21 ott 2008

Raccolta differenziata: vendere i propri rifiuti all’Ecopunto


Arriva dal Piemonte un’iniziativa che potrebbe aiutare la collettività a sensibilizzarsi e risolvere il dannoso problema dei rifiuti, che attualmente sta interessando anche comuni del palermitano.

La Recoplastica, società specializzata nel riciclaggio dei rifiuti, è l’azienda che ha lanciato l’idea di trasformare i rifiuti in risorsa.

Chi consegnera’ all’Ecopunto carta, plastica, alluminio etc. otterra’ una ricompensa monetaria.

E’ questo il motto della campagna che la Recoplastica sta diffondendo in tutta Italia, dove mira ad aprire molteplici Punti Eco in franchising.

In Sicilia è in procinto l’apertura di un “punto eco” a Messina, ma le richieste di aperture dall’isola sono moltissime. Sappiamo benissimo che la maggioranza della collettività è molto sensibile quando di mezzo c’è una possibilità di profitto.

E allora, perchè non sfruttare questa indole per raggiungere un obiettivo comune, che è quello della salvaguardia della nostra salute e delle nostre città, sempre più sporche?

Per chi fosse interessato, per info e contatti può visitare il sito della Recoplastica all’indirizzo http://www.recoplastica.com/


ecopuntopunto ecopunto eco messinapunto eco palermoraccolta differenziatarecoplasticarifiuti

6 commenti per “Raccolta differenziata: vendere i propri rifiuti all’Ecopunto
  • giosafat 306
    21 ott 2008 alle 14:09

    Uao! Mi sembra un’idea grandiosa! Spero che chi ne abbia le possibilità non si lasci sfuggire questa valida occasione di fare qualcosa di buono per sé e per la comunità intera. Se poi consideriamo che i rifiuti sono una delle poche, se non addirittura l’unica, “risorse” che aumentano costantemente…

    PS: se vinco al superenalotto stasera, faccio tutto io!

  • blackmorpheus 54519
    21 ott 2008 alle 16:46

    L’idea è eccellente anche se non di certo nuova visto che il vuoto a rendere esiste già da anni nei paesi più civilizzati :) Speriamo solo prenda piede anche qui!

  • gbenanti 2
    21 ott 2008 alle 17:56

    L’idea è davvero interessante, negli USA c’è già un’azienda che fà la stessa cosa la terracycle, il problema di base non credo che sia tanto sensibilizzare le persone a venedere i propri rifiuti quando vedere se chi ha interessi nell’incassare le tasse sullo smaltimento dei rifiuti sia interessato a perdere il suo introito.

  • Pingback:I
  • Pingback:Drill
  • Pingback:Grunt

Comments are closed.