13 nov 2009

Palazzo Abatellis riapre alla città: ecco le foto


Come preannunciato, dopo diversi mesi di restauro, uno dei palazzi più importanti di Palermo riapre le porte del proprio museo regionale a tutti i cittadini.

Un evento atteso da molti evidentemente, visto che all’inaugurazione era presente tanta gente che è finita per accalcarsi dietro il portone d’ingresso, nell’attesa di vedere e rivedere quadri e sculture.

Dopo l’inaugurazione ufficiale da parte delle autorità, si sono schiusi i portoni e i cittadini hanno potuto accedere al cortile principale che si illuminava di colori che risaltavano la solennità delle strutture. Tra le varie sale espositive alcune novità, come la doppia veduta del “Trionfo della morte”, sia da quota zero che da quota superiore.

Un’intera ala è stata aperta per la prima volta, ai piani superiori, molto elegante e dotata di ascensore. Ma meglio lasciar parlare le foto…

[salbumthumbs=48,1,y,n,center]


annunziataantonello da messinafotoinaugurazionemusei palermotrionfo della mortevia Alloro

Articolo successivo

12 commenti per “Palazzo Abatellis riapre alla città: ecco le foto
  • blackmorpheus 54519
    13 nov 2009 alle 9:37

    meraviglioso…rientrare in questo edificio magistralmente restaurato, mi ha regalato forti emozioni. Ci tornerò sicuramente tra qualche mesetto, così avrò modo di girarlo con molta, molta calma

  • marcozs 361
    13 nov 2009 alle 10:03

    Susate ma per me a parte l’ultimo piano non è cambiato nulla.
    Una volta ci sono andato con la scuola elementare ed il trionfo della morte era già allora visibile in doppia veduta.
    Anche il quadro dellè’annunziata di antonello da messina era nella stessa posizione, nella saletta piccola prima della veduta dall’alto del trionfo della morte.
    Bellissimo il palazzo, schifoso il contorno.
    Un cassonetto strapieno all’uscita ci ricorda che non siamo a parigi ma a palermo, nessun politico si è degnato di far irpulire la via alloro, almento per quella sera, tanto per far finta di avere una città pulita.
    In più le auto blu hanno ingolfato per ore via alloro e piazza marina, un vero schifo.

  • MAQVEDA 17489
    13 nov 2009 alle 10:08

    Marco-a parte i prospetti e i cortili, si sapeva che gli interni dell’ala quattrocentesca sarebbero stati a malapena interessati da interventi di restauro. L’allestimento rimane quello che conosciamo tutti, e cioè quello di Carlo Scarpa. Di nuovo c’è l’ala settecentesca, che non mi è sembrato assolutamente poco. Concordo su quel cassonetto, vergogna, almeno ieri sera potevano “mimetizzare”.

  • Daniele 444
    13 nov 2009 alle 11:10

    Che patrimonio artistico immenso!! .. dovremmo competere con città come Roma o Firenze e invece .. a stento siamo considerati una “città d’arte” .. e questo perchè? per colpa naturalmente di chi ci governa .. il cassonetto stracolmo all’ingresso ci fa scontrare con la dura realtà ..

    Comunque, bellissime foto .. spero di andarci in questi giorni!!

  • marco 212
    13 nov 2009 alle 13:32

    marcozs: sempre positivo vero? un bicchiere lo vedi sempre mezzo vuoto?

    e c….. su con la vita si positivo una volta tanto!

  • MAQVEDA 17489
    14 nov 2009 alle 15:31

    Gli orari purtroppo non li so, ma so per certo che ci possiamo scordare la parola gratis;-)


Lascia un Commento