06 ago 2009

Passante Ferroviario-via Imera: ci si prepara per la futura galleria?


Alcune foto dal cantiere di via Imera, dove di recente sono stati depositati materiali che fanno pensare la costruzione della futura galleria

 

 

 

Una visuale delle case, già murate, che verranno abbattute su via Colonna Rotta


brancacciopassante ferroviario palermopiazza indipendenzaSISvia imera

23 commenti per “Passante Ferroviario-via Imera: ci si prepara per la futura galleria?

Comment navigation

  • Argo 1214
    06 ago 2009 alle 3:43

    Mi son sempre domandato cosa diavolo fosse quell’edificio (da sempre incompiuto) che si nota anche nella seconda foto che Anthony ha scattato…

  • arabesk 94
    06 ago 2009 alle 14:35

    La vecchia galleria da orleans a notarbartolo che fine farà?
    verrà allargata, verrà abbandonata?
    Ci sarà una nuova galleria a 2 corsie oppure faranno, 2 gallerie con un’unico binario? ed in questa eventualità, una delle due galleria sarà quella esistente?
    Il tratto orleans-notarbartolo verrà interrotto durante questa fase dei lavori? ( ci vorranno anni per la galleria.

  • antony977 166350
    06 ago 2009 alle 14:55

    @arabesk, costruzione di ulteriore galleria, per qualche tratto parallela a quella attuale.
    Macchè anni, tranquillo ;)
    Penso si dovrà interrompere il traffico, dato che l’attuale galleria dovrà avere dei miglioramenti strutturali.Una sorta di ristrutturazione

  • Ciccio 174
    06 ago 2009 alle 15:21

    Salve ragazzi. Dopo l’abbattimento in questione, volevo sapere se, tra le opere viarie connesse, è prevista la relaizzazione di una strada che colleghi direttamente via imera con piazza indipenza.
    In questa maniera, in virtu dell’allargamento della via Lodato e del futuro nuovo ponte sull’oreto (per il 2100 d.c.) si concretizzerebbe un piccola tangenziale interna… o no?

    Appello:
    collegate la via pennino con via della concordia!!!

    Un caro saluto.

  • huge 2240
    06 ago 2009 alle 22:24

    @arabesk: la vecchia galleria continuerà a essere utilizzata e diventerà il binario dispari del raddoppio.
    In corrispondenza della fermata Lolli verrà allargata per realizzare la banchina passeggeri per una lunghezza di 150m, corrispondente al tratto via Dante/via Zoppo di Ganci.

    Il binario pari, quello nuovo, passerà invece sotto la via D’Asaro.
    Il nuovo tunnel, lungo complessivamente 1226m e in galleria naturale, partirà dall’area ferroviaria Lolli/Notarbartolo e terminerà all’altezza di via D’Ossuna.

    Riguardo ai tempi, una galleria di 1,2km può essere pronta (scavo e rifiniture) in un anno circa. Più lunghi invece saranno i tempi per la realizzazione delle due nuove fermate, Lolli e Giustizia.

    @Ciccio: non so cosa prevedano materialmente di fare, ma nel PRG sarebbe previsto un tunnel stradale che, partendo da via Imera, passerebbe sotto piazza Indipendenza, proseguirebbe sotto corso Re Ruggero e sbucherebbe in via Brasa, praticamente davanti il primo ingresso di viale delle Scienze, quello vicino alla fermata Orleans.
    Non ho idea se faccia parte dei lavori attuali o meno.

  • Metropolitano 3417
    07 ago 2009 alle 0:54

    Questo vuol dire che pur essendoci il doppio binario, i cittadini che abitano in questo quartiere non potranno utilizzare il nuovo servizio metropolitano ferroviario se non realizzano la fermata Giustizia ed i FV sotto terra, nonchè il parcheggio in cima. Bé, l’importante è che inizino da subito lo scavo di questa importante galleria, così bruciamo le tappe.
    Finora niente male, vi leggo che è una meraviglia. ;-)

    Solo una domanda. Se la galleria termina in via D’Ossuna, cosa c’è dopo in direzione Brancaccio: una trincea ?

  • huge 2240
    07 ago 2009 alle 2:48

    @Metropolitano, non ho capito chi e perché non potrebbe usare il nuovo servizio. E cosa sono i FV??

    Riguardo alla galleria, da via D’Ossuna alla fermata Orleans si realizzerà una trincea coperta con la tecnica del cut and cover, ossia scaveranno a cielo aperto e poi copriranno il tutto. Alla fine la linea sarà interamente in sotterranea, praticamente dal ponte sull’Oreto fino a Notarbartolo.

  • Andrea Bernasconi 12
    07 ago 2009 alle 10:00

    FV = fabbricato viaggiatori. Credo che Metropolitano volesse intendere i cameroni per le fermate passeggeri sotterranee in corrispondenza di Giustizia e Lolli.

    Piuttosto, ho letto due cose interessanti:
    1: il binario pari va sotto via D’Asaro, quindi sarebbe piuttosto scostato dall’attuale tracciato. In corrispondenza della fermata Lolli dunque come si articolerà la pianta della stazione?
    2: cos’è sta storia del tunnel da via Imera? sarebbe una cosa piuttosto interessante, specie se riconsidero quello studio in cui si ipotiza di convertire l’ex tracciato ferroviario della lolli in strada… partendo da Notarbartolo, proseguendo per via Re federico, poi via imera e tunnel, si sbucherebbe direttamente su via Basile, il tutto attraversando un’arteria piuttosto larga in tutto il suo sviluppo…
    Sarebbe davvero un’ipotesi affascinante, permetterebbe tra l’altro di saltare l’imbuto di corso Amedeo-piazza indipendenza-re ruggero…

  • Amo_Palermo 161
    07 ago 2009 alle 10:29

    Buongiorno a tutti, sono un nuovo utente che vi segue da tanto tempo.
    Vorrei dare il mio piccolo contributo alla discussione.
    Che io sappia il tratto in questione (Da Orleans a Notarbartolo) è oggetto di modifica da parte dell’impresa per salvaguardare una palazzina, vincolata dalla soprintendenza beni culturali, che si trova in Piazza indipendenza. Per far ciò si è dovuto modificare il progetto originario e tale modifica ha avuto ripercussioni su tutto il tratto fino quasi a Notarbartolo. Infatti il binario pari (quello lato mare) dovrebbe essere collocato sotto la vecchia sede ferroviaria ormai dismessa (via giuffredi e poi, in direzione Notarbartolo, cortile barcellona e passaggio PL1 per finire in ambito ex Stazione Lolli).
    Per quanto riguarda il tunnel di via Imera credo che il PRG del comune dovrà essere variato per la presenza sia del collettore fognario che stanno attualmente realizzando proprio in quella zona sia per le nuove gallerie ferroviarie in progetto.

  • Andrea Bernasconi 12
    07 ago 2009 alle 13:16

    interessantissimo contributo. sarebbe curioso, qualora “scoperchiassero” l’attuale tracciato, se facessero lavori di manutenzione al ponte ferroviario sotterraneo sul papireto.

  • Lele 6797
    07 ago 2009 alle 14:02

    quel palazzo non ra destinato a parcheggio, ma ad alloggi privati. alla fine degli anno ’80 fu lasciato incompiuto. adesso si parla di un progetto per definire tutto e vendere gli appartamenti o ancora si vocifera su una possibile caserma dei carabinieri.

  • Ciccio 174
    07 ago 2009 alle 16:00

    So di essere petulante sui soliti argomenti, ma:
    ribadendo la notoria assenza di impianti sportivi a Palermo;
    considerata la posizione strategica a ridosso del centro storico (praticamente al centro di 4kmq del nulla in termini di impiantistica sportiva);
    vista l’adiacenza al futuro mega parcheggio ed alla fermata del passante ferroviario;

    perchè non trasformare il vetusto “Papireto” in un moderno centro sportivo con campo di calcio regolamentare in erba sintetica di ultima generazione, calcetto e magari costrurci pure una struttura polivalente con palestra e piscina?

    Come dite?
    Meglio aspettare l’assegnazione delle Olimpiadi a Palermo!
    Si… forse avete ragione.

  • arabesk 94
    07 ago 2009 alle 18:08

    @huge grazie per la risposta, come sempre molto precisa.. ma non mi dispiacerebbe vedere il tracciato dell’attuale e future gallerie su tuttocittà ehhehe.

    Questa tecnica del cut and cover, dopo gli scavi prevede che la galleria sia a forma di “tubo” oppure viene realizzata con pilastri e travette come la stazione orleans (ahi ahi ahi che lavoro di m…)
    Ad orleans piove sempre ed anche corso ruggero trasformato in viadotto che balla con il passaggio delle auto non è un bel vedere.

  • Paco 7942
    07 ago 2009 alle 19:04

    @ huge, ho controllto il piano regolatore, in realtà il tunnel di piazza indipendenza è a doppia uscita, infatti sono due corsie che partono insieme in via Imera e si biforcano alla fine una esce in via Brasa e l’altra quasi in via Lodato. Il progetto però prevede l’abbattimento di un blocco residenziale compreso tra la posta vecchia e l’edificio salvato. Oppure avevamo capito male e l’edificio salvato è proprio questo segnato sulla cartina in giallo?

  • huge 2240
    07 ago 2009 alle 20:30

    @Amo_Palermo, sei sicuro che il percorso del binario pari sarà quello da te indicato? Mi sembra che questa modifica, rispetto a far passare la linea sotto via Ranzano/via Polara/via D’Asaro, non modifichi di una virgola quelli che potrebbero essere i possibili problemi con gli edifici a p.za Indipendenza.

    @Andrea Bernasconi: se il progetto è rimasto immutato, le due banchine passeggeri della stazione Lolli saranno collegate tra loro da un tunnel sotterraneo sotto la via Dante lungo circa 86m. Le due banchine saranno lunghe 150m ciascuna (binario pari: da via Dante a via Gemellaro; bin. dispari: da via Dante a via Zoppo di Ganci), con presumibilmente quattro uscite, una per ogni estremità.
    Trovi un’immagine esplicativa a questo link:
    http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=40841046&postcount=118

    @Paco: sinceramente non ho capito come è andata a finire la storia con quegli edifici. Da PRG andrebbero abbattuti, ma sappiamo che una variante dovrebbe essere in corso d’opera e al momento gli unici edifici segnati con vernice rossa (quindi presumibilmente da abbattenere) sono diversi da quelli indicati sul PRG. Avevamo discusso al riguardo su Skyscraper.
    Qualche link che chiarisce di che stiamo parlando esattamente:
    Edifici da abbattere secondo il PRG:http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=39604108&postcount=65
    Edifici segnati attualmente:http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=39503730&postcount=54
    Oltre a un’immagine di Microsoft Live:http://www.skyscrapercity.com/showpost.php?p=39505076&postcount=55

    @Arabesk: il cut and cover è proprio quello che è stato usato per la fermata Orleans. Sono d’accordo che li’ il risultato sia pessimo.
    La procedura è la seguente: si creano dei pali di cemento armato che andranno a costituire la due pareti laterali (che ovviamente alla fine andranno rifinite opportunamente). Completata la palificazione, viene effettuato lo scavo fino alla profondità necessaria e viene creato il solettone di base su cui verranno poi posati i binari. Il tutto verrà poi coperto con un sistema di travi prefabbricate anch’esse in cemento armato.
    La sezione del tunnel chiaramente sarà rettangolare.


Lascia un Commento

Ultimi commenti