07 nov 2009

Aeroporto: dove sono i parcheggi liberi?


Per la rubrica “Diventa articolista per un giorno“, una segnalazione di Leonardo in merito la gestione dei parcheggi all’aeroporto Falcone-Borsellino:

Salve, sono un frequente utente dell’aeroporto Falcone -Borsellino di Palermo. Ho notato nel tempo una continua riduzione dei parcheggi liberi fino alla loro estinzione presso tutta l’area aeroportuale. Oggi gli unici parcheggi disponibili, nel numero di1310 (fonte GESAP) sono tutti a pagamento Quelli liberi che erano più lontani dall’aerostazione hanno subito lo stesso destino e quelli che nn sono a pagamento sono a disposizione del personale aeroportuale. L’ utente che desidera parcheggiare la propria auto per il semplice scarico bagagli e viaggiatori o per qlsiasi altro motivo fermarsi per più tempo è costretto a rischiare la sosta in zona rimozione al piano delle partenze o essere “costretto” a parcheggiare in una delle aree di parcheggio gestite in forma privata. Mi chiedo, dove sono i parcheggi liberi previsti dall’ art. 9 della legge 317/67 del codice della strada; la corte di cassazione si è espressa in merito con una sentenza a sezioni riunite civili n.116 del 9 gennaio 2007 per un caso analogo. E’ democratico non avere la possibilità di parcheggiare in un’area libera e in modo subdolo essere costretti a pagare il parcheggio privato? Mi chiedo perchè, anche se è chiaro il meccanismo, dell’assenza assoluta dei parcheggi liberi ? Sul progetto originario erano presenti, dove sono finiti ? Perchè non viene segnalata agli utenti automobilisti l’assenza di zone di parcheggio libere ? A mio parere questa decisione della GESAP è disdicevole e inaccettabile, le leggi ci sono ma non sono applicate. Rimetto a voi qualsiasi altra considerazione e prego Voi rendere pubblico questo continuo e ingravescente disagio. Grazie per aver dedicato questi minuti alla lettura della mia mail. Buon lavoro


aeroporto falcone borsellinolinee bluParcheggiparcheggi a pagamentostallo

Articolo precedente

25 commenti per “Aeroporto: dove sono i parcheggi liberi?

Comment navigation

  • Pinko 25
    09 nov 2009 alle 16:23

    Scesatemi, ma mi sembra che i commenti stiano andando un po’ OT. La segnalazione di Leonardo mi sembra essere incentrata sulla presunta “illegalità” dell’assenza totale di parcheggi liberi (quelli riservati ai disabili non sono assimilabili ai parcheggi gratuiti). Anche io mi sono posto il problema (persino qui a Fiumicino ci sono i parcheggi libero, di fianco all’aeroporto), ed ogni volta che vengo “prelevato” o lasciato in aeroporto a Palermo, provenendo dall’entroterra, mi rendo conto che pagare per la totale assenza dei parcheggi gratuiti è una cosa un po’ “strana”. Mi sono un po’ risposto da solo pensando a qualche “giochino” con le competenze sui parcheggi. La verità è che la Cassazione ha parlato chiaro, e non si dica che ciò è fatto per incentivare l’uso dei mezzi: vi ricordo che non tutti risolvono facilmente con i mezzi pubblici, anche a Palermo.
    Inoltre, scusatemi ma il confronto con le altre città non regge. Fiumicino->Roma ci sono treni diretti per TERMINI ogni 20 min. e treni per la città (stazioni intermedie) ogni 15 min, alternati con il diretto. Poi, arrivati in centro, c’è la METRO. Stesso discorso a Milano: in queste grandi città (con enormi disagi) i mezzi funzionano MEDIAMENTE meglio che da noi.

    Resta un mistero come possa l’aeroporto di Palermo fare eccezione per i parcheggi.

  • Viajero Solitario 2
    10 nov 2009 alle 2:57

    Ad ogni modo c’è una nota imprecisa nell’articolo: il carico-scarico bagagli è consentito. Gli stessi vigili non dicono nulla al riguardo se nel tempo accettabile di massimo 5 minuti. Che sia vergognoso che non ci sia più la sosta breve sì. E non venitemi a dire che non c’è solo la quick. L’altro parcheggio è perennemente pieno. E i prezzi praticati a Punta Raisi sono più che esosi, nemmeno a Fiumicino si paga così tanto al giorno. Ad ogni modo, la sosta breve dovrebbe essere consentita… non più un’ora? Facciamo mezz’ora… quante volte è capitato di avere bisogno di informazioni e ci si è dovuti scapicollare fino all’aeroporto di presenza perché l’efficientissimo call center non risponde mai o è perennemente occupato? Perché, oltre la benzina (l’aeroporto dista 35 km) dovrei pure pagare il parcheggio per chiedere qualcosa che non ho potuto sapere per telefono? Il treno? Ah, certo, 11€ tra andata e ritorno, non sapendo quando si parte e nemmeno quando si ritorna…

  • utopieconcrete 6
    18 nov 2009 alle 20:34

    Un cartello chiaro, univoco, visibile che all’ultima uscita (Marina di Cinisi) ti faccia capire che P = € non c’è, e non sarebbe male.
    Così come non è sufficientemente chiaro, alla seconda rotonda a fine autostrada, che IL PRIMO QUARTO D’ORA nel parcheggio rasoterra NON si paga.
    Perciò 15′ max. di parcheggio gratuito ci sono, ma nessuno lo sa.

    La frequenza del treno per il parcheggio di Piraineto mi pare che non sia di 30′ ma di 60′ :-(
    E poi, avendo fatto, dal nulla, una stazione sotto il livello stradale, non sarebbe stato meglio evitare le ulteriori scale per il secondo binario? Avrebbero potuto smistare i passeggeri da un’unica struttura al livello stradale dalla quale scendere direttamente sia al primo sia al secondo binario :-(


Lascia un Commento