26 nov 2009

Via Maqueda: reinstallati i cordoli


Come promesso da Amat, è  in fase di ultimazione la  nuova installazione dei cordoli in via Maqueda, dai 4 Canti verso la Stazione C.le. Installazione permessa dopo la stesura del nuovo manto stradale.

Cordoli che, come ampiamente dibattuto qui dentro, e dimostrato nei fatti, hanno la funzione di rendere più celere il passaggio dei mezzi pubblici senza che essi trovino intoppi lungo il loro percorso.Ma anche la funzione di regolatori del flusso veicolare e a disincentivare la sosta selvaggia. Nei post precedenti, ci sono tantissime foto di com’era via Maqueda coi cordoli e senza: auto parcheggiate selvaggiamente, e bus ripetutamente rallentati.

 

 

 

Per chi afferma che sono scivolosi, vi invito a mettetere piede sopra di essi e vi smentirete da soli ;)

Sono anche i piccoli interventi che, nel loro insieme, possono migliorare il servizio pubblico.


amat palermoautobus palermocordoli corso tukorycordoli via maquedamario bellavistamobilita palermomobilitapalermo

39 commenti per “Via Maqueda: reinstallati i cordoli

Comment navigation

  • marcozs 361
    27 nov 2009 alle 10:35

    io il motivo lo vedo benissimo: evitare che gli autobus rimangano bloccati nel traffico.
    se non vi piace che ci sia poco spazio per le automobili, prendete l’autobus!
    lo spazio per le auto deve essere ridotto al minimo e lo spazio per i mezzi pubblici aumentato.
    così quando le persone rimarranno in coda in via notarbrtolo mentre gli autobus circolano tranquilli nelle loro corsie preferenziali, forse la gente capirà che è ora di prendere l’autobus.
    viceversa se si tolgono le preferenziali le persone saranno disincentivate a prendere l’autobus perchè rimane bloccato come un qualsiasi mezzo.
    ben vengano solo due corsie riservate alle auto in via notarbartolo.

  • capricorno 60
    27 nov 2009 alle 15:13

    Per rispondere a degli interrogativi che ho letto qua e là nei vostri commenti… anche perchè ho delle informazioni CERTE. I cordoli di Via Maqueda sono stati messi e poi tolti e poi rimessi non tanto per tenere impegnati degli operai e spendere soldi inutilmente ma perchè il rifacimento dell’asfalto di Via Maqueda non era stato programmato da AMIA. I cordoli sono stati tolti a maggio quando AMIA ha iniziato ad asfaltare da Piazza Verdi ma poi si è fermata per i noti problemi di liquidità e ha ripreso ad ottobre. Non c’è stato nessun provvedimento di abolirli, è stato soltanto permesso ad AMIA di rifare il tappetino. Per Corso Tukory secondo me non c’è speranza, in effetti il marciapiedi troppo stretto nel primo tratto non ne consente l’installazione. Ho notizia invece che saranno installati per una corsia contromano in Via Ernesto Basile, da Via Citarrella al bar Massaro (se notate hanno anche già realizzato i varchi per far passare i bus nell’altra corsia, e l’altro giorno ho assistito a delle prove di percorrenza di un bus-prova di AMAT che scendeva, scortato dai vigili, controsenso in via Basile). Credo che quest’ultimo intervento sia finalizzato allo spostamento dei capolinea di piazza Indipendenza al parcheggio Basile.

  • antony977 165954
    27 nov 2009 alle 15:28

    @capricorno, siamo già a consocenza di quanto hai illustrato, e della vicenda cordoli maqueda e il nuovo terminal Basile, di cui potrai trovare riferimento nei post precedenti.
    Su corso Tukory, non sarei così pessimista :D :D

  • ciko 85
    27 nov 2009 alle 20:06

    #22 capricorno Says:
    novembre 27th, 2009 at 15:13 Per Corso Tukory secondo me non c’è speranza, in effetti il marciapiedi troppo stretto nel primo tratto non ne consente l’installazione.

    beh, non mi sembra che in via Maqueda il marciapiedi sia larghissimo;-)

  • giuseppe 154
    27 nov 2009 alle 20:17

    ma voi quando ci siete andati in via maqueda?
    oggi alle 14, come altri giorni ,ci sono passato in scooter e ci ho messo più del normale . il traffico è sempre uguale :auto a metà fra marciapiede e strada gente che cammina in mezzo la strada perchè i marciapiedi o sono uccupati o sono striminziti e gli autobus fermi anche loro sulla corsia preferenziale per i soliti motivi ; in più è sparito anche lo spazio tra le due corsie per passare

    Ora io sono d’accordo all’istallazione dei cordoli però non tutte le strade sono adatte ad ospitarli; andavano bene in corso tukory dove i marciapiedi sono molto più ampi ed i camion che scaricano le merci parcheggiavano interamente sul marciapiede ed almeno non intrelaciavano il traffico
    via maqueda ha moti più negozi di corso tukory ,che scaricano merci a tutte le ore e non possono fare a meno di invadere la corsia bloccando tutto il traffico.
    quindi o la piantonano di vigili oppure non riesco a vedere il vantaggio.
    forse i negozianti scaricheranno le merci di notte e le folle cammineranno in fila indiana sui tratti di marciapiede più stretti?

  • antony977 165954
    27 nov 2009 alle 20:30

    @emmegi, piano piano e vedrai ;)
    @giuseppe, considera che oggi c’era il caos assoluto causa piazza indipendenza chiusa.E ovviamente chi doveva recarsi lì da corso Tukory, impiegava tantissimo tempo.Con il traffico che ne ha risentito ovunque.
    Per gli orari di scarico merce, so che ci sono già degli orari, ma certi corrieri nemmeno li rispettano

  • huge 2148
    27 nov 2009 alle 20:49

    @giuseppe: esistono degli orari ben precisi per lo scarico/carico delle merci e non sono certo dalle 9 a mezzogiorno, ma in orari in cui il flusso veicolare è blando, tipo la mattina presto. Il problema è che come al solito in questa città ognuno fa quel c**** che gli pare impunemente.
    Tra l’altro è assurdo anche il fatto che i mezzi parcheggino sui marciapiedi.
    I marciapiedi sono solo ed esclusivamente per i pedoni. Non deve esistere che qualcuno ci vada a posteggiare sopra, qualsiasi sia il motivo!
    A Palermo nessuno rispetta le regole. E’ questo il problema di fondo.

  • Ciccio 174
    27 nov 2009 alle 22:50

    e scusate per l’orario, nonchè per la ripetitività del mio intervento…
    Ci vogliono i cordoli su via Oreto in direzione centro.
    Percorrere quel tratto con l’autobus, in direzione centro, è praticamente impossibile per via delle auto in tripla fila degli “onesti” frequentatori della zona.

    Ricordo che il quadrante Oreto-Guadagna-Orsa-Falso Miele-Borgo Ulivia-Bonagia è uno dei più popolosi della città.

    I “poveracci” che abitano in questa zona (ovviamente anche il sottoscritto) sanno perfettamente che raggiungere il centro con l’autobus è una pura chimera.

    Con i cordoli in via Oreto… sarebbe uno scherzo… una passeggiata di piacere.

    Non trascurabile il fatto che senza le auto (auto…) i locali commerciali avrebbero più visibilità e la via, naturale prosecuzione di via maqueda, potrebbe tornare a vivere.

    Parliamo di un tratto di strada di appena 700 metri, un budello, liberato il quale si tornerebbe a muoversi…

    Una buona serata a tutti.

  • huge 2148
    27 nov 2009 alle 23:36

    Data per assodata l’irrinunciabilità e l’utilità dei cordoli, devo però dire che sono veramente brutti a vedersi. Soprattutto quando sono nuovi, quel giallo è vomitevole. Per fortuna si sporcano subito amalgamandosi un po’ meglio con l’asfalto. :D :D

  • capricorno 60
    27 nov 2009 alle 23:44

    Il problema del traffico in Via Oreto sta tutto più a monte…nell’insufficienza degli attraversamenti del fiume Oreto. A Palermo ne esistono solo 4, ad esempio a Torino 14 ponti attraversano il Po e a Firenze 12 l’Arno. Poverino… l’Oreto non regge il paragone con i due più imponenti fiumi ma sta di fatto che il nostro rigagnolo di 50 km divide in due la città con un letto insuperabile se non con un ponte. In Via Oreto la circolazione si è complicata ancor di più (a parte la deviazione per il passante, a parte il taglio indecente Bergamo/Decollati) da quando è stato chiuso lo sfogo, se pur piccolo, del Ponte Bailey.
    Basterebbe pianificare altri due attraversamenti (uno all’altezza di Archirafi, un altro all’altezza di Ughetti) per sistemare il mondo (oltre al chimerico raddoppio del ponte Corleone).
    Chiedo troppo? Per le tasche del Comune forse sì

  • antony977 165954
    28 nov 2009 alle 1:08

    In via Oreto i cordoli?mhhhh la vedo molto difficile.Si rischia di eliminare tutti quesi posti auto basiliari lungo i marciapiedi a sx.
    La situazione lì potrà migliorare con il ponte Bailey riattivato, e soprattutto con la fermata Guadagna, che alleggerirà il traffico

  • marcozs 361
    28 nov 2009 alle 9:37

    antony se vogliamo diminuire il traffico a palermo bisogna avere il coraggio di fare queste scelte!
    bisogna avere il coraggio di togliere parcheggi per auto e creare corsie preferenziali, redistrebuendo lo spazio dal trasporto privato al trasporto pubblico.
    ad esempio in via montepellegrino si potrebbero togliere i parcheggi laterali (soprattutto quelli lato mercato ortofrutticolo) e creare due nuove corsie preferenziali.
    poi si dovrebbero mettere le strisce blu nelle due file centrali di parcheggi rimanenti, in via dei cantieri e nelle traverse di via montepellegrino e via dei cantieri, in modo da disincentivare l’uso dell’auto.

  • monte_Pellegrino 597
    28 nov 2009 alle 9:50

    Huge, come tu sai, non sono per nulla d’accordo sulla presunta assodata irrinunciabilità e utilità dei cordoli. Ritengo, e con me la maggior parte delle persone con cui ho parlato fin quì, che i cordoli sono dannosi, pericolosi per i pedoni ed anche per le automobili e motorini. Aiutano soltanto il servizio pubblico, che è utilizzato soltanto da una parte (forse minore per numero) dei palermitani.

  • monte_Pellegrino 597
    28 nov 2009 alle 9:54

    Secondo me , le cose si aggiusteranno da sole non appena ci sarà il passante ferroviario, la metropolitana ed i tram e allora sì che le persone da sole e senza costrizioni utilizzeranno i mezzi pubblici e lasceranno a casa le auto! Non ritengo utili prendere quelle drastiche decisioni che ho fin quì letto!

  • marcozs 361
    28 nov 2009 alle 11:21

    io invece dico che le cose non si aggiusteranno manco con la metro, il tram etc.
    è la mentalità che deve cambiare, servono scelte drastiche.
    ieri ero alla fermata fiera, è scesa una signora e mi ha chiesto dove si timbrava il biglietto.
    le ho risposto che le macchine erano sopra, e lei senza fare una grinza ha detto “io non risalgo, mi possono fare la multa”.
    forse avrebbe gradito farsi accompagnare in macchina da qualcuno sopra per timbrare il biglietto-
    la signora avrà avuto una quarantina d’anni ed era in ottimo stato di salute.
    ci vogliono scelte coraggiose, se anche si costruisce la metro il tram etc. la gente non li prenderà perchè è troppo abituata a prendere la macchina, e poi a sentire certi discorsi pare che ogniuno vuole la metro esattamente sotto casa per rinunciare all’auto, forse la gente a Palermo non capisce che una metro dovrebbe collegare i quartieri di una città e di certo non le vie di un quartiere.
    Morale della favola se non si toglie fisicamente lo spazio alle auto togliendo parcheggi, creando nuove corsie preferenziali al loro posto e mettendo parcheggi a pagamento in tutta la città la gente continuerà a prendere l’auto anche con la fermata metro a 500 metri da casa…

  • monte_Pellegrino 597
    30 nov 2009 alle 0:53

    marcozs, le tue sono scelte drastiche non condivise dalla gente! Sei libero di pensarla come meglio credi, ma non si può imporre niente a nessuno! Bisogna dare alternative credibili all’auto, non imposizioni. Non c’è alcuna legge che possa vietare l’uso dell’auto se non per motivi di salute pubblica legati all’inquinamento per le sostanze emesse dai tubi di scappamento delle stesse. Per cui ancora per pochi anni i sindaci potranno (e dovranno) limitare la circolazione delle auto. Ma fra poco, non appena arriveranno le auto elettriche a sostituire quelle attuali a combustione, i sindaci non avranno alcuna possibilità di limitare la circolazione perchè le auto elettriche saranno ad inquinamento zero. Ripeto: zero inquinamento e zero rumore!! Come scrivevo poco prima, penso che un certo abbandono spontaneo dell’auto si avrà con l’arrivo della metrò, del tram e del passante ferroviario. Bisogna usare la carota e non il bastone!


Lascia un Commento

Ultimi commenti