30 set 2009

Discariche abusive. Una soluzione c’è…


Quante volte, girando per la città, in primis vicino lo svincolo Brancaccio, vediamo enormi discariche a cielo aperto? Beh…ogni santo giorno, su tutta la città. Il problema, a prescindere l’inciviltà, sta nel fatto che la gente si vuole disfare subito dell’elettrodomestico o mobile che sia. Il servizio di prenotazione del ritiro Amia non funziona.

A volte ci vogliono mesi per vedersi ritirato il proprio frigo con enormi problemi a livello condominiale. A tal proposito, la nostra proposta è quella di adottare un sistema semplice, economico, funzionale, che hanno già adottato città come Brescia, Bergamo ecc.

Prendiamo ad esempio, la discarica sopra citata. Basterebbe creare una zona aperta a tutti,  H24, dotata di telecamere e illuminazione.

All’interno suddividere micro aree x settori con relative insegne: elettrodomestici, mobili, batterie, ferro, terriccio, ecc. Il cittadino che si deve disfare dell’ingombro, punterà subito per queste aree che saranno dislocate proprio dove sorgono le discariche abusive (dove lo spazio lo permetterà), in tutta la città e rese accoglienti da pareti colorate che esaltano l’ambiente ed il territorio.  I cittadini non cambieranno le loro abitudini, ma si dovranno recare nello stesso posto, che sarà un centro di raccolta accogliente e civile. Poi l’Amia che gestirà i vari punti raccolta affiderà a delle ditte private il servizio di prelevamento. Pensiamo che sia una soluzione ragionevole e dignitosa, rispetto a quello che si vede da un paio di settimane subito dopo lo svincolo Brancaccio in direzione Giafar. Un ammasso di frigoriferi che invadono addirittura la carreggiata. Una vergogna! Che penseranno i turisti che provengono dalla A19 diretti in città? A voi la risposta!


amia palermodiscarica palermo

21 commenti per “Discariche abusive. Una soluzione c’è…

Comment navigation

  • barracuda 36
    02 ott 2009 alle 22:23

    Aggiornamento al mio post:alla discarica di Via E. Albanese hanno dato fuoco, peggiorando, come si può immaginare, la situazione.


Lascia un Commento