13 ago 2009

Passante ferroviario-via Oreto-Bivio Oreto: nuova viabilità


Ecco le immagini del nuovo ponte su via Oreto che si affianca a quello precedente, tutt’ora chiuso e già demolito.I Lavori procedono spediti, tanto che si è in fase di lavorazione per il nuovo viadotto.  

 

 

Il ponte in fase di demolizione il 27 Luglio

 il 4-08-2009 il ponte già demolito, e subito coi lavori per la costruzione del nuovo viadotto

 

 

Nota positiva: ricordate questo punto com’era durante il sabato, ovvero mentre si svolgeva il mercatino settimanale….caos completo con venditori che ostruivano in parte il flusso d’auto su via Oreto.

Bene, la parte riservata al mercatino è stata completamente isolata dalla via Oreto, così da evitare intralci alla circolazione, e i venditori poter tranquillamente continuare la propria attività senza intaccare nulla. Speriamo si possa trovare anche una soluzione definitiva al termine di tutti i lavori in zona.

 

 


arcobassobivio oretobrancaccioguadagnapassante ferroviario palermoSISvia brancacciovia pennino

3 commenti per “Passante ferroviario-via Oreto-Bivio Oreto: nuova viabilità
  • arabesk 94
    13 ago 2009 alle 17:23

    Nella penultima foto, in base alla colata di cemento che si vede, sembra che il nuovo ponte sarà più largo del precedente, visto che arriva fino al muretto con le baracche. Quindi immagino che verranno allargate le corsie laterali anche dal lato guadagna oltre che dal lato stazione, dal quale in atto transitano le auto.
    E’ come mi pare di avere visto?

  • antony977 165912
    14 ago 2009 alle 2:04

    Al momento le baracche ci stanno.Solo se sloggieranno si potrà dire che il ponte verrà allargato.Ad ogni modo, vista la velocità dei lavori, non sarà difficile intuire se sarà largo come prima o più ampio

  • fatamorgana 255
    18 ago 2009 alle 9:30

    Where there is mobility, there is social inclusion.

    The ability to access – in the spatial sense – jobs, education, health services, and other facilities is a key factor of social inclusion.
    Barriers to spatial mobility include problems of awareness, availability, physical accessibility, and affordability.
    Within this context, public transport facilities and services are an essential component to re-connect socially excluded citizens to the social and economic structures of society.

    Fonte: International Association of Public Transport


Lascia un Commento