27 set 2008

Resoconto della “Settimana Europea della Mobilità”


Anche se non in via ufficiale, come preannunciato, abbiamo voluto presenziare a questa manifestazione, ritenendola importante per la città e per noi stessi, in quanti promotori di determinate tematiche urbane.

Oltre a presenziare nello stand informativo di Piazza Ruggero Settimo insieme ai rappresentanti di Palermo Ciclabile, Legambiente Sicilia, Amat, ecc., è stato interessante partecipare al Convegno "Aria pulita per tutti: ambiente e mobilità".

Alcuni addetti ai lavori hanno relazionato sull’importanza della salubrità dell’aria, sugli scenari che si prospettano e sull’attuale stato della mobilità cittadina. In particolare il prof. Tesoriere della Facoltà di Ingegneria ha palesato forti dubbi sulla reale capacità della città di resistere al collasso a causa della molteplicità dei cantieri aperti contemporaneamente. Indubbiamente ci saranno disagi per la circolazione viaria (specie per la posa binari del Tram e anello ferroviario). Riteniamo comunque che Palermo non può permettersi altri ritardi. Sacrifici si, ma per il bene dell’intera collettività che beneficerà di opere che cambieranno totalmente la mobilità pubblica in città. Sempre al convegno, MobilitaPalermo ha avuto il pregio di consegnare le proprie proposte per migliorare la mobilità, all’ing. Vultaggio  nominato di recente assieme altri 3 esperti, per redigere il nuovo Piano Urbano Traffico.

Infine la Nostra partecipazione all’assemblea cittadina che si è svolta nell’aula consiliare di Palazzo delle Aquile. L’assemblea presieduta da Palermo Ciclabile, ha voluto focalizzare l’attenzione sulle piste tutt’ora in costruzione: migliorie da apportare e apposite protezioni. Una buona notizia comunque  è stata annunciata e cioè entro Dicembre le piste verranno terminate e tutte collaudate. Ciò renderà  ufficiale l’azione dei vigili urbani contro auto parcheggiate selvaggiamente  sulle piste. Nuovi progetti sono praticamente pronti ma mancano di finanziamenti purtroppo.

Ringraziamo vivamente gli amici di Palermo Ciclabile per l’ospitalità e collaborazione durante questa settimana, confidando in una più proficua collaborazione per l’immediato futuro.

 


comune palermoconvegno aria pulitapalermo ciclabilePiste ciclabilisettimana europea mobilità palermoTesorierevultaggio

4 commenti per “Resoconto della “Settimana Europea della Mobilità”
  • piero82 503
    28 set 2008 alle 3:01

    BHE ECCO PERCHè PALERMO NECESSITA DI COSì TANTI RESTAURI NEL CENTRO STORICO!
    NELLE ALTRE GRANDI CITTà..I CENTRI STORICI SONO CHIUSI AL TRAFFICO…MA NOI PURTROPPO NON POSSIAMO CHIUDERLO!
    NOI NON SIAMO COME( PER ESEMPIO)MILANO CON LE FERMATE METROPOLITANE SOTTO PIAZZA DUOMO(PERCHE NON ABBIAMO LA METRò),NOI NON ABBIAMO LA CULTURA DELLA PASSEGIATA IN BICI,NOI NON ABBIAMO I PARCHEGGI SOTTERRANEI NELLE VICINANZE DEL CENTRO!
    QUINDI DOBBIAMO PER FORZA PRENDERE TUTTI L’AUTO..E DI CONSEGUENZA INQUINARE L’ARIA E FAR DIVENTARE I PALAZZI DEL CENTRO STORICO NERI COME LA PESTE!

    EPPURE BASTA POCO….

    1.PARCHEGGI(ULTIMARE QUELLO DEL TRIBUNALE,APRIRE QUELLO DI P.ZZA STURZO E P.ZZA UNGHERIA)!

    2.REALIZZARE LA METROPOLITANA SOTTERRANEA.

    3.COMINCIARE(TUTTI I VERI CITTADINI)AD ESPANDERE LA CULTURA DELLA BICI..E PIAN PIANO TUTTI LA COMINCERANNO AD UTILIZZARE.

  • fatamorgana 255
    28 set 2008 alle 8:36

    la settimana europea mobilita’ sostenibile e’ sicuramente un utile iniziativa. Ma slegata dai processi di pianificazione comunale sulla mobilita’. Dopo l’annullamento della ztl inizia una difficile era nella quale l’amministrazione pubblica dovrà trovare soluzioni efficaci ai problemi di traffico e inquinamento. Le categorie locali continueranno a non condividere le soluzioni proposte, e quando i cantieri dei grandi lavori in corso avranno la loro influenza sul centro città, criticheranno negativamente le stesse opere pubbliche (che daranno i frutti fra x anni).
    Lo scenario ormai e’ noto e purtroppo non tende a mutare nel tempo.
    E in queste “condizioni” palermo non parte con il piede giusto nel nuovo periodo di programmazione dei fondi del Programma Operativo Sicilia 2007-2013. E non parte nemmeno bene nel percorso di costruzione del Piano Strategico di Palermo, “capitale dell’EuroMEDITERRANEO 2010″.
    La settimana europea della mobilità sostenibile è solo un granello di sabbia (arrivato col vento e andato via col vento) se paragonata al ruolo che Palermo deve avere nel contesto dell’uso delle enormi risorse finanziarie del P.O. 2007-2013 e delle scelte importanti da fare nel Piano Strategico (partenariati pubblico-privato in primis).
    Si dovrebbe parlare molto di questi argomenti perché in questi argomenti e’ codificata, nella sua forma migliore, la partecipazione dei cittadini alle scelte della città x il futuro. E soprattutto perché in questi argomenti ci sono quantità di danaro da piccola finanziaria nazionale (solo x la sicilia).
    Ma perché invece non si parla di questi argomenti, perché i giornali o altri non pongono all’attenzione collettiva questi argomenti importanti per le opportunità di sviluppo locali?

  • Pingback:Will
  • Pingback:Off

Lascia un Commento