31 dic 2008

Una nuova “porta” a Palermo?


Ci è arrivata segnalazione di una piccola struttura stile pagoda che sta sorgendo alle spalle di via Squarcialupo, quasi dietro il conservatorio Bellini.

Una scritta recita "Al Bab – La nuova porta di Palermo". Come si vede dalla foto, non sembra che l’area sia completata nè la struttura attiva. Disconosciamo origine e funzione, pertanto apriamo il toto scommesse sulla destinazione d’uso di tale prefabbricato.


al bab palermoalbabla nuova porta di Palermovia squarcialupo

Articolo precedente

Articolo successivo

5 commenti per “Una nuova “porta” a Palermo?
  • freddie80 1052
    31 dic 2008 alle 14:30

    Si chiama Albab, in arabo significa “porta”: è il nuovo centro di accoglienza turistica nato a Palermo, nel cuore del quartiere Castellammare-Tribunali, in piazza XIII Vittime a pochi passi dal mare. Albab, il primo nel suo genere, nasce dal progetto del Consorzio Sali ed è finanziato dalla Fondazione Carige.

    Oltre a fornire assistenza ai turisti il centro proporrà ai viaggiatori itinerari nel cuore della città vecchia, tra i vicoli e i beni monumentali nell’ambito di un piano di risanamento del quartiere Castellammare-Tribunali, che prevede varie iniziative.
    Il centro si presenta come una struttura-pagoda ed è gestito oltre che dal Consorzio Sali anche dalla cooperativa Ali, che aderisce alla Lega delle Cooperative. Tra i partner dell’iniziativa c’è anche il comune di Palermo, che all’interno di Albab ha un Cit, centro di informazione turistico.
    Grazie ad Albab sono stati creati una ventina di posti di lavoro, tra operatori, guide, assistenti (diretti e indotto). Dal personale del centro i turisti riceveranno assistenza e potranno organizzare sotto ogni aspetto la propria permanenza in città.
    Oltre a fornire informazioni turistiche Albab proporrà ospitalità nei B&B (bad and breakfast) aderenti alla rete “Alcova” e organizzerà itinerari turistici nel centro storico, esposizione e vendita di prodotti turistici, guide, cataloghi e manufatti dell’artigianato locale. Ma anche servizio, noleggio biciclette e servizi connessi al turismo in bici, deposito bagagli, parcheggio bici e percorsi didattici e laboratori creativi per le scuole.
    E’ previsto anche un sito web che conterrà le informazioni riguardanti le aree archeologiche, i monumenti, le attività, i servizi e gli appuntamenti che Albab organizzerà per i turisti e per il mondo della scuola.

    (tratto da eosarte.eu)

    p.s. è già attiva la struttura, il loro responsabile è stato intervistato da tgs qualche giorno prima di Natale in quanto avevano organizzato dei particolari giri turistici all’interno del centro storico.

  • giovannimi76 84
    01 gen 2009 alle 9:51

    …La lodevole iniziativa risale a piu’ di un’anno fa’ e ha portato anche alla realizzazione di un campo di calcetto alle spalle della chiesa san giorgio dei genovesi, gestito sempre dai giovani della cooperativa. Iniziativa lodevole che mira alla scoperta e valorzzazione del centro storico, tra le varie inziative da citare, quella del noleggio di bici e la creazione di itinerari alternativi alla scoperta della citta’ antica. Purtroppo nel pur breve periodo di vita, tale cooperativa ha gia’ subito intimidazioni mafiose..ma sembra che tali giovani stiano avendo la forza di non scoraggiarsi e continuare ad andare avanti nonostante tutto..Speriamo che durino..

  • IoGomesio 273
    01 gen 2009 alle 16:39

    l’unica cosa che avrei saputo dire è che al bab in arabo significa “porta” o “la porta”.. comunque non ne sapevo assolutamente nulla di questa organizzazione


Lascia un Commento

Ultimi commenti