

    Otto Mohr:
    ecco, la domanda che ho fatto qualche giorno fa sulla presenza di forze dell’ordine ha avuto risposta.

  • antony977 165912
    29 nov 2009 alle 0:28

    Oggi sembra essere andata meglio.Dopo l’iniziale ora dove era presente una sola pattuglia al Politeama, ecco che poi sono rispuntate altre 2 pattuglie e falchi sparsi.
    Un’altra nota positiva: VIA MAQUEDA molto più affollata rispetto al sabato precedente, ed un tappeto di bimbi che giocavano poco prima dei 4 Canti, impediva il transito a chiunque.I furbetti coi motori costretti a spegnerlo a camminare a motore spento, mentre di auto nessuna :D
    I commercianti di quel tratto si sono complimentati ma non bisogna lasciarli soli.Sono favorevoli ma hanno bisogno di aiuto: lampioni spenti, cestini pieni, nessuna aiuola presente!
    Di Helg nemmeno ne vogliono sentire parlare :D

  • inquilino Digiovanni 0
    29 nov 2009 alle 19:44

    io sono del ’76, e ricordo che da piccolo, la domenica andavo in bici tra via Maqueda e Via Libertà con la mia famiglia…e i negozi erano chiusi e la gente c’era lo stesso e le strade erano transennate per RISPETTO DEI PEDONI. poi pero questa tradizione domenicale cittadina si è persa!
    Andare a passeggio…o meglio camminare a piedi ha dei benefici da tanti punti di vista.
    un adolescente ha tutto il diritto di andare in città, in centro, a piedi come in tutte le grandi città del mondo chiuse al traffico automobilistico.
    temo che la grande massa degli automobilisti insieme al sig. Helg non abbia capito lo spirito del centro storico dedicato al cittadino pedone. a Palermo il pedone coperto da una coltre di smog tossico-irrespirabile oggi è considerato un essere che vale meno della cacca dei cani che calpestiamo sui marciapiedi!
    noi stessi cittadini dobbiamo cominciare a rivalutare il nostro centro storico andando a passeggio (pur non avendo un servizio di posteggi adeguato); basterebbe anche un miglior controllo degli organi preposti al controllo del traffico (e non stare fermi agli incroci grattandosela!) sanzionando così coloro che continuano imperterriti a chiedere “u cafè” per il posteggio abusivo e multando l’auto sul marciapiede (visto anche come beneficio economico per le casse vuote!).
    io non sono ancora sufficientemente contento dell’iniziativa che è stata presa a tutt’oggi.
    a mio avviso l’area da destinare ai pedoni deve essere molto di più, dovrebbe comprendere TUTTO IL CENTRO STORICO E P.ZZA POLITAMA CON VIA LIBERTA’, perchè in Via Roma e Corso Vitt.Emanuele, viasantagostino e piazza San Domenico (dove i posteggiatori hanno la meglio) hanno attività commerciali che in egual misura.
    in città esistono talmente tante auto che spostarsi per poche centinaia di metri nel traffico e diventata una vera follia.
    A bologna, si cammina in bici, la società dei trasporti pubblici affitta anche le bici che puoi lasciare anche in varie posti-posteggio!….ma quanti di noi utilizza il “car sharing” a Palermo?
    con le strade chiuse al traffico automobilistico si possono promuovere eventi e spettacoli per strada, nelle piazze, musei e chiese locali pubblici…ma il signor helg pensa veramente che se io esco di casa devo per forza spendere soldi in beni di consumo se ho più di 20 anni…? posso distrarmi in altro modo?
    la rincorsa al dio denaro spesso non ci fa accorgere di quante castronerie si fanno perdendo i sani valori di una buona comunità civile.
    la domenica si potrebbe chiudere anche piazza Marine, che ormai da tempo si sa che insisteste il “RIGATTIERE DAY” meravigliosa vendita dell’usato in una piazza storica e incantevole con dei esemplari di alberi che ti lasciano senza parole dalla loro maestosità, dove non si provvede alla potatura degli stessi e tenendo così chiusa la villa , e intanto il palermitano preferisce infilarsi con l’auto fino in fondo, magari scroccando il posteggio del GS.
    i controsensi di questa città sono il sale della vita quotidiana, ma ci stanno intossicando l’anima!


Lascia un Commento