26 mar 2009

Brancaccio residenziale: aggiornamento passante


Procedono speditissimi i lavori del passante ferroviario nei pressi della futura stazione Brancaccio Residenziale. Enormi progressi sono stati fatti per quanto riguarda la viabilità: è infatti terminato lo scavo del sottopassaggio di via Brancaccio (come avevamo già visto), ed è a buon punto il secondo al di sotto dell’attuale linea che conduce verso la stazione centrale. Quest’ultimo è molto più largo, in quanto sarà a doppio senso di percorrenza. Altro che sottopasso Perpignano! Inoltre in direzione Guadagna è iniziato la preparazione del terreno propedeutica alla posa del secondo binario. Insomma, il passante prende forma ogni giorno che passa…speriamo che proceda così! Nel frattempo gustiamoci queste foto…  (data: 24-03-2009)

 

 

 

Il secondo sottopassaggio

 

Direzione Guadagna: preparazione del terreno

 

 


brancacciocantieriferroviarioguadagnalavorimobilita palermopassante ferroviarioscaviSISsottopassaggio

21 commenti per “Brancaccio residenziale: aggiornamento passante

Comment navigation

  • huge 2128
    06 apr 2009 alle 11:53

    Ragazzi, il collegamento attualmente è così lento da essere quasi imbarazzante. Considerate che dalla centrale all’aeroporto ci sono 30km.
    Prendendo il treno più rapido, quello che impiega “solo” 43′ viene fuori una media di 40km/h!!!!! Faccio quasi prima a piedi!
    E’ chiaro che il completamento del passante rivoluzionerà i tempi di percorrenza, eliminando i ritardi per gli incroci, i rallentamenti ai PL e innalzando lo standard di tutta la linea.
    Ciò che però andrebbe secondo me fatto, e questo sin da ora, è utilizzare dei convogli con caratteristiche strutturali tipiche di una metropolitana.
    Questo comporterebbe due grossi vantaggi, accelererebbe enormemente salita e discesa dei passaggeri, grazie all’elevato numero di porte e al piano d’ingresso a livello banchina, e soprattutto, consentirebbe accelerazioni e decelerazioni molto più rapide di quelle consentite a un treno normale, vista la notevole differenza di peso. Questo permetterebbe di avere automaticamente velocità di percorrenza medie molto più elevate, quindi tempi sostanzialmente inferiori.


Lascia un Commento