09 feb 2009

Auto sul CORDOLO sfonda una vetrina


Le cassandre che tanto gufavano sui cordoli ci hanno visto bene…anzi….non direi proprio vista la dinamica di questo incidente!

 

 

Da Repubblica-Palermo 8/02/2009

Perde il controllo della New Bettle Wolkswagen, e dopo essere finito sul cordolo di via Maqueda, si schianta contro una vetrata del Banco di Sicilia.L’incidente avvenuto intorno alle 5  di ieri mattina (sabato), secondo quanto accertato dalla sezione infortunistica, è stato provocato dall’alta velocità.Ferito lievemente il giovane al volante.L’auto ha terminato la sua corsa lungo via Fiume, sfondando il vetro e demolendo un palo della segnaletica. <<Per fortuna, è avvenuto di notte-dice un residente- perchè proprio lì c’è l’ingresso di una scuola>>.

Sul giornale è anche pubblicata una piccola foto che mostra il maggiolone  praticamente fuori uso e col la parte "posteriore" dentro la vetrina!!!

Premettendo che indubbiamente il Banco di Sicilia chiederà il risarcimento danni al maldestro conducente, il conducente a sua volta dovrebbe chiedere i danni morali e materiali a tutti coloro che hanno gufato contro i cordoli :-)   

Si era infatti acceso un grande dibattito su un post di Rosalio in cui alcune persone criticavano l’utilizzo dei cordoli in quanto "pericolosi e non a norma". Inoltre sarebbe venuta meno la sicurezza dei motori ed auto. 

L’ignoranza paga, e alla fine l’incidente è arrivato "grazie ai gufi". Ma questo incidente è la dimostrazione di quanto ha sempre affermato MobilitaPalermo e anche il neo presidente Amat, Mario Bellavista: i cordoli possono essere  pericolosi quanto un marciapiede o una strada in curva.Ma alla fine se si conduce una velocità moderata e consona al tipo di strada che si sta percorrendo, il rischio si riduce sensibilmente.

Continuerà intanto l’installazione dei cordoli lungo corso Tukory; i cordoli saranno isntallati anche  in Corso A. Amedeo, via Roma (da c.so V.Emanuele in poi), via Libertà (da via Giusti a via Notarbartolo), ed anche in via E. Basile.Completata l’installazione in via Maqueda.


amatCORDOLIvia maqueda

15 commenti per “Auto sul CORDOLO sfonda una vetrina
  • Portacarbone 70662
    09 feb 2009 alle 10:51

    Io l’ho sempre detto: potenzialmente quando usciamo di casa tutto è contundente e pericoloso. Però alcune cose, per abitudine, le rispettiamo in quanto tali (un cancello chiuso non lo sfondiamo con l’auto ) mentre altre, che richiedono molti meno sforzi, cerchiamo di aggirarle infischiandocene di tutto e tutti per il nostro tornaconto (appunto, vedesi corsie preferenziali, cordoli, piste ciclabili).
    Io sarei ferreo nelle sanzioni su questi episodi. Non se ne può più della ricerca di “scuse” per giustificare i comportamenti incivili della gente.

  • Lele 6797
    09 feb 2009 alle 12:01

    concordo con te Portacarbone. la gente nn ha alcun rispetto per le cose o regole che siano. A casa loro non viene permesso di infrangere nulla, fuori non è di “nessuno” e quindi ci si può comportare in maniera incivile. questi comportamenti non si devono giustificare, anzi punire con la massima pena, cosi’ da dare esempio a chi volesse continuare ad infrangere…molta gente che non ha equilibrio e responsabilità quando esce di casa. Dare subito un segnale preciso da parte delle autorità.

  • bacillino80 87
    09 feb 2009 alle 12:18

    Che non mi si venga a dire che i cordoli sono pericolosi.
    Lo sono se ti lanci a folle velocità e fai slalom fra le macchine (posteggiate e non) invece di procedere tranquillo sulla tua corsia.
    La gente è ignorante e il palermitano medio (come lo definite voi) non è degno di vivere in una città.
    Bella l’idea del Sindaco…MOBILITA PALERMO for PRESIDENT !!!!
    EHEHEH

  • PeppePa 35
    09 feb 2009 alle 12:27

    Io sono d’accordissimo nell’utilizzo dei cordoli, perchè non solo aiutano sensibilmente a migliorare l’eeficenza dei servizi pubblici, ma sono anche degli ottimi dissuasori contro improbabili piloti che si credonoi padroni della strada.
    Tuttavia non ho ben chiara solo una cosa: i cordoli di via Roma arriverano fino a piazza Sturzo? Perchè se così fosse c’è un bel problema da considerare. Infatti, su questa strada, dall’incrocio con via Cavour in poi, si restringe sensibilmente la corsia centrale, e le auto dovranno passare dallo stare su due file a una fila sola, e temo che posa essere pericoloso, visto che la gente guida in questo modo.

  • Daniele 444
    09 feb 2009 alle 12:55

    E’ giusto che vi siano regole ferree, soprattutto per i palermitani incivili .. vedrete che a poco a poco tutti si abitueranno, ne sono sicuro .. è sempre questione di tempo ..

  • Lele 6797
    09 feb 2009 alle 13:09

    ragzzi, la “qualità” (intesa come onestà, civiltà, ecc) paga sempre, anche se a medio-lungo termine… ma paga!!! come dice >Daniele< è solo questione di tempo

  • fatamorgana 255
    09 feb 2009 alle 14:28

    e ora c’è pure l’associazione dei motociclisti che monitorerà l’andamento dei cordoli. L’ho letto un giorno di questi su un quotidiano.

    Cioè monitorerà quanto motociclisti imbeccilli ci finiranno sopra facendo il quotidiano slalom.
    E poi – dopo x incidenti – l’associazione dirà ufficialmente al comune: avete visto, i cordoli sono pericolosi e vanno tolti perchè i motociclisti ci sadono sopra.
    Scommettete che andrà a finire così ???? Fatevi avanti.
    Io mi scommetto tutto. Tanto vinco !

  • freddie80 1052
    09 feb 2009 alle 15:10

    ma non saprei…secondo me i motociclisti saranno contenti de cordoli, le corsie preferenziali saranno sgombre e loro saranno liberi di usarle per superare il traffico.

  • PeppePa 35
    09 feb 2009 alle 15:47

    Sono stato a Roma più di una volta, ed anche a Milano, e lì è normalissimo trovare dei cordoli per le corsie preferenzieli dei bus. L’associazione motociclisti non potrà accusare il comune che i cordoli sono pericolosi, anche perchè se lo sono qui lo sarebbero anche altrove, e dubito che essi siano capaci di farli togliere in tutta Italia… Semmai sono i motociclisti stessi ad essere pericolosi, ed è ora che imparino a guidare.

  • danilo71 145
    09 feb 2009 alle 19:26

    ma tutta questa capacità associativa a Palermo? i cordoli esistono in tutto il mondo occidentale, solo qui costituiscono un pericolo mortale. andando piano (il limite è 50) non si sfondano le vetrine delle banche

  • ponzi 18
    09 feb 2009 alle 20:47

    sn felice che nn si sia fatto niente, ma come dicono a bolzano, fino a quando ci sono “tiesti i umma”, come stu ragazzo. ci sarà poco da fare, l’altro giorno la corsia preferenziale di corso tukory, nn dico che sia stata piena …ma quasi..!! ma levategli no la patente ma anche la makkina e mutande…civilizziamo ste capre !!! e perfavore…come possiamo pensare a un cambiamento se prima dei cordoli nn è la gente a capire determinate cose !! io vojo essere ottimista…ma c’è tanto da lavorare sulle menti..tanto..forse troppo !!
    Ponzi87

  • danilo71 145
    09 feb 2009 alle 23:05

    c’è tantissimo da lavorare, ma quello che non si pianta non ha alcuna possibilità di crescere.

  • danilo71 145
    10 feb 2009 alle 16:08

    il palermitano vive spesso di dogmi ascientifici e bolla tutto il resto come “fissarie”. Dalle cinture di sicurezza ai cordoli. Poi si sveglia dentro la vetrina di una banca col cranio fracassato.


Lascia un Commento