31 ott 2008

Parcheggio al tribunale, ecco i rendering


Ecco i rendering di quello che si prepara ad essere uno dei punti nevralgici della mobilità su gomma a Palermo, ossia il parcheggio al tribunale alias Parcheggio Bastione d’Aragona. Il nome prende spunto dal bastione che era presente nell’area quando la città era dotata di mura e che è stato riportato alla luce (ed in parte valorizzato) durante gli scavi per la costruzione del parcheggio. Il progetto è stato curato dall’architetto Franco Bernardini e riguarda anche la sistemazione degli spazi in superficie. L’intera area infatti sarà pedonalizzata con la creazione di spazi verde, percorsi pedonali e un’area al coperto dove tra ponti sospesi si potranno ammirare i resti del bastione d’Aragona.

Ecco intanto alcune immagini che mostrano l’intera area in superficie:

Ecco la struttura che proteggerà ciò che resta del bastione

L’interno della struttura con i ponti sospesi

Altri particolari della piazza


lavori palermoparcheggio tribunale palermorendering palermo

Articolo precedente

40 commenti per “Parcheggio al tribunale, ecco i rendering

Comment navigation

  • Paco 7942
    31 ott 2008 alle 20:32

    @ fabdel, fidati conosco le storie delle anfore e sono i reperti meno importanti, durante gli scavi archeologici le consideriamo solo come traccia fisica ma non hanno assolutamente alcun valore intrinseco, tanto che vengono semplicemente accatastate nei magzzini dei musei o lasciate all’aperto con poca cura. Di anfore uguali ne abbiamo a milioni, venivano fatte in serie senza troppa cura in maniera glrossolana, sono molto più resistenti dei vasi e dei crateri proprio per quasto motivo, lo spessore del bordo è di alcuni centimetri. Bastioni sono pochi, quelli rimasti di palermo non riempiono le dita di una mano, visto che lo si è salvaguardato è un bene da proteggere. Non è un bene primario ma visto che c’è ed è salvo è giusto preservarlo.

  • panormus79 311
    01 nov 2008 alle 9:29

    La struttura non mi sembra poi così orribile, teniamo presente che è solo un rendering, magari nella realtà farà un effetto diverso. Non dimentichiamoci che anche la piramide di vetro di fronte il Louvre fu accompagnata da forti critiche e aspre polemiche eppure oggi è anche quella un’attrazione turistica, con questo non voglio di certo dire che i giapponesi verranno a piazza Vittorio Emanuele Orlando a fotografare questa struttura, ma forse non è poi così schifosa come si crede.

  • Federico II 80
    01 nov 2008 alle 11:13

    Io lo trovo come un belllissimo progetto. Il padiglione mi piace molto, non capisco tutte queste critiche.
    Per quanto riguarda il verde, mica ci potevano fare una foresta.

  • Davide Epifanio 0
    01 nov 2008 alle 12:13

    Per la copertura al bastione uio avrei prefertio una struttura tutta in vetri,stile louvre.
    Spero ke il parcheggio abbia dei costi modesti sennò non servirà ne al caos veicolare circostante ne agli stessi cittadini,se mettono 2 3 euro ad ora rimarrà semi vuoto

  • fabdel 989
    01 nov 2008 alle 13:39

    a me le coperture interamente trasparenti, le teche piaccionio. il fatto è che questa copertura non c’entra un tuboooo 1) sballa la volumetria dell’intera piazza, toglie profondità (le tettonia nera è un pugno in un occhio!) è vicinissima al tribunale, è UN CHIUMMO 2) il tribunale non è il louvre 3) il batione non vale un tutta queste premure, è puro esercizio di autoesibizione dell’architetto, tra l’altro neppure tanto originale visto che strutture simili sono già esistenti MA IN AREA A VALENZA MUSEALE MONDIALE, 3) allora perchè non coprono i bastioni del castello a mare, la cappella palatina, la martorana, le maioliche, gli stucchi del serpotta, l’inera casa professa e chi piu ne ha piu ne metta, TUTTO SOTTOVETRO DAI PERCHè NO?

  • fabdel 989
    01 nov 2008 alle 13:47

    con “le tettonia” (che suona come una landa ad alta concentrazione di tettone e faglie tettoniche ) volevo dire “la tettoia”. giuro che non scriverò + di getto.

  • fabdel 989
    01 nov 2008 alle 14:01

    mi spiegate perchè il bastione del tribunale sotto vetro e quelli del castello a mare, BEN PIU ANTICHI, non hanno avuto la stesse attenzione? da qui si capisce come la copertura con l’orribile tettoia nera sia totalmente inutile e superflua frutto solo di un capriccio autoesibizionistico dell’architetto

  • giorgiosky10 19
    01 nov 2008 alle 19:29

    Riallacciandomi a quanto detto prima, ripeto che se non si obbliga la gente ad utilizzare i parcheggi essi non avranno poi quella importante funzione che ci si aspetta.
    Oggi ad es sono passato da via ernesto basile e in prossimità della fiera dei morti ho notato un paradosso! Centinaia di automobili erano parcheggiate lungo la via(dove c’è divieto di sosta) mentre quel famoso parcheggio, posizionato proprio davanti la fiera e mai utilizzato a pieno, era quasi vuoto… Peccato, abbiamo sprecato la prima grande occasione per poterlo finalmente utilizzare. Tempo fa qui ho letto che probabilmente la capienza di questo parcheggio non sarebbe bastata per ospitare i mezzi di tutta la gente che sarebbe andata nel prossimo parco d’Orleans…a, me, invece, vista la situazione, mi sembra fin troppo grande!

  • Paco 7942
    02 nov 2008 alle 21:13

    @ fabdel, ma che esempio fai? Stai parlando di un sito subaqueo dove si è voluto creare una particolare area museale atipica, lasciando tutto in loco. Tra l’altro quando ancora si lavorava in questo scavo io stavo lavorando in un’altro scavo a poca distanza da questo sempre a Pantelleria. La persona che si è occupata della sistemazione museale è un mio conoscente.

    In questo caso si è creato un percorso subacqueo particolare qualcosa che possa attirare un tipo di turismo atipico. Ma il valore intrinseco dell’anfora è nullo, noi le raccogliamo le utilizziamo per la stratigrafia poi vengono conservate così come sono difficilmente si recuperano o si restaurano. Se sono integre vengono a volte usate per decorare aree museali, come decorazione, spesso come fioriere, proprio perchè si tratta di reperti non significativi.

    Un po’ come le ossa degni animali mangiati del periodo preistorico, si raccolgono, si collocano nella stratigrafia, poi si mettono in cassette e si pesano. Solo rare volte, nel caso di animali rari vengono controllate meglio ma per il resto vanno a peso.

    Se partecipassi ad uno scavo vedresti quanto materiale risulta inutile, le anfore fanno parte di questo materiale. Oggetti spesso fatti a stampo in quantità industriali senza troppa cura.

  • IoGomesio 273
    02 nov 2008 alle 23:21

    queste strutture trasparenti possono essere pericolose; sapete perchè? vi racconto un aneddoto: alla villa cosiddetta del Casale nei pressi di Piazza Armerina diversi anni fa qualcuno pensò bene di usare, a protezione dei pregiatissimi mosaici rimasti pressocchè integri in molte delle stanze, una sorta di copertura in vetro (o plastica, non ricordo bene). Bene, questa copertura ha fatto si che si creasse una sorta di effetto serra, capace di far sorgere certe erbette che -con la forza della loro crescita- staccarono alcune tessere di questi mosaici. è ovvio che questa copertura venne subito buttata nella munnizza. potrebbe ripetersi una cosa simile? forse, chi lo sa.

  • sicilio 110
    03 nov 2008 alle 12:17

    sono d’acccordo di fare l’isola pedonale al tribunale anche se nn sara’ molto frequentata come altre isole pedonali del centro sopratutto nel week wend secondo il mio punto di vista,mentre ha proposito della copertura sui muri sono contrario sul lato estetico nn c’era bisogno. se i beni culturali ritengono che i muri del bastione hanno questo grande prestigio allora xke iniziano a progettare alla ricerca dei muri intorno al centro storico…

  • Paco 7942
    03 nov 2008 alle 19:15

    @IoGomesio, si tratta di cose ben differenti, a piazza armerina (come a Gela) si pensò bene (o male) di mettere il vetro a protezione creando effetto serra e sacche di umidità, qui si tratta di un’intera struttura non a contatto con il materiale, a Piazza Armerina attualmente c’è qualcosa di simile a questo ma molto più banale altrimenti i mosiaci non esisterebbero più, e anche così purtroppo sono troppo delicati e devono essere risistemati continuamente.

  • montebanks 9
    04 nov 2008 alle 21:41

    effettivamente se questo rendering fosse del tutto uguale al risultato finale, un pò di colore e qualche linea curva in più non guasterebbe…..Marco

  • montebanks 9
    04 nov 2008 alle 21:44

    ….anzi riguardandolo meglio forse l’unica cosa che crea un pò di movimento è proprio la tettoia…..

  • Davide_90 11
    15 nov 2008 alle 0:18

    Io non ho nulla in contrario…posso sembrare sintetico ma mi piace tutto!…
    e poi finalmente avremo il prima parcheggio non deserto!!!


Lascia un Commento