07 mag 2009

Il nuovo giardino in piazza Fonderia


Da mesi ormai questo cantiere, con la sua alta recinzione in lamiera, nascondeva alla vista i resti di quella che è stata una delle fonderie più grandi della città, pesantemente bombardata durante l’ultimo conflitto mondiale. Proprio oggi, munito della mia macchina fotografica, mi sono recato li per verificare lo stato dei lavori e, dopo essermi guadagnato la simpatia di uno dei giardinieri e in via del tutto eccezionale, ho avuto accesso a quello che definirei un angolo di paradiso ritrovato in un terribile contesto altrimenti degradato, in uno degli angoli più suggestivi della nostra amatissima città. Eccovi quindi, in anteprima, le foto di questa splendida opera che tra qualche settimana verrà ufficialmente consegnata ai cittadini.

Visione d’insieme:

Marciapiede frontale (dove verranno piantumati alcuni arbusti):

Vista del mare dal giardino:

Particolari della fontana e dei resti della fonderia (dove nascerà un caffè letterario):

Visuale d’insieme:

Il giardino delle pomelie (che fioriranno con la stagione calda):

Una visuale del prospiciente vicolo della Fonderia:  

Ed eccovi la suggestiva visuale notturna, da questa foto di evincono le dimensioni del caffè letterario:


giardino piazza Fonderia

27 commenti per “Il nuovo giardino in piazza Fonderia

Comment navigation

  • blackmorpheus 54519
    07 mag 2009 alle 18:54

    molto…molto…molto…bello! Speriamo solo che i nostri concittadini lo facciano durare. Complimento per le foto Ago ;)

  • Argo 1214
    07 mag 2009 alle 19:01

    Grazie Andri, credimi quasi non ci credevo quando il giardiniere mi ha aperto le porte e fatto entrare… E’ un giardino stupendo e poi il tipo è stato assolutamente disponibile! (Si vede in una delle foto…) :)

  • eddy 71
    07 mag 2009 alle 19:51

    S-T-U-P-E-N-D-O! E questo insieme alla riqualificazione della Cala, del Castello a Mare (di prossima apertura), il mandamento Castellammare diventerà un gioiellino!!!!!

  • huge 2193
    07 mag 2009 alle 19:51

    Tutto l’arco della Cala tornerà presto a nuova vita.
    Questo bellissimo angolo a breve a disposizione e i lavori di riqualificazione di tutto il fronte a mare del porticciolo stravolgeranno l’aspetto della zona.
    Non so quali altri interventi siano previsti, ma io eliminerei o ristruttererei, se è il caso, la casupola bassa attaccata all’edificio blu, lato mare, ed eliminerei quell’obbrobrio di cartellone pubblicitario. Inoltre farei piazza pulita della pompa di benzina che c’è alla Cala, cercando di armonizzare tutto l’ambiente.
    Anche una ristrutturatina alle costruzioni intorno piazza Fonderia (quelle sullo sfondo nella seconda foto) non sarebbe male. :)

  • fabdel 989
    07 mag 2009 alle 20:24

    l’ennesima conferma di come il verde renda i posti piu eleganti, vivibili e di maggior fascino. nel progetto veniva chiamato giardino e di giardino ha ben poco nel senso che occupa lo spazio di 4 aiuole o poco +. carino ma davvero strimizito. carino anche l’ingresso e la fontana

  • Fabrivit 256
    07 mag 2009 alle 20:30

    Meraviglioso, un piccolo paradiso. Mancano solo dei paletti per riuscire a non fare salire i motori sopra il marciapiede, con questi sarebbe perfetto.

    Anche se non è il topic giusto, mi segnalano che nei prossimi giorni sposteranno tutti i capolinea dei pulmann di via balsamo al parcheggio di via basile. Non era proprio quello che intendevo io, io avrei spostato solo quelli di corso re ruggero, ma comunque è una conquista. Sarà predisposto un servizio di navette dal parcheggio a via balsamo. Già sono cominciate le proteste dei commercianti, e quando mai…

  • Lele 6797
    07 mag 2009 alle 20:31

    tutti gli angoli di palermo dovrebbero essere così…che spettacolo. bello…spero che rimanga così curato!

  • fabdel 989
    07 mag 2009 alle 20:32

    PICCIOTTI ORA NON CI RESTA CHE BUTTARE GIU IL PALAZZO MARRONE BRANCAGEL. ARMIAMOCI DI PICCONE E RICONSEGNAMO AL MANDAMENTO IL SUO ANTICO SPLENDORE

  • marcozs 361
    07 mag 2009 alle 21:25

    Giù il palazzo Brancagel, e giù tutte gli edifici che in via messina marine ostacolano la vista al mare!

  • Portacarbone 70767
    07 mag 2009 alle 23:20

    Davvero bellissimo. La rinascita della cala è segno che tutto si può fare. Spero che questo quartiere riesca a contagiare le zone limitrofe. Da notare come, il proliferare di locali e dunque di luoghi sociali e culturali spinge privati e amministrazioni a recuperare certe aree prima degradate. Vedesi anche via Torremuzza, la Magione ecc.

  • piero82 503
    08 mag 2009 alle 1:14

    diciamo che quella zona sta diventando la piu bellaed anche piu sistemata di palermo! prima foro italico,adesso i lavori alla cala..castello a mare..p.zza fonderia! piu che il palazzo della brancagel(che cmq rimane schifoso) ci sarebbe da riprendere il sottopasso alla cala..ridotto malissimo,e possibilmente sostituire..la torre dei caduti alla mafia(ridotta male,e a mio modesto parere)mai piaciuta architettonicamente!

  • Argo 1214
    08 mag 2009 alle 8:37

    Grazie mille dei complimenti ragazzi!
    Non vedo l’ora di poter vedere questo piccolo angolo di paradiso finalmente in mano ai cittadini! Speriamo solo non venga vandalizzato…

  • alex72 122
    08 mag 2009 alle 8:39

    Un angolo della città tolto al degrado e all’abbandono, un bel biglietto da visita per tutti i turisti e i cittadini amanti delle belle cose. Adesso viene il difficile, bisogna fare in modo di salvaguardare ciò che si è realizzato e valorizzarlo nella maniera giusta, non lasciando tutto all’incuria vanificando il lavoro realizzato…

  • Daniele 444
    08 mag 2009 alle 9:08

    Stupendo!! .. che bella riqualificazione .. complimenti per le foto .. speriamo che i lavori continuino così …

  • freddie80 1052
    08 mag 2009 alle 9:22

    Senza parole, lavoro eccellente. Speriamo che la vicinanza con il “Ganci” della cala non comporti migliaia di tovaglioli sul prato…

  • Roberto1 520
    08 mag 2009 alle 9:51

    Già mi immagino questa bellissima piazza tra qualche tempo: stigghiolaro e/o panellaro e/o meusaro e/o mulunaro con chioschetto piazzato al centro e prato invaso da cartacce, escrementi di cane e bottiglie. Purtroppo in questa città le cose vanno sempre allo stesso modo: si realizza un’opera e poi la si lascia al degrado perchè non ci sono risorse e volontà per vigilare e intervenire.

  • perpes 6
    08 mag 2009 alle 15:26

    semplicemente stupendo….la rinascità e riqualificazione della zona….con questo giardinetto…sperando che mettano nascosti in qualche angolo un policeman schizzoide che al primo che imbratta o danneggia un bel colpo…in mano cosi gli salta la manina…amiamola questa città……caspita…..queste foto mi fanno venire i brividi sono di una bellezza…..dissarmante…

  • Ciccio 174
    08 mag 2009 alle 16:00

    Intanto prendo le distanze dai “barbari” che vorrebbero prendere a picconate il palazzo della Brancagel…
    Siamo quasi nel 2010… c’è la dinamite!!!
    Ma parlando seriamente le questioni concrete sono 2:
    1 ognuna di queste nuovo “opere” dovrebbe essere adottata da un “guardaino” che si occupi, tra le altre, di manutenzione, pulizia e deterrente per gli incivili… Ricordo che abbiamo migliaia di LSU che non fanno un …. dalla mattina alla sera (salvo protestare di tanto in tanto);
    2 nella fattispecie, il passaggio delle macchine alla cala è una bestemmia. Ormai in quasi tutte le città di mare “moderne” esistono delle gallerie che da punta a punta bypassano il lungomare rendendolo fruibile solo ai pedoni. Qui non c’è neanche un proggetto in tal senso, anche se anno fa se ne era parlato. Il curvone della cala dovrebbe fungere da cerniera tra il futuro porto turistico e le varie piazza della fonderia, marina e vie interne, piene di locali e di gente che passeggia. Insomma dovrebbe tornare ad essere una darsena a tutti gli effetti.
    Pensate che una cosa del genere (sottopassaggio in galleria) mi dicono la stanno facendo anche a Salerno, dove pare abbiano previsto pure di creare una barriera marina a circa un chilometro dall’attuale passeggiata a mare (tipo il nostro foro italico), per poi crearvi di fronte una spiaggia dal nulla e rendere quindi balneabile tutto il lungomare fronte città.
    Fantascienza? Lo ripeto, non Dubai, non Abu Dhabi, ma Salerno… quasi di fronte a noi…
    Un caro saluto a tutti.


Lascia un Commento