01 nov 2008

PASS ZTL, al via i rimborsi, si comincia dalla lettera “Q”


Dal sito del comune:

I primi ad essere rimborsati delle spese relative al rilascio dei pass della ZTL saranno i cittadini il cui cognome inizia con la lettera "Q", quindi si completerà l’alfabeto e si ricomincerà dalla lettera "A". E’ stato stabilito, questa mattina, nei locali dell’Ufficio Traffico, di via Dogali, mediante il sorteggio pubblico con
il quale è stata estratta appunto la "Q" per avviare la procedura dei rimborsi degli assegni i pass ZTL. Gli uffici comunali hanno dato comunicazione della lettera sorteggiata alla Banca nazionale del Lavoro che, a sua volta, ha fatto sapere che provvederà a inviare mille rimborsi al giorno ai cittadini che ne hanno diritto. In riferimento alle somme da restituire ai cittadini per il rilascio dei pass della Ztl, il rimborso di 1.000 assegni al giorno è la proposta avanzata al Comune dalla Bnl. Il Comune da parte sua ha richiesto alla Banca un maggiore impegno nel senso di aumentare di parecchio l’emissione di assegni giornalieri per consentire un rimborso nei tempi più celeri possibili.


passput palermorimborsi ztlrimborsoZTL

4 commenti per “PASS ZTL, al via i rimborsi, si comincia dalla lettera “Q”
  • antony977 165912
    01 nov 2008 alle 9:36

    In tutto questo ringraziamo vivamente chi, per la propria incapacità, ha creato questo sperpero di DENARO PUBBLICO: soldi per per bandire la gara d’appalto per scegliere chi distriburà gli assegni, soldi per pagare la BNL, e altro denaro pubblico per pagare i decreti ingiuntivi presentati dagli avvocati ai quali si sono rivolti alcuni cittadini per riottenere le somme pagate (per ogni causa il comune pagherà 300-350euro).E già perchè certi pecoroni, pur di riavere 15euro hanno passato alle vie legali.E ovviamente i legali ci guadagnano facilmente…….ma sempre denaro pubblico è.
    GRAZIE ANCORA PER TUTTO QUESTO

  • antony977 165912
    01 nov 2008 alle 12:37

    se sapevo di tutto questo danno economico, era meglio che rimanevo tutto com’era…..adesso saremo noi a pagare ulteriormente


Lascia un Commento