02 nov 2009

Fiera dei morti(?) in via Nina Siciliana: un’autentica vergogna


Ogni anno in occasione della ricorrenza del 1^Novembre, è uso  da parte dell’amministrazione comunale, far allestire la Fiera dei Morti.

Fiera che col passare degli anni ha assunto  le sembianze di un normalissimo mercatino rionale…altro che morti e defunti!

Quest’anno la scelta di realizzarla è ricaduta nell’area adiacente il parcheggio di via Nina Siciliana, a fianco la clinica Eleonora lungo viale Regione Siciliana. Da tempo proponevamo  che questo parcheggio potesse divenire un punto d’interscambio bus, magari spostando i bus Amat di Piazza Camporeale.

Già il 30 Ottobre avevamo segnalato la possibilità di disagi in quella zona, e soprattutto la presenza di posteggiatori abusivi.

 

Il 31 e 1  Novembre, l’apice dell’apoteosi:  parcheggio pieno di auto (l’unica volta che lo vedremo pieno?è già stato collaudato??),  posteggiatori abusivi intenti ad aprire e chiudere il cancello che affaccia su viale Regione.Nemmeno un vigile all’incrocio della strada, la fila di auto che arrivava fino a via Pitrè.
Il tutto per una “fiera dei morti” che di fiera non ha proprio nulla.E’ un semplice mercatino rionale, dove trovano sfogo abusivismo e illegalità:  posteggiatori abusivi a chiedere il pizzo,  abusuvi fra le bancarelle regolari. Oltre le varie mercanzie contraffatte, spazi non rispettati, e molti disagi per i residenti
Se questa la chiamano fiera dei morti….

Mettiamo in evidenza quanto scrittoci da un residente di via Nina Siciliana:

1) Dove dovremmo posteggiare noi residenti in via Nina Siciliana?! Non tutti hanno acquistato il parcheggio all’interno, per non parlare di chi ha più macchine, o di chi abita nella minuscola via Perpignano e posteggia sotto casa nostra.
2) Dovremmo pagare delle multe perché abbiamo posteggiato sotto casa nostra?! Hanno tolto e multato le macchine ai residenti!!!
Ho sentito gridare: “Siete degli incivili!!!”, mi sono affacciata e ho visto un signore residente nel mio palazzo, a cui stava venendo un infarto, perché gli sono state multate e rimosse ben due macchine. Era tutto rosso in faccia, stava per sentirsi male e “i difensori dell’ordine” che facevano?! Ridevano fra di loro, le vigilesse toccavano allegramente i muscoli del collega e si guardavano le doppie punte, mentre quel signore stava per sentirsi male per il sopruso che ci stanno facendo!!!
Ci hanno totalmente bloccati… hanno transennato tutto, abbiamo difficoltà ad uscire dal cancello di casa nostra, perché la strada è diventata minuscola e la gente a piedi impedisce di uscire!!! Camminano per tutta la strada!!! Non ti fanno uscire nemmeno dal cancello di casa!!! Giocattoli messi al centro della strada… tutto bloccato!!! Dobbiamo prendere l’elicottero?! Dobbiamo traslocare per farvi fare la fiera?!
Hanno tolto le nostre macchine per metterci delle bancarelle fatiscenti che fanno confusione anche di notte!!! Non si può più vivere!!! Rumore, tamburi, musica araba e voci con megafono a tutte le ore!!!
A noi hanno rimosso le macchine, ma adesso sotto casa ci sono macchine posteggiate di persone che vanno a comprare e quelle non le ha rimosse nessuno!!! Hanno posteggiato persino quasi davanti al nostro cancello e mancava poco che ci bloccassero del tutto!!!
C’è anche una bancarella con animali ammassati e maltrattati… ho già avvisato Striscia La Notizia, la LAV, Le Iene e tutti quelli che potremo avvisare. La polizia municipale NON ha fatto NULLA… è maltrattamento di animali!!! Sono usciti ammassati da un furgoncino ed ammassati sulla bancarella con luci caldissime puntate addosso, persone ammassate… la legge è CONTRO il maltrattamento degli animali!!!
Per mesi non ci è stata tolta la spazzatura, adesso magicamente l’AMIA è venuta a pulire, MA si è portata i cassonetti!!! Dove dovremmo buttare la spazzatura?! Il nostro palazzo è, per caso, diventato INVISIBILE?! Vogliono mettere qualche bancarella anche dentro casa nostra?! Manca poco!!!
Non possiamo ricevere più nessuno a casa, perché non c’è dove posteggiare, siamo segregati!!! Alcuni di noi hanno avute difficoltà a farsi portare la spesa a casa, perché le consegne le fanno con i furgoncini e non possono posteggiare!!!
Ma vi rendete conto dell’INFERNO in cui ci hanno buttato?! In caso di emergenza, siamo BLOCCATI!!! Vi sembra una strada in cui fare una fiera?!!!

Eppure in altre città ci sono spazi espositivi appositamente creati per fiere,  convegni, eventi annuali, borse scambio.

Ricordo fra tutti a Novegro (pochi passi dall’aeroporto Milano Linate), dove è presente il parco esposizioni e in cui durante l’anno si svolgono manifestazioni e fiere di vario genere: http://www.parcoesposizioninovegro.it/pagina.phtml?explode_tree=77      

E pensate, ogni anno, anche qualcosa di molto simile a  quella che viene chiamata Fiera dei Morti qui: http://www.parcoesposizioninovegro.it/borsascambio/pagina.phtml?explode_tree=27

 

Ora qui abbiamo gli spazi della Fiera del Mediterraneo che si potrebbero sfruttare e contestualmente rilanciare.

Ma davvero siamo così autolesionisti nel creare così tanto caos in una zona residenziale, e contestualmente  alimentare abusivismo e illegalità  senza alcun controllo? Dai fatti…purtroppo si. VERGOGNA


felice brusciafiera dei mortifiera dei morti palermovia nina sicilianaviale regione siciliana palemo

22 commenti per “Fiera dei morti(?) in via Nina Siciliana: un’autentica vergogna

Comment navigation

  • GomesiodeTristi 16
    04 nov 2009 alle 2:39

    @Roberto1: hai ragione, c’è il ponte di via Pitrè, quello di corso Calatafimi, le varie circonvallazioni, i portici di piazzale Ungheria.. vuoi vedere che riusciamo ad organizzare un bel suicidio collettivo??

  • Tinnirello Salvatore 2
    27 ott 2013 alle 13:13

    Prima vittima alla fiera dei morti. Sabato pomeriggio giorno dell’inaugurazione, alla presenza di parecchie persone, bancarellisti compresi, ignoti hanno distrutto, spogliandolo completamente e capitozzandolo un albero rigoglioso sopravvissuto all’abbandono e all’incuria per 5 anni. Alla domanda: ma non vi siete accorti che stavano distruggendo l’albero? I presenti hanno risposto No, non ce ne siamo accorti! Forse la sua chioma ostruiva la visuale dei passanti, ovvero occorreva fare spazio a qualche furgone per posteggiarlo, e averlo sott’occhio accanto la bancarella. Ma qualcuno prima di consegnare il sito controlla per poi alla fine reclamare eventuali danni agli organizzatori? Forse occorrerebbe oltre al suolo pubblico fare anticipare una congrua cauzione da restituire alla fine dopo la verifica dei danni. Inoltre per assicurare gli stand al suolo, sono stati piantati dei grossi picchetti a terra sull’asfalto, che alla fine lasceranno enormi buchi che lo rovineranno irrimediablmente. Ma la Polizia Municipale dove sta? Per non parlare dei bagni chimici che non ci sono. Queste persone dovranno rimanere 7 giorni in pianta stabile senza andare in bagno ma come faranno? Ad ognuno libera interpretazione. Poi dicono che si lamentano i residenti, ma é ovvio! perché se il prezzo da pagare oltre ai disagi sono questi, hanno ragione da vendere opponendosi a qualsiasi iniziativa del genre che crea disagi e danni per l’intera collettività.


Lascia un Commento