14 ago 2008

RESTAURO PER UNA STORICA BIBLIOTECA COMUNALE


Dal sito del comune:

Via libera all’appalto per il recupero della chiesa dei santi Crispino e Crispiniano e al restauro delle antiche librerie nel complesso di San Michele Arcangelo, sede della Biblioteca comunale.

Con la presa d’atto, approvata ieri dalla Giunta comunale, del decreto di finanziamento emanato dalla Regione, si avvia all’affidamento dei lavori il progetto che consentirà di completare la riqualificazione del gruppo edilizio in piazza Casa Professa, oggetto già di un intervento concluso nel 2005. Le nuove opere riguarderanno anche le strutture adiacenti.
Il progetto, curato dall’assessorato comunale al Centro storico, è finanziato per il 90 per cento con fondi che l’Amministrazione ha acquisito partecipando a un bando della Regione. La restante quota è a carico del Comune. In totale, l’importo è di 4 milioni e 435 mila euro, di cui 1 milione e 788 mila euro come sola base d’asta.

Adesso gli uffici prepareranno il bando di gara da trasmettere alla stazione unica appaltante regionale (Urega) per l’espletamento della gara e l’affidamento dei lavori, che dureranno 18 mesi dall’apertura del cantiere.
Il nucleo più consistente dei lavori previsti nel progetto punta alla ricostruzione della chiesa dei santi Crispino e Crispiniano, edificata nel 1149 e rinnovata nella prima parte del Seicento. I resti di un muro perimetrale sono l’unica parte della struttura oggi visibile, ma sarà possibile procedere al ripristino seguendo un criterio filologico, grazie alle specifiche ricerche fatte durante la progettazione.
L’azione di recupero interesserà anche i ruderi di due edifici (uno con tre piani da adibire a uffici, l’altro con una sola elevazione da destinare a servizi) e l’area esterna, dove si realizzeranno nuova pavimentazione e arredi a verde.
Per quanto riguarda i locali della biblioteca, il piano comprende il restauro dei manufatti lignei delle librerie settecentesche e delle scaffalature ottocentesche della sala lettura, che contengono gli schedari. Sono previsti anche l’allestimento di un deposito per volumi rari e preziosi, la sistemazione del magazzino-libri con nuovi scaffali mobili, importanti per la pulitura periodica del materiale conservato, e la fornitura di arredi e computer.

appalti bibliotecabeni culturalbiblioteca palermolavori biblioteca

Articolo precedente


Lascia un Commento