29 dic 2008

Il restyling della Staz. Notarbartolo a che punto è?


Oggetto di questo articolo la stazione ferroviaria Notarbartolo, dove sono in atto lavori di restyling della struttura commerciale.

Di seguito riportiamo la segnalazione di un concittadino, che, oltre a palesare dubbi sulla velocità dei lavori, ci informa di un intervento di ristrutturazione del marciapiede limitrofo e di problemi inerenti i nuovissimi ascensori.

Ciao ragazzi vi segnalo che di fronte la stazione Notarbartolo, lato incrocio con via Emanuele Notarbartolo, la ditta che sta eseguendo i lavori sta allargando di molto il marciapiedi  sostituendo il fondo in cemento, antiestetico e rovinato, con mattonatura in gres. Ho notato comunque che il cantiere sta andando avanti ma in maniera lenta ed adesso l’intero atrio principale è chiuso e in ristrutturazione. Inoltre i nuovi ascensori e le scale mobili risultano spesso fuori uso e non funzionanti anche a causa di infiltrazioni di pioggia!!!
Cordiali saluti

A.G.

Chi si trovasse a passare da queste parti cerchi di scattare qualche foto in merito, ovviamente qualora fosse possibile.


ascensoriprogetto pegasusrestylingstazione notarbartolovia notarbartolo

4 commenti per “Il restyling della Staz. Notarbartolo a che punto è?
  • IoGomesio 273
    29 dic 2008 alle 14:59

    quando una decina di giorni fa ho palesato lo stesso dubbio alla mia ragazza mi ha preso quasi per scemo..

  • Costanza 6
    29 dic 2008 alle 20:50

    Ciao ragazzi, ci sono passata 10 giorni fa e anche io ho visto i lavori vicino al marciapiede: in realtà si tratta della pista ciclabile che costeggia il vecchio marciapiede(purtroppo non c’è un progetto integrato fra i due ma semplicemente l’aggiunta della nuova pavimentazione a lato).
    Per quanto riguarda gli ascensori penso che non siano stati collaudati quelli nuovi, per questo non possono essere utilizzati(ho letto un foglietto attaccato sulle porte).
    Non sono tanto sicura che due mesi possano bastare per completare il tutto, ma stavano lavorando intensamente anche sull’ala della vecchia biglietteria.


Lascia un Commento